Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeTruffe onlineMestre, truffe online su subito.it e ebay, arrestata banda di nomadi

Mestre, truffe online su subito.it e ebay, arrestata banda di nomadi

Truffe online su subito.it e ebay, arrestata banda di nomadi

Continua l’attività repressiva dell’Arma nel campo delle truffe. I militari dell’Arma di Mestre hanno infatti smantellato un gruppo criminale che, in maniera sistematica ed in particolare utilizzando i siti web di e-Commerce dedicati alle vendite tra privati (Subito.it, Ebay, Autoscout24), attuava truffe nel campo della compravendita di autovetture di seconda mano e di gadget tecnologici, simulando il possesso del bene e facendosi accreditare su carte di pagamento ricaricabili discrete somme di denaro come anticipo o controvalore, per poi non consegnare il prodotto.

L’indagine partita dalla Stazione CC di Martellago (VE) hanno svelato i meccanismi fraudolenti messi in atto da una banda composta da 3 nomadi residenti in zona H.W. cl. 82 residente a Mestre, Z.D. cl. 77 residente a Oderzo, R.N., cl. 88 , residente a Martellago con numerosi precedenti di polizia per reati specifici, che sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Venezia per le ipotesi delittuose di truffa aggravata.

Gli accertamenti posti in essere, partendo da un episodio di compravendita non andato a buon fine in provincia di Padova, attraverso i riscontri documentali ed una serie di verifiche incrociate molto approfondite, nonché indagini telematiche complesse, hanno permesso di identificare con certezza i responsabili, che sono poi risultati essere autori “seriali” di analoghe truffe su tutto il territorio nazionale, per raggiungere solo con riferimento al solo periodo aprile-maggio 2017 ben 18 episodi acclarati.

Il canale web era il mezzo preferito dal trio, che pubblicava annunci su vari siti, contattando così persone in cerca dell’affare. Quindi il gruppo metteva in opera il raggiro: venivano sapientemente dissimulate le reali intenzioni e l’effettivo possesso dell’auto o della merce in vendita, grazie a materiale fotografico artefatto, proprio a simularne l’ “effettiva” proprietà.

Sul lato del pagamento, l’agguerrito gruppo utilizzava carte di credito ricaricabili, sulle quali venivano fatti i versamenti dagli ignari acquirenti, ma subito il denaro veniva riversato o prelevato, per poi sparire. Le carte erano intestate a classici prestanome probabilmente compiacenti (i Carabinieri ne hanno identificati ben 8, tutti residenti in zona) le cui posizioni sono al vaglio degli investigatori.

Nel corso delle perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Venezia i militari dell’Arma hanno trovato e sequestrato carte di credito, postepay, cellulari e computer vari probabilmente utilizzate dalla banda per effettuare le truffe e su cui saranno effettuati ulteriori accertamenti tecnici.

Sono in corso ulteriori verifiche da parte degli investigatori, per verificare se i denunciati abbiano agito da soli o se facciano parte di un’ organizzazione più articolata.

Complessivamente dalle indagini svolte è emerso un giro esteso di episodi criminosi, emersi virtualmente in tutto il territorio nazionale, con episodi allo stato accertati letteralmente in ogni Regione dello stivale, con un danno complessivo di circa 30.000 mila euro.

Qualora dovesse capitare una vicenda simile, si raccomanda pertanto di avvisare tempestivamente i Carabinieri per garantire non solo l’intervento repressivo immediato, ma soprattutto la possibilità che i soggetti possano reiterarlo nel territorio.

I consigli per contrastare lo specifico fenomeno sono i seguenti:

– verificare le generalità e le qualifiche delle persone non conosciute con le quali si contratta;

– evitare di aderire a trattative fatte esclusivamente via web, senza un contatto chiaro e personale con l’acquirente;

– chiedere e acquisire sempre dati di fatto certi, generalità, numeri di telefono, copertura assicurativa, certificati di proprietà, trascrizione sui libretti;

– in caso si sospetti, anche velati, di essere vittima di un tentativo di truffa, chiamare comunque il 112 (Numero Unico di Emergenza), anche per un semplice confronto sui fatti o un consiglio: i Carabinieri possono essere sul posto in pochi minuti e smascherare il sospetto truffatore.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.