2.8 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Tribunale Vicenza: per smaltire cause arretrate arrivano… psicologi

HomeTribunali e sentenzeTribunale Vicenza: per smaltire cause arretrate arrivano... psicologi
la notizia dopo la pubblicità

Il Tribunale di Vicenza ha assoldato un team composto in larga parte da psicologi per consultare i fascicoli fermi da oltre tre anni

Evitare il maggior numero possibile di processi civili chiudendoli con un accordo di conciliazione tra le parti.
Per farlo il Tribunale di Vicenza ha assoldato un team dell’Università di Padova composto in larga parte da psicologi.
Per combattere la giustizia-lumaca, come riporta il Corriere del Veneto, agli psicologici è concesso di consultare i fascicoli pendenti fermi da oltre tre anni sui tavoli del Tribunale per studiare le diverse sfumature dell’uso del linguaggio.

Gli esperti, che fanno parte di un progetto finanziato dalla Regione Veneto e sostento dall’Ordine degli Avvocati di Vicenza, sono tutti specializzati in dialogica: “dalle parole che vengono utilizzate nei documenti che compongono il fascicolo – spiega Gian Piero Turchi, professore del Dipartimento di Psicologia applicata di Padova e coordinatore del progetto – si possono capire moltissime cose.

“Si possono capire i punti in comune e quelli di contrasto tra le due parti in causa”.
I testi, sottolinea, spesso nascondono informazioni preziose e se le si sa decriptare è possibile valutare e misurare gli aspetti della controversia sui quali i litiganti saranno più disponibili a trovare un compromesso.

“I primi risultati sono sorprendenti – rileva Turchi – pare che circa il 70% delle cause pendenti potrebbe chiudersi con una conciliazione, sgravando le aule dall’incombenza di centinaia di udienze”.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “L’accusa di conflitto di interessi al sindaco di Venezia finisce in tribunale

» leggi anche: “Storia di sesso e amore tra conosciuti in chat finisce in tribunale

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri