pubblicità
pubblicità
12.1 C
Venezia
lunedì 12 Aprile 2021
HomeConcorso Letterario La Voce di VeneziaTOTO' AI TEMPI DEL COVID di Adriana Accarino

TOTO’ AI TEMPI DEL COVID di Adriana Accarino

Oibò, dunque, veniamo a noi.
Diamo un’occhiata in giro, vediamo un po’ cosa c’è di nuovo, scrutiamo cosa accade in questo pazzo mondo.
Dunque, mi dica, la parola a lei Signora Terra.
Ma chi c’è qua? Chi è là? Ma cosa mi dice mai. Possibile?
Toh ! Guarda un po’, un Virus !
E già, zitto zitto è arrivato, COVID l’hanno chiamato, ha una bella corona, fosse per caso un galantuomo?
Conte, Marchese, Duca, Principe o Re, è vero appartnim a mort, non c’è titolo che tenga, ma il signor Covid mo’ adda’ aspttà !
Quisquille, bazzecole e pinzellaccheri… e no, in questo caso proprio no !
Veniamo con questa nostra a dirvi che il Covid è una cosa seria assai.
…Noio volevam, volevon savuar… per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?

Ma mi faccia il piacere !
Dove volete andare ? Ma non l’avete capito ancora ?
“A casa ! Mo’ a casa dovete restare”, avrebbe detto il mitico ed irriverente Totò.
Lui, il Principe della Risata e del Sorriso, sempre attuale anche in tempi di COVID 19, avrebbe sicuramente trovato il lato umoristico di questa tragica situazione.
Avrebbe pensato: oddio, desto o son sogno?
Quello di non uscire di casa è stato uno dei divieti imposti, insieme a tante altre regole nuove, da rispettare in questi ultimi mesi.
Un divieto che ci ha costretti a stare con noi stessi, permettendoci di capire i nostri limiti e facendoci scoprire e perfezionare le nostre capacità.
Un punto a favore del Covid, però, lo dobbiamo concedere, per sua colpa o per fortuna, abbiamo dovuto inventarci un linguaggio nuovo, o meglio ancora abbiamo dovuto riscoprirlo.

Avevamo perso la capacità di parlare e soprattutto di ascoltare, ora invece, abbiamo avuto tanto tempo per riassaporare questo piacere, soprattutto di farlo con i nostri figli, guardandoli negli occhi e tentare di capire le loro sofferenze e difficoltà.
Totò avrebbe detto che questo era il momento di ripartire dall’Umanità, di avvicinarci ai più poveri e bisognosi con gesti piccoli, gentili e indiscreti, proprio come faceva lui, che quando tornava a Napoli metteva 1000 lire sotto lo zerbino dei più poveri.
Questi, ed altri, sono i gesti che fanno grande l’Umanità delle persone.
E noi cominciamo proprio da lì, dalla nostra piccola famiglia, dal nostro focolaio, dai nostri bimbi che spesso dimentichiamo e lasciamo soli in un angolo con le loro incertezze e paure pensando che sappiano cavarsela da soli.
E invece no ! Sono piccoli, ancora.
Oggi viviamo in un mondo globalizzato incentrato sulla velocità di scambio, sullo sviluppo di macchine intelligenti e freddi robot, un mondo che ci vuole uguali, ma che inevitabilmente aumenterà le diversità sociali e il degrado ambientale.
E’ un mondo che corre verso il Futuro, ma ci stiamo dimenticando che i bambini hanno bisogno anche di altro.
Di un adulto che li ascolti e sappia stargli vicino, che gli indichi la strada e che sia per lui una lucina nella notte più buia, che gli doni la serenità che merita.
Stando a casa si è riscoperta quella parte di Umanità e di dolcezza dimenticata, accantonata per fare posto al superfluo, all’inutile, alla rabbia e al rancore.

Troppo volte presi dai nostri impegni non ci accorgiamo di quanto soffrono e il loro grido di aiuto è spesso silenzioso.
Ma se guardassimo attentamente ci accorgeremmo della loro sofferenza e udiremmo il loro dolore.
Ogni periodo della nostra vita arriva per insegnarci qualcosa.
Il Covid ci ha insegnato che possiamo respirare aria pulita, che i mari possono essere blu, che le persone possono aiutarsi e sentirsi vicine anche da lontano.
Ci ha insegnato che se non vogliamo più discutere per far sentire le nostre ragioni, dobbiamo allontanare ed evitare le persone difficili e se riusciamo a lasciare andare chi non vuole camminare con noi, abbiamo capito che niente è più importante della nostra tranquillità e pace mentale.
Niente è più importante che vivere in pace.
Un proverbio buddhista recita: “Alla fine solo tre cose contano: quanto hai amato, come gentilmente hai vissuto e con quanta grazia hai lasciato andare cose non destinate a te”.
Se il Covid, da un lato, ci ha fatto arrabbiare per i divieti subiti, dall’altro, ci ha incoraggiato a fare cose mai fatte, ad amare in modo diverso, ad avvicinarci a ciò che conta veramente di più: i nostri figli.




Ci ha consumato e nutriti, feriti e aiutati, e resta, senza dubbio alcuno, una parte della nostra esistenza.
Se abbiamo imparato anche una sola di queste cose dobbiamo essergli grati.
L’Umanità, l’Amore e l’Accoglienza prima di tutto.
“E’ in questo tempo vuoto, fermo, che riconoscerai chi è che ti fa il tempo pieno, è in questo non potere che comincerai finalmente a desiderare”.
Le emozioni più belle le viviamo con Noi, in NOI.
p.s. Totò avrebbe detto: mò non posso morire, ho un appuntamento.

 

— 0 —

 
» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
sponsor
spot