domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

HomeLettere"I televirologi che ci avevano promesso l'immunità col vaccino...". Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi.
Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono di accorgersi oggi che la copertura dei siero magico dura 5-6 mesi.
“Illuminazione” prosaicamente dettata dalla necessità di rifarsi una verginità riparatoria da una narrazione che a inizio propaganda vaccinale aveva promesso il miracolo dell’immunità sempiterna con una singola dose.
Una balla colossale confermata dall’ondata di contagiati e soprattutto di ricontagiati, vaccinati addirittura con doppia dose.

Si sapeva da Luglio scorso, infatti che la copertura vaccinale durava 5-6 mesi. Lo aveva ammesso la Pfizer in un comunicato dell’8 Luglio; lo avevano ribadito le autorità israeliane che sulla base dei dati di giugno luglio, si preparavano a somministrare la tersa dose già all’inizio di agosto; ed infine lo ha confermato il dietro front del CDC Usa sull’uso delle mascherine.
Eppure, l’intero circo di televirologi, burocrati e giornalisti allineati al governo, ha sostenuto il Green Pass a 12 mesi.
Una durata inferiore avrebbe lasciato molti sanitari senza certificato già a partire da settembre/ottobre e meno di un anno non sarebbe apparso come un incentivo sufficiente a spingere le persone a vaccinarsi.

Scelta esiziale che ha indotto milioni di persone con il “lasciapassare” ad avere accesso ovunque nella convinzione di non potersi contagiare e non contagiare, come d’altra parte garantito dal presidente del Consiglio Draghi in persona nella conferenza stampa del 22 luglio: “il Green Pass dà la garanzia di trovarsi tra persone non contagiose”.
Appare lapalissiano ed incontestabile che l’inoculazione di oltre 100 milioni di vaccinazioni tra prima, seconda e terza dose premiate con un ridicolo lasciapassare ha paradossalmente generato un’ondata di contagi e decessi superiori al dicembre 2020.

L’intera narrazione del governo Draghi per giustificare il Green Pass, nelle sue versioni basic e super, come principale strumento anti-Covid sta venendo giù in questi giorni come un castello di carte.
Se i vaccini e i Green Pass non impediscono la trasmissione del China virus, qualsiasi obbligo vaccinale, formale o surrettizio, non hanno senso alcuno.
Misure sproporzionate, o meglio, capri espiatori aventi come fine un’ odiosa discriminazione tra ignari inoculati ed esseri pensanti.

Gianni Toffali
Verona

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

8 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Mark Twain diceva che è più facile ingannare le persone che non convincerle di essere state ingannate. Purtroppo siamo a un livello ben superiore, la distruzione sistematica di ogni conoscenza è giunta oramai al suo culmine, questa umanità è giustamente destinata alla sua auto-estinzione, che si sta procurando in ogni modo possibile e immaginabile. E nessuno ci rimpiangerà.

  2. Ps i vaccinati contagiano e si contagiano meno dei non vaccinati, si informi. Già questo dovrebbe farla ricredere. Ma da essere pensante, egoista, evidentemente se ne infischia di chi io vaccino per particolari condizioni di salute non può riceverlo. Non le auguro di contagiare un povero Cristo che NON HA POTUTO vaccinarsi, ovviamente, tanto meno Le auguro di finire in ospedale, se, come credo, Lei non è vaccinato. Perché sappia che in quel caso le probabilità che Lei ci lasci le penne, e un vaccinato no, sono molto consistenti.

  3. Ecco, bravo Lei, essere pensante, continui a non vaccinarsi e in bocca al lupo. E buona osservazione delle scie chimiche.

  4. Dopo che saranno state pagate le cartelle esattoriali forse il governo prenderà qualche altro sparuto provvedimento nel tentativo ingenuo di fermare un’emergenza che stanno appositamente ignorando perché nessuno vuole cambiare il sistema economico che regola la società. Polli

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...