7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Sollevare Venezia di 30 cm in 10 anni? Il prof. Gambolati: “Si può, con l’acqua”.

HomeSalvaguardia di VeneziaSollevare Venezia di 30 cm in 10 anni? Il prof. Gambolati: “Si può, con l'acqua”.
la notizia dopo la pubblicità

acqua venezia sparito monumento partigiana video

Venezia salvata dalle acque sollevandola?

Giuseppe Gambolati, docente di ingegneria all’Università di Padova, ha illustrato l’affascinante progetto nella puntata de Le Iene andata in onda domenica sera. Al microfono di Giulio Golia, lo studioso ha spiegato che l’aumento delle maree proverrebbe da due fattori: l’innalzamento del livello del mare e lo sprofondamento della superficie. Dagli anni ’50 agli anni ‘70, le industrie di Marghera avrebbero attinto acqua dolce dalle falde, causando uno schiacciamento del sottosuolo e un abbassamento della città di ben 11 centimetri.

“La nostra soluzione – spiega Gambolati – consisterebbe nell’iniettare acqua di mare, da 600 a 1.000 metri di profondità, tramite delle pompe sommerse. Introducendo quest’acqua si crea una sovrapressione che farebbe espandere e alzare la superficie”. Il progetto prevedrebbe dodici pozzi posizionati intorno alla città, che garantirebbero tempistiche di rialzamento davvero veloci: “in un anno guadagneremmo 8 centimetri, in cinque anni 20 centimetri e in dieci anni anche 27, 30 cm.”. Non ci sarebbero problemi di stabilità, in quanto “secondo i nostri studi, Venezia si alzerebbe uniformemente, senza alcun rischio di incrinature o rotture”.

“Questa tecnica è stata presentata come complementare al MOSE – continua Gambolati – e servirebbe sostanzialmente a farlo lavorare di meno”.

Le dighe mobili, infatti, sono studiate per funzionare con la marea superiore ai 110 cm: al varo del progetto erano stimate per alzarsi ogni anno un massimo di 30 volte, ma di fronte ad un livello del mare aumentato di mezzo metro, le stime parlerebbero di 100/400 accensioni annue. Con una Venezia innalzata di 30 centimetri, il MOSE entrerebbe in funzione solo al raggiungimento di quota 140.

“Abbiamo presentato il progetto alla comunità internazionale – prosegue il docente – ottenendo pareri più che favorevoli, soprattutto sulla sua fattibilità. Purtroppo non è stato approvato: qualcuno dice perché costava troppo poco, dai 200 ai 250 milioni di euro, più realisticamente si può parlare di un ambiente blindato, di una lobby.”

Il prof. Gambolati conclude condividendo il suo scetticismo sullo stato dei lavori del MOSE: “94% di completamento, forse, si riferisce alla parte strutturale, ma la parte elettronica, che è quella che comanda, a che punto si trova? Nessuno lo sa”.

La trasmissione ha poi elencato altre soluzioni già adottate in Europa per contrastare le maree, dalla barriera sul fiume Ems, in Germania (giudicata “la più fattibile” da Georg Umgiesser, ricercatore CNR per la Laguna di Venezia) a quella di Rotterdam con strutture mobili all’asciutto (proposta dall’ingegner Luigi D’Alpaos): tutte più veloci ed economiche del faraonico progetto costato 5.300 milioni e che tutt’ora giace incompiuto sotto le Bocche di Porto.

Ma il dettaglio più inquietante del servizio de Le Iene riguarda un articolo d’epoca che mostra la data prevista per il completamento del MOSE: avrebbe dovuto già essere finito anni fa.

Da allora, le maree eccezionali continuano a colpire la città, lasciando i Veneziani a tirar su acqua e a fare ogni volta l’inevitabile conta dei danni.

Nino Baldan

(per approfondire: Mose di Venezia)

sollevare venezia contro acqua alta

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Nino Baldan
Nino Baldan è laureato in tecniche artistiche e dello spettacolo. Blogger e autore, è profondo conoscitore delle realtà storiche veneziane.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...