COMMENTA QUESTO FATTO
 

Rissa davanti alla discoteca di Marghera sabato notte: stranieri contro italiani

Rissa all’esterno della discoteca Molo 5 di Marghera sabato, un ‘regolamento di conti’ che si è svolto con forze impari dato che ad attaccare due giovani mestrini è stata una ‘banda’ di stranieri.

“Molocinque è una storica discoteca di Venezia – dice lo slogan -. Aperta tutti i sabati da settembre a luglio che propone eventi con musica house e commerciale”. Sabato però verso le 4 di notte, la musica è stata diversa, molto più simile a ‘Mezzogiorno di Fuoco”.

Il diverbio sarebbe cominciato all’interno del locale. Una parola, un urto, un’occhiata storta magari, cose che succedono a volte in questi ambienti, e gli animi si sono messi in modalità “allarme rissa”.

Poi, all’esterno, la resa dei conti, con i due giovani mestrini che sarebbero stati accerchiati da una decina di ragazzi stranieri che hanno presto preso il sopravvento massacrando i due.

Dieci contro due. C’è chi racconta che il numeroso gruppo ha accerchiato la coppia già con chiaro atteggiamento intimidatorio. Nelle mani bastoni, spranghe e manganelli telescopici. Qualcuno del gruppo avrebbe estratto anche una pistola ma senza fare fuoco.

L’aggressione è durata pochi secondi, quasi quanti ne ha impiegato la polizia ad arrivare sul posto con tre volanti. Soccorsi, raccolta di testimonianze, di dichiarazioni: ma gli aggressori si erano già dileguati e non è restato altro che inviare all’ospedale i giovani mestrini. Uno dei due, di 22 anni, è stato ricoverato con ferite alla testa e a una mano. Per lui, alla fine, cinque giorni di prognosi.

Una vicenda preoccupante che ripropone il tema “Stranieri Vs locali” con, sullo sfondo, un possibile scenario di lucidità alterate da alcol o forse da sostanze che annebbiano facilitando diverbi nell’ambiente delle discoteche.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Indagini sono in corso e, a quanto pare, importanti indizi potrebbero emergere dai filmati di alcune telecamere.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here