Mestre, furgone ostruisce la strada, lampeggia e viene aggredito con mazza da baseball

Due interventi nella notte in due distinte discoteche di Jesolo, luoghi di aggregazione preferiti dai giovani in cerca di svago in questa stagione dell’anno.
Il primo intervento risale alle ore 1:00 circa. La sala operativa viene contattata dal responsabile della sicurezza di una nota discoteca il quale segnala che, a seguito di una rissa avvenuta poco prima all’interno del locale, un ragazzo riportava una ferita al volto.

Giunta sul posto la volante ha individuato un giovane che ha raccontato ai poliziotti di essere stato aggredito da un soggetto di etnia nordafricana il quale gli avrebbe sferrato un pugno alla bocca. Tuttavia, la vittima riferiva di non essere in grado di riconoscere il suo aggressore.
Medicato dal Suem 118 il ragazzo è stato informato delle sue facoltà di legge.

Alle prime luci del mattino la Volante del Commissariato di Jesolo è intervenuta presso un’altra famosa discoteca a seguito di una segnalazione di una lite tra due giovani avventori.

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

Giunti sul posto i poliziotti hanno identificato il presunto aggressore ma non vi era traccia della vittima. Sentite le prime dichiarazioni dei presenti la pattuglia si è recata presso il locale pronto soccorso dove veniva individuato anche il giovane ferito che, però, non era in grado di fornire indicazioni in quanto i sanitari stavano operando una sutura al labbro.
Anche in questo caso il giovane è stato reso edotto delle sue facoltà di legge.

Questi episodi vanno ad aggiungersi a quello avvenuto nella notte tra venerdì e sabato in una discoteca di Cavallino Treporti dove sarebbe scoppiata una rissa che avrebbe coinvolto giovanissimi di età compresa tra i 17 e i 20 anni.

Al 118 era stato inizialmente raccontato da un giovane che riportava una ferita sanguinante al labbro di essere accidentalmente caduto fuori dal locale. Tuttavia, insospettiti dal sangue che fuoriusciva dalla bocca e dalle vistose ecchimosi in volto, i sanitari riuscivano a farsi raccontare dal ragazzo, che era in compagnia di un amico, di essere stato vittima di un’aggressione messa in atto da un gruppo di 7 giovanissimi, esplosa a seguito di una lite verbale. Il 118 contattava perciò la sala operativa della Polizia. Le indagini per la ricerca degli aggressori sono ancora in corso.

ULTIME NOTIZIE PUBBLICATE


Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here