venerdì 21 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Profughi in Veneto, Bassi: spendiamo 185mila euro al giorno per clandestini

HomeNotizie VenetoProfughi in Veneto, Bassi: spendiamo 185mila euro al giorno per clandestini

Profughi in Veneto, Bassi: spendiamo 185mila euro al giorno per clandestini

“La vergogna della vicenda profughi – spiega Bassi – è certificata dai numeri pubblicati dal Corriere del Veneto e forniti dal Ministero dell’Interno”.

“Dall’inizio dell’emergenza qui sono arrivati oltre 21.000 presunti profughi – spiega il tosiano – di cui 8.701 sono ancora oggi ospitati nelle strutture pubbliche e private adibite allo scopo. Tra questi, 8.188 hanno presentato richiesta di asilo. Ad oggi, solo 1.844 istanze sono passate al vaglio delle commissioni che devono riconoscere o meno il diritto di asilo. E, tra questi, 1.196 sono stati quelli dichiarati “non riconosciuti” ovvero, semplici immigrati clandestini.

Facendo dunque una semplice proiezione di questi dati sul totale dei richiedenti asilo, ne esce un dato agghiacciante: i “non riconosciuti” potrebbero essere, in percentuale, 5.311 (8.188:1.844=X:1.196) e ci potrebbero costare 185.885 euro (5.311×35 euro) al giorno. Ovvero 67.848.025 euro all’anno. Alla faccia di tutti quegli italiani che non arrivano a fine mese e dormono sotto i ponti o nelle macchine. A fronte di questi semplici calcoli matematici che lasciano emergere un quadro disastroso per le finanze italiane torniamo a chiedere a gran voce un aumento del numero delle commissioni di valutazione e una velocizzazione nelle pratiche, anche con la possibilità di istituire una commissione per ogni prefettura”.

Sul tema i consiglieri regionali tosiani erano già intervenuti ad aprile scorso con una mozione: “Ad oggi in Italia sono presenti solo 20 Centri di riconoscimento e i tempi di attesa sono lunghissimi, chiediamo quindi che in ogni Prefettura vengano inserite delle commissioni territoriali per agevolare le tempistiche e le conseguenti operazioni. L’Italia si trova infatti – ricorda Bassi – di fronte ad una crescita esponenziale di sbarchi che confermano un incremento preoccupante del fenomeno. Inoltre l’immigrazione clandestina favorisce il nascere di attività illecite, come ad esempio il lavoro in nero e organizzazioni criminali che prosperano sul traffico dei migranti”.

I tosiani con la mozione impegnano la Giunta regionale ad intervenire presso Parlamento ed il Ministero dell’Interno affinché:

a) vengano inserite in ogni prefettura le commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale al fine di stabilire coloro che effettivamente devono essere tutelati dal diritto internazionale;

b) si strutturino come conseguenza, effettive e concrete operazioni di rimpatrio per coloro che entrano nel territorio nazionale senza diritto, violando quindi le leggi vigenti.

Redazione | 26/05/2016 | (Photo d’archive) | [cod profuve]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...