Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
4.2C
Venezia
giovedì 04 Marzo 2021
HomeL' InterventoPorto di Venezia e Porto di Chioggia: tre giorni di sciopero in arrivo

Porto di Venezia e Porto di Chioggia: tre giorni di sciopero in arrivo

Tutti i lavoratori portuali e dell’indotto in lotta per difendere e rilanciare il lavoro.

Da anni il lavoro portuale è sotto un attacco pesante da più fronti. Le mancate scelte sul suo futuro e sul suo sviluppo da parte delle Istituzioni che ne hanno competenza, determina incertezza degli imprenditori che devono investire per competere e rendere efficiente e sicuro il lavoro e segna una debolezza sulla goverance del suo sviluppo.

Il 1 ottobre l’Ordinanza della Capitaneria di Porto che riduce a 10.20 mt i fondali e l’accesso delle navi nel Canale dei Petroli e quindi alle banchine.

Una crisi di emergenza oggi sul lavoro, e una crisi sul futuro della portualità.

UNA LIMITAZIONE INACCETTABILE,
seppur motivata da parametri di sicurezza della navigazione, per le pesanti ricadute immediate con la perdita di navi e merce importanti per il lavoro portuale. Abbiamo già perso una portacontainer di 8,500 teu e prevedibilmente altre 7 navi oceaniche. La stima è di oltre 40.000 container in meno entro
fine anno, che si aggiungono a un quadro di riduzione di arrivi di oltre 100 navi dall’inizio dell’anno.

Per tutto il mondo questo è diventato un porto che può lavorare con fondali solo entro i 10,20 mt, senza se e senza ma . Danno enorme alla sua competitività, alla sua attrazione commerciale, al suo sviluppo.

Come sindacato riteniamo che queste limitazioni e le loro conseguenze non siano state adeguatamente in conto rispetto alle ricadute sul lavoro, sull’occupazione e sul reddito dei lavoratori.

La manutenzione dei canali attraverso il loro scavo, da subito, la deve fare l’Autorità di Sistema Portuale, ed è questione vitale per il porto di Venezia e Chioggia. Da subito il Ministero dell’Ambiente deve autorizzare la manutenzione dei canali, per riavere il minimo di accessibilità delle navi con fondali a 12 mt, come previsto dal PRT e dal P.O.T. Non possiamo ulteriormente accettare un clima di emergenza sul lavoro portuale, in cui garantire l’accesso alle navi sia ritenuto dannoso.

Rivendichiamo la dignità e la centralità di essere migliaia di lavoratori portuali e dell’indotto che con la loro grande professionalità, competenza, in un quadro di rispetto dei diritti contrattuali e sicurezza, lavorano in questa città e fanno da sempre parte della sua storia, della storia industriale di Marghera e dello sviluppo della Città. ​

Va approvato subito il cosiddetto “protocollo fanghi” dal Ministero dell’ambiente, come promesso da oltre un anno e che invece ha portato la capitaneria da oltre un anno a limitare l’accesso delle navi.

Dobbiamo lottare e mobilitarci perché tutte le Istituzioni, locali e nazionali, ci ascoltino, la Regione, la Città Metropolitana, il Sindaco di Venezia, il Sindaco di Chioggia, il Presidente dell’autorità di Sistema Portuale, l’ammiraglio della Capitaneria di Porto, tutti coloro che non si vogliono rassegnare ad un territorio caratterizzato dal solo lavoro turistico, tutti assieme a chiedere lo scavo dei canali.

Dobbiamo scioperare perché tutte le imprese che lavorano nel porto aderiscano alla nostra lotta, oltre ai lavoratori portuali, gli spedizionieri, agenti marittimi, gli ormeggiatori, guardia ai fuochi, rimorchiatori, trasportatori, addetti logistici, portabagagli, trasporto merci ferroviario e che coinvolga il tessuto economico e sociale del territorio.

I porti di Venezia e Chioggia sono fondamentali per l’occupazione e l’economia del territorio, non possiamo ulteriormente permettere attacchi strumentali e speculazioni.

Non accettiamo che tra qualche mese ci siano licenziamenti o ammortizzatori sociali, non c’è una crisi delle aziende del porto e della merce, c’è una crisi della burocrazia e, se non decidono, una crisi della responsabilità.

L’assemblea generale di tutti i lavoratori dei porti di Venezia e Chioggia del 17 ottobre 2019 dà mandato alle segreterie di

FILT CGIL, FIT CISL e UILTRASPORTI di proclamare l’immediato stato di agitazione di tutti i lavoratori e con un preavviso di 10 giorni di dichiarare
72 ORE dI SCIOPERO (3 GIORNI)
DEI LAVORATORI DEI PORTI DI VENEZIA E CHIOGGIA

FILT CGIL, FIT CISL UILTRASPORTI

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...