mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Porto di Venezia e Porto di Chioggia: tre giorni di sciopero in arrivo

HomeL' InterventoPorto di Venezia e Porto di Chioggia: tre giorni di sciopero in arrivo

Tutti i lavoratori portuali e dell’indotto in lotta per difendere e rilanciare il lavoro.

Da anni il lavoro portuale è sotto un attacco pesante da più fronti. Le mancate scelte sul suo futuro e sul suo sviluppo da parte delle Istituzioni che ne hanno competenza, determina incertezza degli imprenditori che devono investire per competere e rendere efficiente e sicuro il lavoro e segna una debolezza sulla goverance del suo sviluppo.

Il 1 ottobre l’Ordinanza della Capitaneria di Porto che riduce a 10.20 mt i fondali e l’accesso delle navi nel Canale dei Petroli e quindi alle banchine.

Una crisi di emergenza oggi sul lavoro, e una crisi sul futuro della portualità.

UNA LIMITAZIONE INACCETTABILE,
seppur motivata da parametri di sicurezza della navigazione, per le pesanti ricadute immediate con la perdita di navi e merce importanti per il lavoro portuale. Abbiamo già perso una portacontainer di 8,500 teu e prevedibilmente altre 7 navi oceaniche. La stima è di oltre 40.000 container in meno entro
fine anno, che si aggiungono a un quadro di riduzione di arrivi di oltre 100 navi dall’inizio dell’anno.

Per tutto il mondo questo è diventato un porto che può lavorare con fondali solo entro i 10,20 mt, senza se e senza ma . Danno enorme alla sua competitività, alla sua attrazione commerciale, al suo sviluppo.

Come sindacato riteniamo che queste limitazioni e le loro conseguenze non siano state adeguatamente in conto rispetto alle ricadute sul lavoro, sull’occupazione e sul reddito dei lavoratori.

La manutenzione dei canali attraverso il loro scavo, da subito, la deve fare l’Autorità di Sistema Portuale, ed è questione vitale per il porto di Venezia e Chioggia. Da subito il Ministero dell’Ambiente deve autorizzare la manutenzione dei canali, per riavere il minimo di accessibilità delle navi con fondali a 12 mt, come previsto dal PRT e dal P.O.T. Non possiamo ulteriormente accettare un clima di emergenza sul lavoro portuale, in cui garantire l’accesso alle navi sia ritenuto dannoso.

Rivendichiamo la dignità e la centralità di essere migliaia di lavoratori portuali e dell’indotto che con la loro grande professionalità, competenza, in un quadro di rispetto dei diritti contrattuali e sicurezza, lavorano in questa città e fanno da sempre parte della sua storia, della storia industriale di Marghera e dello sviluppo della Città. ​

Va approvato subito il cosiddetto “protocollo fanghi” dal Ministero dell’ambiente, come promesso da oltre un anno e che invece ha portato la capitaneria da oltre un anno a limitare l’accesso delle navi.

Dobbiamo lottare e mobilitarci perché tutte le Istituzioni, locali e nazionali, ci ascoltino, la Regione, la Città Metropolitana, il Sindaco di Venezia, il Sindaco di Chioggia, il Presidente dell’autorità di Sistema Portuale, l’ammiraglio della Capitaneria di Porto, tutti coloro che non si vogliono rassegnare ad un territorio caratterizzato dal solo lavoro turistico, tutti assieme a chiedere lo scavo dei canali.

Dobbiamo scioperare perché tutte le imprese che lavorano nel porto aderiscano alla nostra lotta, oltre ai lavoratori portuali, gli spedizionieri, agenti marittimi, gli ormeggiatori, guardia ai fuochi, rimorchiatori, trasportatori, addetti logistici, portabagagli, trasporto merci ferroviario e che coinvolga il tessuto economico e sociale del territorio.

I porti di Venezia e Chioggia sono fondamentali per l’occupazione e l’economia del territorio, non possiamo ulteriormente permettere attacchi strumentali e speculazioni.

Non accettiamo che tra qualche mese ci siano licenziamenti o ammortizzatori sociali, non c’è una crisi delle aziende del porto e della merce, c’è una crisi della burocrazia e, se non decidono, una crisi della responsabilità.

L’assemblea generale di tutti i lavoratori dei porti di Venezia e Chioggia del 17 ottobre 2019 dà mandato alle segreterie di

FILT CGIL, FIT CISL e UILTRASPORTI di proclamare l’immediato stato di agitazione di tutti i lavoratori e con un preavviso di 10 giorni di dichiarare
72 ORE dI SCIOPERO (3 GIORNI)
DEI LAVORATORI DEI PORTI DI VENEZIA E CHIOGGIA

FILT CGIL, FIT CISL UILTRASPORTI

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...