Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
8.9C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeNotizie VenetoPordenone: immigrati protestano perché vogliono wifi

Pordenone: immigrati protestano perché vogliono wifi

immigrati per strada con telefonino nostra

A Pordenone immigrati ai quali è garantita l’ospitalità si sono lamentati per il mancato rispetto, a loro dire, di alcuni diritti fondamentali come il wi fi: forse è il caso di spiegare agli immigrati che arrivano nella nostra terra che esistono dei limiti nel pretendere diritti che tali non sono.

Il Wi Fi non è un diritto e non rientra tra gli obblighi di chi dà accoglienza e ospitalità. Chi fugge dalla fame, dai pericoli della guerra o da malattie, si accontenta di ben altri standard di assistenza e non penso metta al primo punto Internet.

Ma questa protesta, per altro ricorrente, che torna di tanto negli angoli più disparati della penisola italica talvolta con altre richieste bizzarre come accadde in Brianza quando oltre al Wi Fi gli immigrati pretendevano persino delle biciclette, offre lo spunto per altre considerazioni: cosa accadrà quando lo stato italiano non potrà più sostenere le spese per l’accoglienza? Come reagiranno gli immigrati che oggi ospitiamo?

Prima o poi bisognerà prendere in considerazione anche questo aspetto: il dopo emergenza. Il dopo emergenza in una realtà che ha gravi problemi occupazionali e che non riesce a vedere la via d’uscita da una crisi economica epocale. Nessun pasto è gratis e se finissero i soldi?

Già oggi, la spesa dell’accoglienza è elevata, forse fin troppo. Secondo l’Istat la soglia di povertà assoluta per una famiglia di tre persone nel Nord Italia in un’area metropolitana con oltre 250 mila abitanti s’attesta a 1007 €. Tale soglia scende a 650.10 € per una sola persona sempre nel Nord Italia.

Un immigrato costa alla collettività 35 € al giorno che danno 1.050 € al mese, dunque siamo ad una cifra superiore alla soglia di povertà assoluta prevista per un italiano sebbene sia da ricordare che buona parte dei 35 € viene incassata dai signori del business dell’accoglienza, gli unici che oggi non possono parlare di crisi economica.

Chi costa alla collettività circa 1.050 € al mese pretende di avere il wi fi gratis. E chi si abitua a vivere, o sopravvivere, grazie all’accoglienza della comunità cosa farà quando non solo non ci sarà il wi fi, ma non ci saranno nemmeno i soldi per pagare alloggi, vestiario e cibo?

Roberto Ciambetti

26/07/20156

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.