venerdì 21 Gennaio 2022
7.4 C
Venezia

Piccolo morto per un’otite: genitori condannati , lo avevano curato solo con l’omeopatia

HomeIl casoPiccolo morto per un'otite: genitori condannati , lo avevano curato solo con l'omeopatia

Piccolo morto per un'otite: genitori condannati , lo avevano curato solo con l'omeopatia

L’Omeopatia è quella disciplica olistica che permette di curarsi con pratiche alternative rispetto ai farmaci, disciplina che viene però valutata in maniera controversa negli ultimi tempi.

Oggi la cronaca giudiziaria ci consegna un aggiornamento sull’argomento, inerente purtroppo all’esito nefasto dell’approccio terapeutico su un bambino.

I genitori di Francesco, il bimbo di 7 anni di Cagli (Pesaro Urbino) morto il 27 maggio 2017 a causa di un’otite batterica bilaterale curata solo con l’omeopatia, sono stati condannati dal tribunale.

L’otite, non curata da antibiotici, sarebbe evoluta in encefalite.

Il gup Paola Moscaroli ha inflitto ai genitori, con rito abbreviato, una pena (sospesa) di tre mesi di carcere per l’accusa di omicidio colposo aggravato in concorso con il medico Massimiliano Mecozzi al quale si erano affidati per la cura del piccino.

Il dott. Mecozzi, che non ha chiesto riti alternativi è stato rinviato a giudizio: il processo inizierà il 24 settembre.

Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Daniele Paci, i genitori furono corresponsabili per il decesso del ragazzino, avendo di fatto ‘avallato’ il tipo di terapia consigliata dal medico, specializzato in omeopatia, di trattare il bimbo solo con presidi omeopatici.

A causa della mancata somministrazione di antibiotici, però, l’otite degenerò in una fatale encefalite.

Il difensore dei genitori del bimbo, l’avvocato Federico Gori, ha preannunciato il ricorso in appello contro la condanna dopo la lettura della motivazione che verrà depositata entro 90 giorni.

“C’è amarezza, ma crediamo ancora nella giustizia”, ha detto il nonno materno di Francesco dopo la lettura del dispositivo.

Assente all’udienza il dott. Mecozzi, presenti invece i genitori che hanno sempre ribadito di non avere mai avuto un approccio ‘integralista’ e contrario alla medicina tradizionale.

Il motivo che li aveva spinti a rivolgersi all’omeopata, ha ribadito la difesa durante il processo, è che erano preoccupati dalle condizioni del figlio, soggetto a frequenti malanni, e del fatto che fosse continuamente sottoposto a cure antibiotiche che avrebbero potuto indebolirlo ancora di più.

Per questo si erano affidati a Mecozzi anche in virtù del fatto che dalle cure omeopatiche avevano tratto benefici in passato.

Le condizioni di Francesco, ha sottolineato il difensore, erano state altalenanti, tra miglioramenti e peggioramenti, tanto da non rendere pienamente percepibile ai genitori la gravità della situazione fino alla degenerazione in encefalite.

Padre e madre, aveva osservato ancora la difesa, portarono due volte il piccolo in visita dal medico che, a loro giudizio, in base alle sue competenze specifiche avrebbe dovuto capire che la situazione stava progressivamente degenerando.

Tutte argomentazioni che, per il difensore, avrebbero dovuto indurre il giudice ad assolvere i genitori da qualsiasi responsabilità.

Anche Mecozzi, assistito dall’avvocato Fabio Palazzo, respinge l’accusa di omicidio colposo. Sostiene di non aver imposto in alcun modo la cura omeopatica, di non aver mai impedito il ricovero del bambino, come affermano i genitori, né sconsigliato loro di rivolgersi ad altri sanitari.

La difesa del medico afferma che non vi fu nesso causale tra la sua condotta e la morte del bambino.

Francesco, secondo la ricostruzione accusatoria, era stato curato per circa 15 giorni dal dottor Mecozzi solo con preparati omeopatici e non con la terapia antibiotica prevista dai protocolli medici tradizionali.

Solo il 23 maggio 2017, dopo momenti in cui sembrava migliorare e altri di dolori acuti, il bimbo venne ricoverato d’urgenza.

Di fronte all’aggravarsi improvviso delle sue condizioni i genitori decisero di rivolgersi al 118 e il piccolo venne trasportato d’urgenza all’ospedale di Urbino. Da lì in eliambulanza venne trasferito all’ospedale materno-infantile “Salesi” di Ancona: era già in coma quando venne ricoverato in Rianimazione la notte tra il 23 e il 24 maggio, e sottoposto a un intervento chirurgico.

Francesco morì tre giorni dopo, il 27 maggio 2017, a causa della sopraggiunta encefalite.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...