7.5 C
Venezia
giovedì 21 Gennaio 2021

Piccolo morto per un’otite: genitori condannati , lo avevano curato solo con l’omeopatia

Home Il caso Piccolo morto per un'otite: genitori condannati , lo avevano curato solo con l'omeopatia
sponsor

Piccolo morto per un'otite: genitori condannati , lo avevano curato solo con l'omeopatia

sponsor

L’Omeopatia è quella disciplica olistica che permette di curarsi con pratiche alternative rispetto ai farmaci, disciplina che viene però valutata in maniera controversa negli ultimi tempi.

commercial

Oggi la cronaca giudiziaria ci consegna un aggiornamento sull’argomento, inerente purtroppo all’esito nefasto dell’approccio terapeutico su un bambino.

I genitori di Francesco, il bimbo di 7 anni di Cagli (Pesaro Urbino) morto il 27 maggio 2017 a causa di un’otite batterica bilaterale curata solo con l’omeopatia, sono stati condannati dal tribunale.

L’otite, non curata da antibiotici, sarebbe evoluta in encefalite.

Il gup Paola Moscaroli ha inflitto ai genitori, con rito abbreviato, una pena (sospesa) di tre mesi di carcere per l’accusa di omicidio colposo aggravato in concorso con il medico Massimiliano Mecozzi al quale si erano affidati per la cura del piccino.

Il dott. Mecozzi, che non ha chiesto riti alternativi è stato rinviato a giudizio: il processo inizierà il 24 settembre.

Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Daniele Paci, i genitori furono corresponsabili per il decesso del ragazzino, avendo di fatto ‘avallato’ il tipo di terapia consigliata dal medico, specializzato in omeopatia, di trattare il bimbo solo con presidi omeopatici.

A causa della mancata somministrazione di antibiotici, però, l’otite degenerò in una fatale encefalite.

Il difensore dei genitori del bimbo, l’avvocato Federico Gori, ha preannunciato il ricorso in appello contro la condanna dopo la lettura della motivazione che verrà depositata entro 90 giorni.

“C’è amarezza, ma crediamo ancora nella giustizia”, ha detto il nonno materno di Francesco dopo la lettura del dispositivo.

Assente all’udienza il dott. Mecozzi, presenti invece i genitori che hanno sempre ribadito di non avere mai avuto un approccio ‘integralista’ e contrario alla medicina tradizionale.

Il motivo che li aveva spinti a rivolgersi all’omeopata, ha ribadito la difesa durante il processo, è che erano preoccupati dalle condizioni del figlio, soggetto a frequenti malanni, e del fatto che fosse continuamente sottoposto a cure antibiotiche che avrebbero potuto indebolirlo ancora di più.

Per questo si erano affidati a Mecozzi anche in virtù del fatto che dalle cure omeopatiche avevano tratto benefici in passato.

Le condizioni di Francesco, ha sottolineato il difensore, erano state altalenanti, tra miglioramenti e peggioramenti, tanto da non rendere pienamente percepibile ai genitori la gravità della situazione fino alla degenerazione in encefalite.

Padre e madre, aveva osservato ancora la difesa, portarono due volte il piccolo in visita dal medico che, a loro giudizio, in base alle sue competenze specifiche avrebbe dovuto capire che la situazione stava progressivamente degenerando.

Tutte argomentazioni che, per il difensore, avrebbero dovuto indurre il giudice ad assolvere i genitori da qualsiasi responsabilità.

Anche Mecozzi, assistito dall’avvocato Fabio Palazzo, respinge l’accusa di omicidio colposo. Sostiene di non aver imposto in alcun modo la cura omeopatica, di non aver mai impedito il ricovero del bambino, come affermano i genitori, né sconsigliato loro di rivolgersi ad altri sanitari.

La difesa del medico afferma che non vi fu nesso causale tra la sua condotta e la morte del bambino.

Francesco, secondo la ricostruzione accusatoria, era stato curato per circa 15 giorni dal dottor Mecozzi solo con preparati omeopatici e non con la terapia antibiotica prevista dai protocolli medici tradizionali.

Solo il 23 maggio 2017, dopo momenti in cui sembrava migliorare e altri di dolori acuti, il bimbo venne ricoverato d’urgenza.

Di fronte all’aggravarsi improvviso delle sue condizioni i genitori decisero di rivolgersi al 118 e il piccolo venne trasportato d’urgenza all’ospedale di Urbino. Da lì in eliambulanza venne trasferito all’ospedale materno-infantile “Salesi” di Ancona: era già in coma quando venne ricoverato in Rianimazione la notte tra il 23 e il 24 maggio, e sottoposto a un intervento chirurgico.

Francesco morì tre giorni dopo, il 27 maggio 2017, a causa della sopraggiunta encefalite.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...
sponsor

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

Multe e denunce dopo le verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni in aeroporto a Venezia

Multe e denunce penali dopo che gli agenti hanno svolto le opportune verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni all'aeroporto Marco Polo di Venezia, e sono...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

La Milano bene trema: abusi su modelle minorenni, tre manager della moda in manette

Abusi su modelle minorenni, una vittima, "eravamo carne da macello". Anche clienti facoltosi tra gli "incontri". La più giovane è del 2004, ha solo 17...
commercial

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.