4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Pfas. Guarda (AMP): “Ministra Lorenzin ammonisce Regione Veneto su plasmaferesi”

HomeSalutePfas. Guarda (AMP): "Ministra Lorenzin ammonisce Regione Veneto su plasmaferesi"
la notizia dopo la pubblicità

Altro "scivolone" della Giunta Zaia dopo lo "scontro" sui vaccini? La plasmaferesi (dialisi, in pratica), prevista dalle linee guida regionali per rimuovere gli agenti tossici dal sangue in caso di intossicazione da Pfas, procedura che sarebbe già stata effettuata su un centinaio di pazienti, non è consigliabile secondo il Ministero della Salute

M5S scopre nuove sostanze cancerogene nell'acqua che beviamo

Si continua a parlare di Pfas, sostanze chimiche (perflouoro-alchiliche) scoperte nell’acqua di falde acquifere di alcune zone del Veneto. Mentre le iniziative si moltiplicano per sottoporre la questione in maniera più decisa ai soggetti responsabili, arriva oggi la ripresa della Consigliera della Regione Veneto Cristina Guarda (lista AMP) in merito alla decisione della Giunta Regionale di sottoporre a Plasmaferesi (dialisi, in pratica, ndr) i soggetti che presentano disturbi derivati dagli agenti chimici cosiddetti Pfas.

La Consigliera fa riferimento alla risposta del Ministro Lorenzin che ha ribadito a chiare lettere che tale pratica medica non è consigliabile in questo caso. Di più: non si sarebbe dovuto procedere senza adeguata sperimentazione

L’ “intossicazione” da Pfas interessa una vasta zona tra Vicentino, Veronese e Padovano, che potrebbe interessare 21 Comuni e circa 85 mila persone potenzialmente coinvolte.

“Da parte della Ministra della Salute, nel corso del question time alla Camera, è arrivato un chiarimento ed un forte ammonimento al Veneto in merito all’utilizzo della plasmaferesi terapeutica che la Giunta Zaia vuole adottare per affrontare l’emergenza sanitaria dei Pfas. Dal suo intervento emergono tutti i pesanti dubbi ai quali la Giunta non ha voluto dare risposta in questi ultimi mesi, malgrado le mie ripetute sollecitazioni”.

“Beatrice Lorenzin ha soprattutto fatto presente che non risultano evidenze scientifiche né specifiche raccomandazioni in ordine alla possibilità di rimuovere gli PFAS o gli PFOA attraverso l’uso della plasmaferesi: anzi, le più recenti linee guida in materia non includono detti contaminanti tra gli agenti inquinanti che possono essere rimossi con tale tecnica. E sempre secondo la Ministra la regione Veneto, prima di sottoporre le persone a tale trattamento, avrebbe dovuto procedere ad una preventiva sperimentazione, in particolare nei confronti dei bambini e degli adolescenti, maggiormente esposti a possibili conseguenze dannose per la salute”.

“Sebbene sia lodevole cercare soluzioni al problema Pfas nel sangue, ritengo sia doveroso farlo nel rispetto della scienza e a garanzia della salute specialmente dei minori. Non è di certo responsabile proporre un trattamento senza aver verificato se è utile, quali effetti produce e se davvero valga la pena di investire milioni di euro senza dati chiari è precisi. Queste informazioni si possono ottenere solo attraverso una sperimentazione, perché non possiamo permetterci di sottoporre ad un trattamento invasivo cittadini e minorenni senza aver alcuna certezza”.

Queste le conclusioni della consigliera regionale Cristina Guarda (AMP) dopo aver appreso i contenuti della risposta della titolare del dicastero della Salute ad un’interrogazione di un gruppo di parlamentari veneti del PD.

Sulla vicenda si è espresso anche il Centro Nazionale Sangue dell’ Istituto Superiore di Sanità, che ha precisato come non risultino consolidate evidenze scientifiche sull’uso della plasmaferesi per la rimozione dei Pfas dal sangue. Inoltre gli esperti ricordano come la tecnica sia invasiva, oltre che da considerarsi sperimentale.

► Nuovi acquedotti: le “mamme No PFAS” chiedono urgente confronto tra Ministero e Regione
► Pfas: non si deve mangiare il pesce pescato in 21 comuni del Veneto

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto