0.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Pensioni: nessuna novità. Tensioni tra sindacati e Draghi

HomepensioniPensioni: nessuna novità. Tensioni tra sindacati e Draghi
la notizia dopo la pubblicità

Nessuna novità sul fronte delle pensioni: manca l’intesa su ogni fronte.
La situazione è descritta come “molto tesa” tra Draghi e sindacati.
In manovra si va verso il ritorno di Opzione donna e l’ampliamento dell’Ape social, ma non c’è alcuna intesa sul meccanismo che sostituirà Quota 100.
Il confronto del premier Mario Draghi con Cgil, Cisl e Uil viene sospeso per riprendere mercoledì.
Il primo si è alzato bruscamente dal tavolo “Ho un altro impegno…” mentre Orlandini all’uscita si lascia sfuggire un “Andiamo male, male, male…” pubblico.
E non c’è accordo neanche in maggioranza, con la Lega che prova ad alzare la posta.

Il clima si fa teso.
L’esecutivo decide di rinviare a un secondo momento la decisione sull’altro grande nodo della manovra: come usare gli 8 miliardi a disposizione per il taglio delle tasse, sarà deciso nel corso dell’iter in Parlamento.
Non basta una lunghissima riunione a Palazzo Chigi.
Fonti sindacali parlano di un “braccio di ferro” dei segretari di Cgil, Cisl e Uil con il governo.
Dopo due ore di riunione il premier Mario Draghi lascia il tavolo ai ministri Franco, Orlando e Brunetta: una nuova riunione si terrà nella giornata di mercoledì.

Al tavolo il governo porta anche la proposta di nuove risorse per la Pubblica amministrazione.
Ma sulle pensioni i sindacati vorrebbero una riforma che consenta di superare la legge Fornero.
Il governo resta sulla proposta di un meccanismo graduale di ritorno alla legge ordinaria: si discute di “aspetti specifici”.
Il meccanismo di partenza, con Quota 102 e Quota 104 per l’esecutivo può cambiare di poco.
La Lega propone una mega-uscita a 63 o 64 anni nel 2022, per rinviare un intervento più complessivo al prossimo governo.
Ma sarebbe una misura “elettoralistica”, viene obiettato.
Allora si faccia “quota 41”, rilancia Matteo Salvini, con una proposta difficilmente recepibile.

Il Pd è convinto di incassare l’allargamento dell’Ape social ai lavori gravosi e la proroga di Opzione donna.
Servirebbe fare di più “per i giovani”, chiede Antonio Misiani, con una rivalutazioni delle pensioni col contributivo al minimo. Poche le certezze su questo per ora.

Draghi dovrebbe convocare il Consiglio dei ministri sulla legge di bilancio per giovedì e un’altra riunione mercoledì per approvare il nuovo decreto Recovery, per accelerare l’attuazione con alcune norme e raggiungere una serie di “target”.
Si va dalla digitalizzazione, con lo sblocco degli obiettivi del cloud nazionale, al tema delle disabilità, su cui interverrà una legge quadro, fino al turismo, con una misura da due miliardi per l’estensione del Superbonus all’80% al settore.

continua a leggere dopo la pubblicità

Sulla manovra si susseguono intanto le riunioni, con incontri bilaterali a Palazzo Chigi con i singoli ministri, e una probabile cabina di regia.
Draghi potrebbe nelle prossime ore rivedere il leader della Lega Matteo Salvini e incontrare il leader M5s Giuseppe Conte, che ha sentito di recente ma non incontra da tempo, per parlare delle misure care ai pentastellati, dal Reddito di cittadinanza, su cui c’è un’intesa per la proroga con alcune modifiche, al cashback, che sembra destinato a saltare.

Sotterranea, ma non meno accesa, la battaglia in maggioranza sul taglio delle tasse.
La questione si è fatta tanto spinosa, che la scelta dovrebbe essere rinviata all’esame parlamentare della legge di bilancio (o al limite a un decreto attuativo successivo alla manovra).
In sostanza, si stanzieranno subito gli 8 miliardi previsti, aggiungendo 6 miliardi al fondo che già oggi ha a disposizione 2 miliardi per il calo della pressione fiscale, ma solo in un secondo momento si deciderà come spenderli.

Il Consiglio dei ministri approverà dunque la norma con le risorse, poi si approfondirà il confronto con partiti e parti sociali.
Draghi e Franco vorrebbero destinare la quasi totalità delle risorse a tagliare il cuneo fiscale per i lavoratori.
Ed è questa anche la posizione del Pd di Enrico Letta.
Ma il centrodestra e il mondo imprenditoriale chiedono di agire anche lato aziende.
Circola l’ipotesi che due terzi vadano ai lavoratori, un terzo alle imprese.

Le opzioni in campo sono, secondo il sottosegretario di Leu Maria Cecilia Guerra: “Ridurre il peso dell’Irpef sul reddito da lavoro dipendente o intervenire sull’Irap, che grava in particolare su imprese e lavoratori autonomi, o una riduzione dei contributi sociali”, come il Cuaf (Cassa unica assegni familiari).

Altro nodo, i bonus edilizi. “E’ fondamentale la continuità”, dice Enrico Letta, annunciando “battaglia”.
Nel pomeriggio Dario Franceschini, che ideò l’incentivo al 90% per le facciate, incontra il ministro Daniele Franco e il sottosegretario Roberto Garofoli: alla fine nulla trapela ma il bonus, che sembrava destinato a saltare, potrebbe rientrare con modifiche, ad esempio una percentuale ridotta al 70%.

Quanto al Superbonus, caro al M5s e sostenuto da tutta la maggioranza, dovrebbe arrivare una proroga anche per le villette oltre che per i condomini, ma con un limite di reddito: si ipotizzavano 25mila euro di Isee ma la soglia sarebbe troppo bassa secondo i partiti e si starebbe ragionando sui 40mila euro.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

» leggi anche: “Pensioni, ecco come potrebbe essere il “dopo Quota 100”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?