4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Pensioni, ecco come potrebbe essere il “dopo Quota 100”

HomeEconomiaPensioni, ecco come potrebbe essere il "dopo Quota 100"
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

Pensioni, Reddito di Cittadinanza, Cuneo fiscale: le misure sono in dirittura d’arrivo con la Manovra che sta per vedere la luce.
La revisione del reddito di cittadinanza e la riforma degli ammortizzatori sociali. E poi c’è quella del fisco, col taglio del cuneo. Infine la partita forse più importante: le pensioni.

La partita della Manovra si gioca sul difficile equilibrio fra le richieste dei partiti.
D’altronde, quando si arriva alla ripartizione delle risorse, le mediazioni non si fanno a parole ma coi numeri.
E quelli non barano: misurano le distanze fra forze politiche che stanno al governo da prospettive opposte.
Martedì dovrebbe esserci il momento della verità.
Per quel giorno è atteso un consiglio dei ministri che si occuperà di Manovra, anche per definire il Documento programmatico di bilancio da inviare a Bruxelles.
Prima della riunione del governo, con ogni probabilità ci sarà una cabina di regia.

Il tema politicamente più delicato è quello del reddito di cittadinanza.
Il Movimento Cinque Stelle non vuole che la “sua” misura venga toccata, ma il fronte di chi intende metterci mano è ampio: Lega, FI e Iv vorrebbero intervenire col caterpillar.
E pure il Pd, con più cautela, chiede che venga cambiato.
Uno dei nodi è il meccanismo per la ricerca del lavoro, cioè come fare in modo che il reddito di cittadinanza impegni i destinatari a trovare un impiego.
Che poi è anche uno strumento per rendere la misura meno costosa.
“Mettere in discussione il reddito di cittadinanza è fuori dal tempo – ha detto il ministro Cinque Stelle, Stefano Patuanelli – Se poi parliamo di come far sì che la parte di occupabili possa più facilmente trovare una nuova occupazione siamo disponibilissimi a ragionare”.

continua a leggere dopo la pubblicità

Anche per il premier Mario Draghi è necessario rivedere le politiche attive del lavoro.
Il gruppo di esperti guidato dalla sociologa Chiara Saraceno consegnerà il suo rapporto a fine mese.
Fra i suggerimenti, ci sarebbe quello per una revisione dei requisiti (come le competenze o la distanza da casa) che determinano la congruità dell’offerta di lavoro a chi percepisce il reddito, in modo da arginare la possibilità di rifiutarla.
E poi altre indicazioni: potenziare i progetti utili alla collettività che il Comune di residenza “offre” a chi percepisce il reddito ed eliminare gli scogli che adesso si trovano di fronte le famiglie numerose e con minori che intendano accedere al sussidio. E anche di rendere meno rigidi i paramenti per assegnarlo agli immigrati.

Sull’investimento in Manovra di certo adesso ci sono solo i 200 milioni inseriti nel decreto fisco per arrivare fino al 31 dicembre.
E già su quelli lo scontro è stato duro, con la Lega e il M5s che se ne sono dette di tutti i colori.
Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, sta progettando una riforma degli ammortizzatori sociali, con una serie di interventi, come l’estensione delle protezioni ai lavoratori autonomi, in modo da superare o estendere il concetto della Cig.
In tutto, servirebbero circa 8 miliardi. Per il momento, però, a disposizione ce ne sarebbe più o meno la metà.

Le altre forze di maggioranza – Lega, Iv e FI – mirano al taglio dell’Irpef, nella riforma fiscale: per quella a disposizione ci sarebbero intorno ai 6 miliardi. Ma ne servono di più.
Pure il Pd punta a ridurre le tasse sul lavoro – anche per garantire più potere di acquisto ai dipendenti – e su questo ci sarebbe stata una certa convergenza con Confindustria, nell’incontro avvenuto al Nazareno.

Uno strumento per reperire risorse potrebbe essere la rivisitazione del cashback, per il momento sospeso ma non ancora cancellato: ma è un’altra delle misure simbolo del governo Conte che il Movimento cerca di salvaguardare.

sponsor

PENSIONI

Il capitolo più impellente riguarda Quota 100, che scade a fine anno.
Malgrado la Lega ne chieda il rinnovo, il governo è al lavoro per definirne le sorti.
Una delle ipotesi, forse la più “accettabile” è quella di sostituirla con l’Ape ‘contributiva’.
In pratica, come proposto del presidente dell’Inps Pasquale Tridico, le persone di 63 o 64 anni potrebbero accedere alla quota contributiva maturata alla data della richiesta, per poi avere la pensione completa al raggiungimento dell’età di anzianità.

» leggi anche: “Reddito di Cittadinanza indebitamente percepito: decine di casi a Mestre
» leggi anche: “Pensioni: dopo Quota 100 riguardo per usuranti e donne con carichi familiari

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Premesso che il reddito di cittadinanza prevede dei requisiti ristrettissimi come un ISEE bassissimo, è l’unico strumento efficace per far fronte al “Vajon” di sfruttamento che ormai dilaga in Italia, con una precarietà che avvicina allo schiavismo…
    Nel celebre TG satirico di Canale 5, dopo le inconcepibili e scandalose affermazioni di De Luca sul medesimo reddito, sono state appurate le condizioni di lavoro della prevalenza di bar a Napoli: 14 ora di lavoro, paghe da 3 euro all’ora, tutto in nero, senza indennità di malattia ecc., guai a dire di no ad un lavoro che non compete o a rifiutarsi di fare troppe ore: uno scandalo. Questo è il lavoro che viene offerto agli italiani senza che nessuno intervenga! Io porterei il reddito di cittadinanza a 1000 euro, e con Isee a 40.000, e senza considerare al casa di abitazione, almeno finché non finirà tutto questo lavoro nero e questa evasione fiscale sotto gli occhi di tutti!
    E non riguarda solo la Campania e il sud, basta andare anche al nord, come nella ricca Jesolo, e pure…. a Venezia!!!
    E aggiungerei anche la pensione di cittadinanza di 1.000 euro, dato che i giovani non avranno alcuna pensione visto il lavoro nero, precario e Stage che dilagano! Devono diventare tutti delinquenti in Italia per sopravvivere senza farsi sfruttare?
    Perché non togliamo prima i privilegi, le pensioni d’oro e “Baby” ai vari politici e relativi partiti che vogliono eliminare il reddito di cittadinanza?
    Se i “navigator” non riescono a trovare lavoro ai cittadini, è principalmente perché nessuno vuole offrire lavoro regolare e giustamente retribuito, preferiscono prendere direttamente personale da sfruttare, in nero, o attingere dalle Agenzia Interinali con contatti precari!

    Prof. Fabio Mozzatto – Venezia

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...