Nave sfiora Riva Sette Martiri, c’è chi da la colpa al ferry-boat. (video: comandante suona sirena di allarme)

1207

Nave sfiora Riva Sette Martiri, c'è chi da la colpa al ferry-boat. (video: comandante suona sirena))

In relazione alla grande paura di domenica sera, quando una nave da crociera, la Costa Deliziosa, partita alle 18 dalla Marittima nonostante un violento nubifragio in laguna, nel tratto di mare tra l’Arsenale e i Giardini ha paurosamente sbandato arrivando a pochissimi metri dalla riva, emergono nuovi elementi.

Vi è intanto da prendere atto della relazione di Costa Crociere che ha dichiarato:
«Il violento, straordinario ed improvviso evento meteorologico che ha interessato tutto il Nord Est questo pomeriggio, ha colpito anche Costa Deliziosa con violente raffiche che hanno causato una deviazione durante il passaggio nel Canale della Giudecca, effettuato come sempre sotto le indicazioni del Comandante del Porto, del pilota e dei tre rimorchiatori a cui la nave era legata che hanno con prontezza assistito la nave nella manovra. Il Comandante ha sempre mantenuto il controllo della nave pur in condizioni di estrema ed improvvisa difficoltà. La nave ha ripreso il suo corso verso la destinazione pianificata».

Mentre l’Autorità Portuale ha fatto sapere che verrà aperta un’indagine sul fatto. Questa la dichiarazione:
“Rispetto all’uscita dal porto della Costa Deliziosa questo pomeriggio in presenza di condizioni meteo-marine avverse, il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Pino Musolino dichiara: “Ci riserviamo di avviare una tempestiva verifica per appurare se la nave avesse ricevuto i necessari permessi e avesse ottemperato alle necessarie verifiche. Riteniamo inoltre necessario organizzare al più presto un ulteriore incontro congiunto con la Capitaneria di Porto per valutare ed eventualmente sollecitare l’adozione di altre misure atte a garantire che il traffico navale avvenga in piena sicurezza per i cittadini e per la città”.

Ma tra le tante dichiarazioni ufficiali c’è anche chi – a mezza bocca – “assolve” la nave da crociera indicando il ferry-boat come “responsabile” dell’accaduto.

“Il ferryboat era entrato in rotta di collisione con la nave e non riusciva a mantenere la sua dritta dalle raffiche di vento, allora la nave ha suonato la sirena e per schivarlo si è buttata verso la riva…” ci scrive un lettore, che forse dispone di informazioni che al momento non sono note.

Bisogna anche notare, però, che in nessun video che gira in rete c’è traccia di un ferry che ‘toglie acqua’ alla nave. Anzi, c’è chi racconta che è stato il ferry, incontrato molti ma molti metri prima, a dover sterzare bruscamente a causa della nave che improvvisamente ha puntato la prua verso riva.

“La scelta di virare verso riva potrebbe essere stata consapevole – ci racconta un altro lettore – anche perchè quel tipo di incidente è estremamente difficile che accada. Le grandi navi sono dotate di elica di manovra (in inglese: manoeuvring thruster), detta anche elica di manovra prodiera (bow thruster) che è un dispositivo di propulsione trasversale montato a prora (ma anche a poppa) per renderla più manovrabile”. In pratica un colosso del mare come questo ha delle potenti eliche laterali per virare.

E’ comunque un fatto che il secondo rimorchiatore che ha affiancato il primo per tirare la nave allargandola da riva dato che si era avvicinata troppo pericolosamente, sbuffa grandi nuvole di fumo nero dal fumaiolo, segno inequivocabile che la pressione del motore del mezzo della Panfido era massima.

Risulta ovvio che non dovrebbe mai essere così.

Video ripresi dalla Riva Sette Martiri qui sotto. Nel secondo si può percepire nitidamente la sirena di allarme della nave.

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here