20 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Murano, cacciata dal supermercato per i buoni del Comune. Direttrice: io non faccio la carità

HomeMuranoMurano, cacciata dal supermercato per i buoni del Comune. Direttrice: io non faccio la carità

Murano, cacciata dal supermercato per i buoni., del Comune Direttrice: io non faccio l'elemosina


Bruttissima storia avvenuta ieri nell’Isola di Murano, nella civilissima Venezia. Una donna, regolarmente autorizzata, si accingeva a pagare la spesa in un noto supermercato con i buoni emessi dal Comune di Venezia in favore delle famiglie per l’emergenza coronavirus. Il supermercato non solo non ha accettato i buoni, ma ha anche mortificato e umiliato la donna per mezzo della sua direttrice che le ha rinfacciato: “Io non faccio l’elemosina”, obbligando la cliente a riporre gli articoli già scelti in quanto non aveva denaro per pagare in alternativa ai buoni. Il nostro giornale conserverà la segnalazione con i dettagli del supermercato a disposizione del Comune o degli altri enti per le iniziative che riterranno opportuno intraprendere. Di propria iniziativa, inoltre, provvederà a girarla ad altri uffici che possano essere competenti per il fatto.

Ieri mi sono recata ad un supermercato di Murano con i buoni dati dal Comune per emergenza covid19.

Sono stata cacciata e trattata in malo modo dalla direttrice dicendo che lei non accetta buoni pasto perché non ha tempo e voglia di informarsi.

Mi ha fatto posare la spesa tra offese e mali modi, mi ha mandato via e io sono dovuta tornare a casa senza la spesa per la mia famiglia.

Abbiamo persino una registrazione audio la direttrice ci ha addirittura detto che lei non fa l’elemosina con sti buoni siccome non sa quando il Comune renderà i soldi.

lettera firmata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

8 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Credo di non essere cattivo, mi auguro che la bottegaia venga lasciata a casa, se poi avrà bisogno di elemosina si rivolga pure a mè. Per quel che vale ho visto che a Murano sono presenti due catene di alimentari a valenza nazionale, sarà mia cura non servirmi piu da loro. Cordialità da Giampaolo Penso Spinea.

  2. proprio oggi anche dove abito io è successa una coaa del genere : è il tono che disgusta ! Quello del voler umiliare le persone ….!!! Bell ‘italia !

  3. C’è una lista nel sito del Comune con i supermercati convenzionati per accettare i buoni spesa.
    Se questo supermercato é della compagnia di quelli convenzionati, la direttrice va rimossa dal suo ruolo .

  4. Penso che prima di arrivare a giudizi sia doveroso sentire anche l’altra campana. Il fatto può non essere giustificabile, soprattutto nelle modalità descritte dalla parte lesa, ma sono convinto che a questo mondo ognuno possa avere le proprie ragioni.

  5. I buoni emessi dal mio comune sono accettati solo dai negozi due supermercati convenzionati con il comune stesso.

  6. Peccato non conoscere il nome del supermercato per poterlo “boicottare”… In un periodo di difficoltà simili come si riesce anche solo a pensare di fare un’azione del genere.. Lo stato di benessere acquisito e generalizzato ha fatto perdere in alcuni casi i valori di base.

    • A murano ci sono solo 2 supermercati. …conoscendo il personale, mi sono già fatto una idea su quale dei 2 si tratta. ….

      • Trovo sia vergognoso!
        La risposta della Direttrice, sia vergognosa! Non credo che l’anticipo dei buoni lo metta di tasca sua, comprendo che ci possa essere una burocrazia che non agevola per niente( Italia si sa)… ma che figuraccia

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.