venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Martini “Con la tattica dell’attacco all’avversario, la maggioranza passa il peggio delle politiche sul territorio”

HomeVeneziaMartini "Con la tattica dell’attacco all’avversario, la maggioranza passa il peggio delle politiche sul territorio"

Mettendo in scena la tattica ben rodata della provocazione e dell’attacco all’opposizione, che è sempre e solo avversaria, non controparte politica, la maggioranza fa passare il peggio dei progetti per la città.

Quello che creano ad arte è una situazione di costante confusione, che copre quanto viene approvato. Un’operazione ancor più favorita dal fatto che le riunioni si tengono on-line, cosa che permette di togliere il microfono con un clic a chiunque dia fastidio. Ne esce solo conflitto, che fa clamore su social e giornali, mentre le notizie sui contenuti passano in secondo piano, non arrivano alla gente.

Di solito è il capogruppo fucsia che dispensa insulti, ma nei consigli comunali più importanti, come l’ultimo dell’anno sul bilancio di previsione, la parte passa direttamente al sindaco. Il messaggio chiave è che lui / loro hanno ragione mentre l’opposizione ha torto o non capisce nulla, a prescindere. Anche quando vengono forniti dati o tesi fondate, l’accusa è quella di non saper comprendere i primi e di diffondere idee balzane con le seconde.

Vediamo allora quali sono le nostre idee balzane: “Tutta la Città Insieme!” vuole evitare ulteriori escavi della Laguna e movimentazione di fanghi tossici, vuole preservare l’ambiente lagunare il più possibile, vuole puntare ad una città con una migliore qualità dell’aria e di vita, disincentivando la mobilità non necessaria e puntando ad un’urbanistica che si avvicini al concetto della “Città in 15 minuti”.

Ancora, vuole una città basata su un’economia sostenibile, dove la sostenibilità è un concetto ampio, che include anche l’aspetto sociale, oltre che lavorativo e ambientale. Questo vuol diversificazione dei settori produttivi, da raggiungere depotenziando quelli maggiormente impattanti sulla vivibilità della città, e favorendo invece la riconversione e il re-skilling della forza lavoro. Non diciamo no al progetto idrogeno, ma solo se prodotto con le rinnovabili, insomma vogliamo che si traducano a livello locale gli obiettivi dell’Agenda 2030 e di metà secolo: vogliamo che la nostra città dia il suo contributo.

Quello che invece ha passato la maggioranza fucsia è quanto segue: cementificazione in Terraferma, con nuovi condomini a Mestre, dall’Ex Umberto I a viale San Marco, il Quadrante di Tessera, e parcheggi che fioriscono ovunque. Aumento del traffico, con conseguente peggioramento della qualità dell’aria, togliendo o diminuendo le Ztl. Ulteriore potenziamento della grande distribuzione a discapito dei centri urbani. Rinnovato impulso dato al turismo, con hub dal Montiron a San Giuliano e le grandi navi a Porto Marghera, e, ancora, con l’appoggio totale alla costruzione della II pista dell’aeroporto, e l’accesso a Venezia bloccato dai varchi, così da trasformare definitivamente la città in un parco a tema. Anche la tassazione gioca un ruolo: la soglia Irpef rimane a 10mila euro, in modo da colpire le fasce della popolazione più in difficoltà, mentre nulla viene fatto per rendere meno allettante affittare a turisti piuttosto che a residenti.

La città che ne risulta è un luogo disomogeneo e disgiunto, con una parte insulare dove non si investe più in rivitalizzazione, casa e lavoro, e la parte in terraferma che si regge quasi esclusivamente sul grande commercio e sul comparto edilizio, tanto è vero che la qualità di vita si abbassa, la criminalità aumenta e i residenti se ne vanno anche da lì. In queste condizioni Venezia si appresta ad affrontare le emergenze climatiche.

Giovanni Andrea Martini

Consigliere comunale
Vicepresidente della VI Commissione

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...