spot_img
12.7 C
Venezia
sabato 23 Ottobre 2021

Marta ricorda l’aggressione. La madre del 15enne: “Forse in crisi per la dad”

HomeIl casoMarta ricorda l'aggressione. La madre del 15enne: "Forse in crisi per la dad"

Marta ricorda l’aggressione. La conferma è battuta dall’Ansa alle 18.11 di questa sera: “Ragazza accoltellata sta meglio e ricorda aggressione”. La cosa più importante, comunque, è che la ragazza migliori. Se le condizioni di salute continueranno con questi miglioramenti, Marta potrebbe uscire dal reparto di rianimazione dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso già domani o al massimo sabato. A dirlo è il direttore della funzione ospedaliera dell’Ulss 2 Stefano Formentini aprendo uno squarcio di ottimismo dopo le preoccupazioni per le sorti della 26enne.
Marta Novello è stata raggiunta da oltre 20 coltellate tre sere fa mentre faceva jogging lungo una strada di campagna di Marocco di Mogliano sferrate da un 15enne in bicicletta.
La giornata di domani sarà importante non solo per Marta ma anche per il suo aggressore, per il quale in mattinata è prevista l’udienza di convalida dell’arresto per tentato omicidio, alla presenza del suo legale di fiducia Matteo Scussat.

Il ragazzino è ancora rinchiuso nel centro di prima accoglienza del carcere di Treviso. Dopo l’ultimo incontro in cella, l’avvocato gli ha chiesto “di prendersi del tempo per riflettere ed elaborare l’accaduto”. “Quale che sia il movente e l’evento scatenante – si limita a dire Scussat – le modalità e le circostanze dell’azione fanno pensare ad un disagio, ad un disturbo profondo che andrà indagato”.
Anche per sua madre quanto compiuto dal figlio è ancora un mistero senza spiegazioni razionali. Ipotizza “che lunedì il suo cervello abbia avuto una sorta di blackout” e che la sua situazione di disagio sia da ricondurre al lungo periodo trascorso in dad. “All’inizio aveva buoni voti, poi è cominciata la didattica a distanza e lì è cambiato – continua – E da quando la squadra di calcio in cui gioca ha sospeso gli allenamenti, la situazione è peggiorata. È come se, in mezzo a tutte queste restrizioni, non riuscisse a trovare un equilibrio”.

I Carabinieri intanto proseguono le indagini seguendo un movente mai mutato in questi giorni. L’ipotesi, sulla scorta delle prove e delle testimonianze raccolte, è che l’adolescente abbia tentato una rapina, spinto dall’influenza di amicizie sbagliate. Per questo hanno sequestrato cellulare e il computer e stanno compiendo accertamenti sui coetanei che frequentava. Proprio dai messaggi gli investigatori stanno cercando di capire a cosa potessero servire i soldi che sperava di ricavare rapinando la 26enne.
Marta Novello, intanto, ieri sera è stata risvegliata dal coma farmacologico e ha potuto intrattenersi per qualche minuto con i genitori. E’ cosciente, parla con gli infermieri e risponde bene alle cure. Soprattutto – viene riferito – ricorda con precisione il momento in cui è stata assalita alle spalle dal suo aggressore e la ventina di coltellate, alcune al volto, che l’hanno ferita gravemente. Non è escluso che nelle prossime ore le sue condizioni possano permettere ai Carabinieri di sentirla per raccogliere la sua testimonianza su quanto avvenuto.

» ti potrebbe interessare anche: “Il 15enne che ha accoltellato Marta definito “bulletto” di quartiere

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Un bullo violento. O 20 coltellate le dai “per sbaglio”. Capisco il tentativo della famiglia, ma sarebbe meglio tacere.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements