8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Marito e moglie no-vax in gravi condizioni a Padova messi in stanza assieme

HomeIl casoMarito e moglie no-vax in gravi condizioni a Padova messi in stanza assieme
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

Marito e moglie no-vax in rianimazione all’ospedale di Padova – storia ormai nota in quanto ne hanno parlato tutti i quotidiani – lottano per la vita in due letti vicini.
Senz’altro un gesto compassionevole ma che può influire anche sullo stato d’animo a volte importante nel percorso di guarigione delle malattie.

Il Covid non è finito, come stiamo imparando, e il rischio di andare in ospedale per chi non è vaccinato è ancora alto.
La storia che arriva da Padova è emblematica: due coniugi della Bulgaria, 50enni, entrambi no vax, sono rimasti contagiati dal virus e dal pronto soccorso sono finiti direttamente in terapia intensiva.
Ora sono degenti su due letti uno vicino all’altro e lottano entrambi per sopravvivere.

I due coniugi si erano presentati una decina di giorni fa all’azienda ospedaliera di Padova con gli stessi sintomi: una grave difficoltà respiratoria.
Mentre venivano sottoposti agli accertamenti, che confermavano l’infezione da Sars Cov-2, hanno riferito ai medici che nessuno dei due aveva voluto presentarsi agli hub sanitari per l’iniezione.
I medici non hanno avuto il tempo di indagarne le ragioni, perché in un lampo marito e moglie hanno avuto bisogno della terapia intensiva e di essere intubati.

Inizialmente la coppia era stata separata, in due sale di rianimazione diverse.
Si davano coraggio l’un l’altra sentendosi al telefono.
Poi i sintomi della malattia si sono fatti ancora più gravi.
E la coppia è stata messa in un’unica stanza, una ‘box Covid’ di 40 metri quadrati.
I due letti vicini, lui e lei intubati e attaccati ai respiratori.

In questi casi i sanitari non rischiano di fare alcuna prognosi.
A tenerli in vita finora sono le pompe infusionali, i macchinari per la dialisi, le bombole di ossido nitrico per il controllo della circolazione.

Non è la prima volta che marito e moglie finiscono assieme in una stanza di ospedale per il Covid.
A Padova era già successo, e l’ospedale aveva cercato di sostenere questi malati anche sul piano emotivo, ricoverandoli in una ‘camera doppia’.
Ma non era ancora capitato che ciò avvenisse in terapia intensiva, e per la stessa probabile concausa: il rifiuto del vaccino.

Nonostante la campagna di immunizzazione mostri adesso alti tassi di copertura, anche in Veneto contagi e ricoveri da qualche giorno hanno ripreso a salire.
L’azienda ospedaliera di Padova, conta ad oggi 41 ricoverati Covid, 10 dei quali in terapia intensiva.
Di questi, la metà sono soggetti non vaccinati.

Il grande lavoro dei medici e il continuo avanzamento dei protocolli, però, ha fatto sì i decessi si siano quasi fermati.
L’ultimo bollettino del Ministero della Salute segnala che sono 3.725 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore in Italia (il giorno prima erano stati 3.908).
Sono invece 24 le vittime in un giorno (precedente 39).
Sono 403.715 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore. (giorno prima 491.574).

Il tasso di positività è allo 0,9%, in aumento rispetto allo 0,8% di ieri.
Sono 341 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid, 3 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite.
Gli ingressi giornalieri sono 18 (ieri 20).

I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.473, rispetto al giorno precedente 18 in più.
Gli attualmente positivi al Covid in Italia sono 74.775, secondo i dati del ministero della Salute, 759 in più nelle ultime 24 ore.
I dimessi e i guariti sono invece 4.534.584, con un incremento di 2.940 rispetto a ieri.

» leggi anche: “No Vax : festa per contagiarsi “Così saremo immunizzati” ma finiscono in terapia intensiva

» leggi anche: “
Donna incinta di 7 mesi lotta in Terapia Intensiva a Treviso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...