giovedì 20 Gennaio 2022
3.6 C
Venezia

L’esame di Maturità, la svolta. Poi l’impatto con la vita: cosa riserva questo mondo?

HomeMondoL’esame di Maturità, la svolta. Poi l'impatto con la vita: cosa riserva questo mondo?

L’esame di Maturità, la svolta. Poi l'impatto con la vita: cosa riserva questo mondo?

L’esame di Maturità e la grande svolta.

Certo il gioco è sottile e a rinforzarne il fascino c’è il mistero di quelle tre buste, lettere scarlatte nelle mani dei docenti che si offrono ambigue ai candidati maturandi che si affidano giocoforza alla fortuna.

Le ragazze, i ragazzi si stanno apprestando ad affrontare la nuova prova orale, che dopo gli scritti (chissà se sono andati bene!?) investono su quei 45 minuti di colloquio, il loro domani, la soddisfazione o la delusione, la scelta di continuare o lasciare gli studi.
Saranno tanti gli elementi che dopo cinque anni di studio, determineranno l’idea di sé che gli studenti hanno raccolto nel loro percorso e nelle relazioni interpersonali.

Si potrebbe partire dall’autostima, motore centrale del discorso formativo, così necessaria per aspirare ad un futuro possibile, per procedere verso il rispetto, la reciprocità del rispetto che segna prima di ogni altra disciplina, la peculiarità del rapporto umano.

Alla fine del quinquennio si solleva la rete dal mare che ci offre la qualità e la quantità della pesca. Vi si trovano difficoltà, svogliatezza, poca o tanta voglia di studiare, simpatia o antipatia per alcuni professori, o per i compagni di avventura, qualche ingiustizia subita, qualche stoltezza riparata, qualche sufficienza risicata.

Messa in soffitta la rassicurante tesina degli anni precedenti dal Ministro all’Istruzione Marco Bussetti, i ragazzi dovranno mettere insieme un discorso aperto concettualmente legato alle materie di studio, all’esperienza dell’alternanza scuola lavoro, e alle attività legate alla Cittadinanza e alla Costituzione.

La busta da scegliere, come nei temuti quiz televisivi, non abilita però al gioco, ma ad uno sforzo, che investe la cultura, la professionalità sociale e la preparazione dei docenti, e che incoraggia ad una narrazione, un viaggio improvvisato sulle conoscenze, sui dubbi e sulle certezze che ogni singolo ragazzo e ragazza ha riposto nel paniere in cinque anni di scuola.

Qui e ora sul piatto della fiducia, la vita di un giovane si offre, mentre tante cose intorno a lui paiono non funzionanare. La scelta dell’università, sa che è un’incognita, le prospettive di lavoro, una chimera.

Vorrebbe crescere sentendosi un buon cittadino, ma intorno a lui c’è indifferenza, la si vede, la si respira, così come la diffidenza, fino a dubitare di poter diventare un essere umano rispettoso di quella Costituzione che ha pur studiato con passione.

Si dice che i giovani abbiano bisogno di esempi, di modelli valoriali, i docenti sanno che molto della vita futura dei loro studenti, dipenderà anche da loro, da quanto avranno seminato e l’altissimo l’impegno che il corpo docente mette a disposizione per educare e formare è encomiabile.

Fuori dalle aule scolastiche c’è la vita che racconta loro di 55 milioni di italiani che non ce la fanno a pretendere di far scendere a terra dei disperati prigionieri del mare, uomini e donne osservati da chi governa come fossero cose, che le carceri sono sovraffollate, che c’è imbroglio e corruzione nella vita di tutti i giorni.

Che le cronache raccontano di odio e di violenza, che. . .

Che i ragazzi ce la mettono tutta per dimostrare di essere maturi ad una società che la loro maturità non la merita.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Con i 18 anni e il diploma di maturità sono in grado di dare il loro contributo alla società in cui vivono e anche di migliorarla. Greta insegna!

  2. Credo nella limpidezza degli studenti e sono sicura che faranno bene. Dobbiamo imparare da loro, e spingerli ad aver fiducia nel domani.

  3. Mi sono sentita così dopo la maturità, ero delusa e arrabbiata. Poi sono stata promossa e ho sperato in qualcosa che cambiasse la mia vita. Mi sono adattata a un lavoro precario e mi dicono di ringraziare il cielo. Auguri a tutti i ragazzi.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...