venerdì 28 Gennaio 2022
3.9 C
Venezia

Le “Gallerie che non ti aspetti” all’Accademia: opere mai esposte del Seicento e Settecento

HomeVenezia storicaLe "Gallerie che non ti aspetti" all'Accademia: opere mai esposte del Seicento e Settecento

Inaugurato alle Gallerie dell'Accademia il nuovo percorso espositivo dedicato alla pittura a Venezia e nel Veneto nel Seicento e Settecento.

E’ stato inaugurato questa mattina, 31 agosto 2021, nei monumentali Saloni Selva-Lazzari al piano terra delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, il nuovo percorso espositivo dedicato alla pittura a Venezia e nel Veneto nel Seicento e Settecento. Si tratta di una selezione di 63 opere, mai esposte prima d’ora o mai ammirate nella veste attuale, risultato di un importante intervento di restauro per dare nuova luce e cromaticità ai dipinti.

Il nuovo allestimento è stato definito “Le Gallerie che non ti aspetti” e anche “Un museo nel museo”: ottocento metri quadrati di spazi espositivi predisposti per valorizzare opere che erano nei depositi e far comprendere l’evoluzione artistica della scuola pittorica locale restituendo circolarità al percorso espositivo al piano terra con un anello di congiunzione tra la prima sezione, inaugurata nel maggio 2015 (sale 1-4) e l’ultima, aperta nel gennaio 2016 (sale 7-13).

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza del ministro della Cultura, del presidente della Regione Veneto, dell’assessore al Turismo e alla Coesione sociale del Comune di Venezia, di rappresentanti istituzionali, autorità civili e militari. Presenti inoltre il direttore generale Musei Massimo Osanna, Toto Bergamo Rossi direttore di Venetian Heritage, che ha finanziato l’allesimento delle sale e il recupero di alcune opere, e Cristiano Venturi, Chief Executive dell’azienda che ha realizzato l’impianto di illuminazione a led.

Sottolineata l’importanza di saper fare rete sul territorio con un obiettivo comune, quello di tutelare il patrimonio artistico e culturale italiano; la capacità di stringere sinergie tra pubblico e privato per salvaguardare le opere d’arte; l’ulteriore importante contributo alla rinascita di Venezia, in sicurezza, alla vigilia dell’inaugurazione della Mostra internazionale del Cinema.

“Con questa iniziativa – ha dichiarato il direttore Giulio Manieri Elia, che ha curato il progetto insieme alla vicedirettrice Roberta Battaglia e a Michele Nicolaci – le Gallerie diventano il luogo privilegiato, nel panorama mondiale, per conoscere un tassello importante e ancora poco noto della storia dell’arte, in particolare della pittura a Venezia e nel Veneto nel Seicento, che per la prima volta viene rappresentata in museo con uno spazio interamente a essa dedicato”.

La sala 5 ospita opere di grande formato del Seicento veneziano giunte per lo più da chiese ed edifici religiosi della città, frutto di innesti provenienti dai pittori ‘foresti’. Si possono ammirare le monumentali pale di Luca Giordano, come la Deposizione di Cristo dalla croce e di Pietro da Cortona. All’interno del vasto spazio sono stati identificati alcuni approfondimenti tematici, come ad esempio quello dedicato alla decorazione della chiesa veneziana dell’Ospedale degli Incurabili, andata distrutta nel 1831, di cui oggi viene presentata per la prima volta in assoluto la Parabola delle Vergini sagge e delle Vergini stolte di Padovanino, restaurata e riallestita a soffitto per restituirne la corretta visione dal basso in alto. In esposizione anche un ampio frammento della Parabola del banchetto di nozze di Bernardo Strozzi e due lunette di Giovanni Battista Langetti, principe dei “tenebrosi”.

La sala 6 propone invece uno sguardo d’insieme sulla variegata produzione pittorica veneziana del Settecento, con alcune sottosezioni tematiche. A dominare lo spazio, suddiviso in tre navate, di cui una dedicata interamente a Giambattista Tiepolo, il Castigo dei serpenti, una tela lunga più di 13 metri proveniente dalla Chiesa veneziana dei Ss. Cosma e Damiano. Alle pareti anche opere di Gianantonio Guardi, Pietro Longhi, Giulia Lama, Francesco Zuccarelli e Alessandro Longhi, che con il suo monumentale ritratto della famiglia Pisani chiude il percorso introducendo alle sale dedicate all’800.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.