11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

La speranza è l’ultima a morire. Hellas Verona, un’altra lezione al Diavolo

HomeHellas VeronaLa speranza è l’ultima a morire. Hellas Verona, un’altra lezione al Diavolo
la notizia dopo la pubblicità

Hellas Verona, bisogna sperare che arrivi lo straniero?

Parlare di Fatal Verona dopo l’ennesima vittoria dei Gialloblu sul Milan è scontato.
Un tre a zero che non lascia dubbi, i ragazzi di Pecchia hanno umiliato quelli di Gattuso per grinta, gioco e risultato. Ora però, bado ai facili entusiasmi.

Visti anche i risultati delle dirette concorrenti, i tre punti servono solamente a restare aggrappati al treno salvezza. Terzultimo posto e permanenza in serie A a un punto, quindi ancora tutto è possibile. La quota quest’anno dovrebbe attestarsi sui 32 punti, quindi un’impresa tutt’altro che proibitiva per tutti.

La vittoria sui rossoneri può essere lo snodo fondamentale del campionato degli scaligeri, a patto di dare una continuità di prestazioni e risultati. Ora arriverà la trasferta di Udine e il match casalingo con la Juventus per chiudere il girone d’andata.

Se il gioco e la grinta rimarranno questi, le possibilità di compiere l’impresa ci sono. Ciò che colpisce della squadra è la fiducia e il sostegno che i giocatori danno al loro allenatore, fiducia confermata alla Domenica Sportiva dai fratelli Zuculini.

In precedenza ammetto di essermi schierato per il cambio in panchina ma a conti fatti probabilmente la difesa dell’allenatore da parte della società è la mossa giusta. Il materiale tecnico a disposizione di Pecchia è questo, innegabili certi errori di lettura delle partite ma difficilmente un altro mister potrebbe fare di meglio.

Il problema è la rosa corta con mancanza di alternative in certi ruoli, credo però che sia finalmente stato risolto il pasticcio Pazzini, si gioca meglio senza.

Le qualità del numero 11 non si discutono ma è anche vero che non ha dimostrato granché quando era impiegato. Quattro goals su rigore e poco più, per il gioco di Pecchia, evidentemente non è così funzionale.

Serve un attaccante più veloce e purtroppo è l’unica vera prima punta in rosa, Kean nonostante il gol non può essere a diciassette anni il salvatore della Patria. Ha qualità ma è ancora acerbo e per gran parte delle partite sembra nascondersi dalla palla. Inoltre si è avverato quello che ventimila tifosi sostengono da mesi, senza Fares e Souprayen la squadra è migliore.

La società dovrà muoversi a gennaio, importante come prima mossa, sarebbe mantenere Caceres fino a giugno. Difensore che fa la differenza in un club che deve salvarsi.

Inoltre servirebbe un’altra punta centrale. Dato che Pazzini dovrebbe lasciare in direzione Torino (queste sono le prime indiscrezioni). Un attaccante di esperienza che già conosce la serie A italiana, no quindi ulteriori scommesse.

L’importante è che chiunque arriverà, lo faccia con il giusto spirito.

Mattia Cagalli

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mattia Cagalli
Fin dalla prima ora tra i fondatori di questo Giornale, è giornalista, scrittore e regista cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione, si occupa anche di calcio e del Verona, sue grandi passioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità