-1.6 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

LA BICI CON LE CAMPANELLE di Veronica Bracchi [concorso letterario]

Home Concorso Letterario La Voce di Venezia LA BICI CON LE CAMPANELLE di Veronica Bracchi
sponsor

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”

sponsor

A Milano, lungo via Paolo Sarpi, l’arteria principale del quartiere cinese, c’è da anni un signore che va in bicicletta; e fin qui niente di strano.

commercial

Ma sul manubrio della bicicletta questo signore ha una collezione di campanelle e campanacci, di ogni tono e di ogni foggia. Insomma, è impossibile non sentirlo e non notarlo, ma è un suono tutto sommato piacevole, rassicurante. Rassicurante anche perché non ha mai smesso: anche nei giorni della quarantena totale un paio di volte al giorno lui passava. Passava tra l’altro, vestito, con una specie di cappa nera, bizzarra ma molto elegante. Passava nel silenzio della strada quasi vuota dove si allungavano soltanto le file di chi faceva la spesa. Mascherine, ognuno curvo sul suo telefoni, ombre parallele e ben distanziate anche loro sul lastricato grigio chiaro della via pedonale. Lui passava tranquillo, regolare, concentrato – potrei dire – in mezzo a quel mondo diventato in poco tempo così diverso. Sembrava quasi che avesse una missione.

Anche di domenica passava, quando le file non c’erano, e c’erano solo radi passeggiatori di cani. Poi – quando sono arrivate – ci sono state le rondini. E nero come una grossa rondine anche lui passava. Quando le finestre si sono aperte per gli applausi, o per la musica; quando sopra la sua testa ci scambiavamo saluti, timidi, con vicini mai visti prima e rivelati dalla clausura, lui, il signore delle campanelle passava. Una volta è capitato che passasse sotto la mia finestra mentre – mestamente al computer – facevo lezione, di storia se non sbaglio. Non ho potuto fare a meno di condividere la cosa coi miei ragazzi. E lì lo scoop: un’alunnetta soave mi dice, ma sì, prof, mia mamma lo conosce, quel signore, lavora alla Scala. Come lavora alla Scala? E io che pensavo fosse non dico un barbone ma uno un po’ ai margini della società. Insomma un simpatico, meraviglioso fuori di zucca… Lo pensavo forse anche perché l’avevo visto, questo inconfondibile signore, in un’altra delle sue incarnazioni.

Era mattina presto ed ero in bicicletta anch’io. Lungo via Paolo Sarpi a quell’ora non c’era quasi nessuno. Lui, oltre alle immancabili campanelle, aveva una lunga barba grigia. La barba ce l’ha ancora ma allora era vestito come un montanaro dei boschi e sulle spalle aveva una gerla. Ed era dicembre! Insomma, era proprio Babbo Natale! Anzi, meglio: Santa Klaus o come cavolo si chiamava quel Nonno Buono prima della mutazione genetica che ne ha fatto l’araldo della Coca Cola e dell’Occidente. Anche in quel caso ricordo che ho condiviso la gioia di questo incontro non solo coi miei figli, allora bambini, ma con gli alunni dell’epoca.

Quando sono entrata in classe quel mattino proprio scoppiavo dalla voglia di dirglielo: ragazziiii, ho visto Babbo Natale!! Esiste, certo e va in bicicletta ormai, altro che renne! E loro con gli occhioni… In prima media c’è ancora un breve momento meraviglioso in cui a una storia raccontata bene i ragazzi VOGLIONO credere. Per questo stesso motivo generazioni di alunni mi hanno raccontato (me l’hanno confidato in realtà più tardi, tipo in terza, e con la voce carica di nostalgia) di aver aspettato con un ansia speciale il loro undicesimo compleanno. Senza dirlo ovviamente a nessuno un angolino del loro cuore sperava di ricevere, come Harry Potter, una lettera – anzi un gufo – che li invitasse a frequentare la Scuola di Magia di Hogwarts.

Che tenerezza… Allo stesso modo i miei ragazzi di allora erano rimasti, per un attimo, sospesi. “Prof., ma è vero??” Certo che è vero. Almeno è vero che c’è un signore diverso dagli altri che né il virus né la polizia hanno avuto cuore di fermare. E che va in bicicletta in mezzo ai riders leggero, un po’ beffardo, con la cappa nera svolazzante e le campanelle.
Mi torna in mente che un tempo proprio i lebbrosi andavano in giro con una campanella, perché la gente si spostasse al loro passaggio, lasciando però ai poveretti almeno qualcosa da mangiare. E in effetti me lo immagino un po’ scorbutico, questo originale signore. Non credo voglia farsi avvicinare, e non mi pare abbia sorriso nemmeno quando l’ho visto in versione Santa Klaus e per l’emozione stavo finendo contro un semaforo. Non è un piacione, insomma, anzi ha qualcosa di austero. Ma nella mia reclusione, la sua presenza e le sue mille campanelle mi hanno donato tanta allegria.

 

— 0 —

 
» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
sponsor

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...

Zuppa conservata male origina botulino: 40enne in rianimazione

Un uomo di 40 anni ha mangiato una zuppa scongelata ed è finito all'ospedale per intossicazione da botulino. L'incidente, che non ha responsabili se...
commercial

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Piazza Ferretto: sfonda vetrina con un tombino per rubare bottiglie esposte

Una pattuglia del Reggimento Lagunari Serenissima, impegnata nel servizio Strade Sicure, ha bloccato ieri sera un uomo che dopo aver sfondato la vetrina di...

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.