giovedì 27 Gennaio 2022
4.4 C
Venezia

Iss, Brusaferro “Molte probabilità che in 4 settimane vi sia saturazione in area medica di alcune regioni”

HomecontagiIss, Brusaferro "Molte probabilità che in 4 settimane vi sia saturazione in area medica di alcune regioni"

Iss, Brusaferro: “la probabilità che in 4 settimane si raggiunga una saturazione pari al 30-40% delle aree mediche, se il trend si mantiene come quello attuale, è presenta in molte regioni ed è superiore al 50%”.
E’ questa la novità di giornata più preoccupante in un momento in cui la corsa del virus pandemico in Italia non si raffredda e fa registrare, questa settimana, un “drastico peggioramento” con un nuovo balzo dell’indice di trasmissibilità Rt, che sale a 1,43 da 1,18, mentre l’incidenza raggiunge un valore più che doppio rispetto a 7 giorni fa passando da 783 a 1669 casi per 100mila abitanti.

Il quadro fotografato dal monitoraggio settimanale del ministero della Salute-Istituto superiore di sanità (Iss) si complica e aumenta il carico sugli ospedali, mentre le Regioni in fascia gialla salgono a 15 con 4 nuovi ‘ingressi’: sono Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo e Valle d’Aosta che, con l’ordinanza firmata oggi dal ministro della Salute, passano al giallo da lunedì.

Un’emergenza confermata anche dai numeri di venerdì, che segnalano 108.304 nuovi positivi e 223 vittime. “L’aumento dei casi preoccupa, ma l’attenzione più grande dobbiamo metterla sui nostri ospedali, sull’occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva”, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza.

I contagi, secondo i dati del bollettino giornaliero del ministero, sono calati rispetto ai 219.441 di ieri per effetto del diminuito numero di tamponi processati nella giornata di festività del 6 gennaio, mentre le vittime sono aumentate da 198 a 223 in 24 ore. Sono 492.172 i tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, rispetto a 1.138.310 di ieri, ed il tasso di positività è al 22% (il giorno prima era al 19,3%). Quanto alle ospedalizzazioni, sono 1.499 i pazienti in terapia intensiva, 32 in più in 24 ore, ed i ricoverati nei reparti ordinari sono 14.591 (+764).

Il quadro che emerge dal monitoraggio non è migliore e segnala che il tasso di occupazione in intensiva è salito al 15,4%, mentre quello di area medica ha raggiunto il 21,6%. Questo contesto fa dire al presidente Iss Silvio Brusaferro: “la probabilità superiore al 50% che in 4 settimane si raggiunga una saturazione pari al 30-40% delle aree mediche, se il trend si mantiene come quello attuale, è presenta in molte regioni”.

La crescita dei casi, ha evidenziato, è “soprattutto nella fascia d’età 20-29 anni, ma cominciano ad essere coinvolte anche le fasce d’età più avanzate e questo è un elemento su cui occorre particolare precauzione. C’è stato invece un rallentamento della crescita della curva tra i 5 e 11 anni ma c’è comunque la necessità di ricoveri ospedalieri anche tra gli under19”.

Inoltre, il trend delle reinfezioni è “in aumento e ciò conferma il dato – rileva – che c’è un rischio di infezione elevato nelle persone che non effettuano il booster”. Tutto questo, avverte, indica dunque che siamo di fronte ad un “drastico peggioramento dell’epidemia” con una “rapida impennata nel numero dei nuovi casi e una fortissima circolazione del virus in tutte le Regioni tranne che nella PA di Bolzano dove ci sono segnali di decrescita”.

Cruciale è pertanto una “più elevata copertura vaccinale in tutte le fasce d’età, così come rallentare e invertire il trend dei casi con misure di mitigazione, l’uso delle mascherine e la riduzione degli assembramenti”. Questi dati, ha evidenziato anche il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, “mostrano che Omicron, sebbene in parte meno virulenta, è una variante estremamente contagiosa ed è bene rallentarne la corsa, mantenendo comportamenti prudenti e soprattutto effettuando il richiamo vaccinale per prevenire le forme più gravi di malattia”.

Tuttavia, sottolinea il presidente della Federazione delle aziende sanitarie (Fiaso) Giovanni Migliore, “le previsioni epidemiologiche ci dicono che la curva dei contagi così come cresce rapidamente decrescerà altrettanto rapidamente e ci aspettiamo una fase di picco che durerà meno rispetto all’inverno scorso e poi la situazione dovrebbe stabilizzarsi”. Quanto al picco, “guardando alla Germania, rispetto alla quale abbiamo un ritardo di circa un mese come aumento di contagi, me lo aspetterei nella seconda metà di gennaio e poi – conclude Clelia Di Serio, Ordinario di Statistica Medica all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e direttore del Centro Universitario di Statistica per le Scienze Biomediche (CUSSB) – ci sarebbe una decrescita”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto?

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...