domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Zaia: “Tutta Italia, o quasi, in giallo: è verosimile”

HomeVeneto 'giallo'Zaia: "Tutta Italia, o quasi, in giallo: è verosimile"

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, oggi ha tenuto il consueto punto di aggiornamento con la stampa sulla situazione del Covid, nella mattinata però, ospite di Skytg24 per parlare del suo nuovo libro, ha offerto delle anticipazioni.
“Verosimilmente, se continuerà così, tutta Italia, o quasi, passerà al giallo nelle prossime settimane” ha affermato oggi al tg di Sky. Tuttavia, ha sottolineato Zaia, “da un lato c’è il Super Green pass che dovrebbe quantomeno blindare e scongiurare la chiusura delle zone arancioni, con chiusura dei confini comunali e di molte attività come bar e ristoranti. Dall’altro lato, invece, la strategia è quella di vaccinare, e vedo di buon grado che ci sia questa giornata, sembra domani, che prevede delle azioni vaccinali importanti”.

Rispondendo a domanda finale diretta dell’intervistatore, che lo sollecitava su una previsione sul Natale che verrà, Zaia ha risposto: “C’è la zona gialla che prevede alcune restrizioni, poi c’è la zona arancio che prevede orari per bar e ristoranti eccetera, e poi c’è il rosso nel quale siamo tutti chiusi a casa… ecco, io spero che non si arrivi a quello…”.

Nell’incontro delle 12.30 alla Protezione Civile di Marghera il presidente ha poi ribadito: “Non escludo il passaggio della regione nella fascia gialla nelle prossime settimane. Direi non la prossima settimana, ma quella successiva” ha spiegato Zaia affermando che in questo senso, il Veneto “è ad alto rischio”.

Le terapie intensive degli ospedali del Veneto sono occupate dall’80% da persone non vaccinate mentre nelle aree non critiche l’incidenza di questa categoria è del 55%.
Un’altra precisazione importante di Zaia sottolineando che “incomincia, seppur in maniera leggera, la pressione del paziente Covid negli ospedali. E lo sforzo della macchina sanitaria regionale, sebbene dopo 21 mesi si trovi ancora sul pezzo, ha chiesto, ancor oggi, un contributo ulteriore. E, purtroppo, non ci sono rinforzi”.

Ci sono due milioni di veneti che devono vaccinarsi entro fine anno: “è una grande sfida – ha osservato Zaia – L’obiettivo è di farne 40 mila al giorno, ma auspico che si arrivi anche a 50 mila”. Su 31.853 vaccinati ieri, 28.178 riguardano le terze dosi, 1.525 le seconde dosi e 2.150 le prime dosi.
“Il Veneto è all’85,8% di persone che si sono sottoposte alle inoculazioni; c’è spazio per un ulteriore 4%: Gli over 80 è al 99,9%, nella fascia 70-79 al 93,2%, 60-69 al 90,2%, 50-59 all’86,1%, 40,49 all’80,4%, 30-39 all’80,3%, 20-29 all’84,6%, 12-19 al 73,7%. Fra un po’ potranno vaccinarsi anche nella fascia 5-11 anni “e la scelta – ha precisato Zaia – spetta ai genitori che si consulteranno con i propri pediatri e medici di fiducia”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Regione
Notizie dalla Regione. Per contattare la redazione scrivere a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...