1.1 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

IO E LEI di Alba Mazzarella [concorso letterario]

Home Concorso Letterario La Voce di Venezia IO E LEI di Alba Mazzarella
sponsor

banner concorso letterario vdv 980140

sponsor

Seduto sul divano, guardo la tv: le scene, viste e riviste, di infermieri troppo affannati e affaticati in ospedali sempre troppo pieni di persone che soffrono, mi agitano ancora e ancora una volta non posso fare a meno di esclamare: “Ma tu guarda che situazione! Se ci si ferma a riflettere, è allucinante…un incubo ad occhi aperti. E non finisce, non finisce!”
Lei, accanto a me, mi guarda con i suoi occhioni neri, innamorati, e annuisce.
“Io vorrei solo poter andare al mio paese, dai miei parenti… anche se non possiamo abbracciarci è sempre come stare a “casa”, quando sono lì…. Ora che ci penso tu non ci sei mai venuta, al mio paesello… sempre qualche complicazione…. Ma te la ricordi Rossana? E Lucia? E il figlio di Nunzia, Mario? Quello con cui giocavi sempre, te lo ricordi? E’ da tanto che non ci vediamo. Sono anni che non vengono a trovarci. Stiamo invecchiando tutti, ormai, muoversi diventa difficile. Non mancano un poco anche a te?”
Per tutta risposta mi si avvicina, vorrebbe abbracciarmi ma sa che non può. Le sorrido, cercando di tranquillizzarla: “Ma vedrai, finirà prima o poi questa sciagura del Covid e ricominceremo ad incontrarci ed abbracciarci tutti”, le dico, accarezzandole lievemente la testa.

commercial

“Hai fame? Preparo qualcosa, dai”.
Resta davanti alla tv, mentre io, in cucina, provo a scuotermi da questa dolorosa apatia e a inventarmi gourmet: filetto al vino rosso, sono certo che le piace, ed è comunque sempre meglio dei tristi panini al prosciutto e minestrine in brodo di dado con cui punisco la vita da quando siamo rimasti soli in casa io e lei.
Ci mettiamo a tavola e la luce che illumina i suoi occhi mi rivela tutta la sua gratitudine per la cena che le ho preparato. Mangiamo, silenziosi e vicini, io perso nei miei pensieri, lei a spiare le mie emozioni. Finita la cena sparecchio, rassetto, un altro po’ di tv, un altro po’ di noia e noci da sgranocchiare, da condividere con lei in questo tempo dilatato fatto di silenzi.
“Andiamo a nanna?”. Mi segue docile e un po’ svogliata si avvia al letto. Di notte – queste notti lunghe, senza sonno a lenire la mia angoscia – la sento che si agita e si lamenta. Sicuramente i ragazzi mancano anche a lei: il loro chiasso, il loro disordine, il loro prenderla in giro, i loro inaspettati regali. Durante il giorno vaghiamo da una stanza all’altra, due cacciatori alla ricerca di tracce, odori, ricordi. Segni di vita. Di tanto in tanto ci incrociamo, nel nostro vagare in questo carcere che è diventata la nostra casa, in questo silenzio interrotto solo dalla musica e dalla tv.
Lei vorrebbe sempre uscire, io sto sempre a ricordarle che no, più di tanto non si può. Anche questo la rende triste.
Ho deciso: domani ti porto al mare.
********************************

“Sveglia, dormigliona!” le urlo ridendo. Lei si tira su, a fatica, ancora mezza addormentata. “Stamattina andiamo a fare una passeggiata a mare!” le comunico. L’entusiasmo per il programma mattutino toglie dal suo volto qualsiasi traccia di sonno.
Arriviamo sulla spiaggia, il sole ci bacia la fronte e sparge milioni di luccichii sull’azzurro del mare. Passeggiamo lentamente, vicini, nel nostro consueto silenzio.
“Che dici, facciamo una corsetta?”
Annuisce e cominciamo a correre, felici come bambini, un po’ arrancando sulle nostre ossa vecchie e non allenate – non siamo mai stati troppo sportivi in questa vita insieme – e presto la mancanza di respiro per l’inusuale corsa ci fa pendere la lingua. Ci fermiamo a riprendere fiato, io più di lei: io grasso e pesante, lei snella e sinuosa potrebbe correre ancora. O forse no, perché non mi incita a continuare. Riprendiamo a passeggiare lentamente, godendoci la carezza dei raggi di sole novembrino. All’improvviso si ferma e si distende sulla sabbia con la sua naturale eleganza, anche in questo gesto un po’ selvaggio. Capisco che è stanca, mi siedo accanto a lei, appoggio la mano sulla sua testa morbida e insieme restiamo lì a guardare il mare.
“Ti voglio bene, sai?” le dico. Mi guarda intensamente negli occhi e sorride. E, dopo tanto tempo insieme, quasi mi sembra che arrossisca alla mia dichiarazione d’amore.

Mi intenerisce vederla invecchiare. Per me resta sempre la mia bambina e dimentico che ha una certa età anche lei. Anzi, è anche un po’ più vecchia di me. Me ne accorgo la mattina, quando fatica ad alzarsi dal suo materasso. Quando le offro da mangiare e gira la sua bella testa bianca in un rifiuto, guardandomi triste, quasi a scusarsi. Quando la prendo in giro e lei, che è stata sempre giocosa, mi si rivolge con un’espressione stizzita, quasi a dirmi: “ma che vuoi da me?”.
E temo e tremo al pensiero che un giorno dovrà lasciarmi.
Non adesso, ti prego, Tatanka, mia “cana”, mia compagna e compagnia. Non adesso. Non lasciarmi solo anche tu, in questo vuoto cosmico in cui sono caduto per questa pandemia. Non potrei sopportarlo.
Resta accanto a me: tu non puoi, ma io sì, a te posso regalare il mio abbraccio.

 

— 0 —

 
» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...
sponsor

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

All’esame di guida con l’equipaggiamento da spia: due suggeritori fuori davano risposte

A quanto pare in questo periodo gli stranieri le studiano tutte per superare l'esame di scuola guida senza la fatica di imparare. Dopo il nigeriano...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
commercial

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...

Zuppa conservata male origina botulino: 40enne in rianimazione

Un uomo di 40 anni ha mangiato una zuppa scongelata ed è finito all'ospedale per intossicazione da botulino. L'incidente, che non ha responsabili se...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.