venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Io a Parigi, come nel più classico dei quadri. Di Cesare Colonnese

HomeCesare Colonnese e il CalderinoIo a Parigi, come nel più classico dei quadri. Di Cesare Colonnese

parigi d'epoca LARGE

E’ spesso la notte che ripercorro le ” Rue ” di Parigi con la memoria e mi imbatto in un vialone maestoso e senza fine.
Sono le champs elisee, nell’8 Arrondissement, una delle passeggiate piu’ famose del mondo da dove si sprigionano le fragranze di un profumo Guerlain che fugge dalla porta aperta di una delle profumerie piu’ famose del mondo.

L’Arco di Trionfo maestoso e imponente sta lì in fondo,piazzato nel centro ed io col mio corpo finalmente minuto che ci gironzolo intorno come fossi una formica.
Metro’, scale che salgono e che scendono. Odore di chiuso, ma di liberta’.

Cinque fermate. “Attention a la marche en descendant du train” ripete ad ogni fermata l’audio automatico della metro’. Scendo.
Una scalinata ripida, andando su, si abbraccia come un’edera ad una fila di lampioni in salita che da Pigalle portano direttamente alla Chiesa del Sacro cuore di Montmartre.

Quando ci andai le prime volte, lo ricordo bene… mi sembrava di scappare di casa e correre incontro alla liberta’. Vedevo Pigalle come la zona a luci rosse di Parigi tutta da scoprire, dove tutto era possibile, dove la malizia si spogliava di ogni vergogna. Locali, sexy shop, uomini, donne, liberta’ di ogni tipo e colore. Quello che Venezia nel suo silenzio non mi aveva mostrato mai o che almeno mi aveva mostrato in modo piu’ garbato e meno sfacciato. Poi, quando tornai piu’ volte mi accorsi che anche tutta quella liberta’ era diventata una cosa normale. La vita ci cambia. Le esperienze cambiano il nostro rapporto con le situazioni.

Il Sacro cuore si affaccia prepotentemente su Parigi, accovacciandosi come un colomba bianca dalle ali mezze aperte ad una scalinata grandiosa dove turisti, giovani, anziani o ragazzini trovano accoglienza e riposo durante le lunghe ed estenuanti camminate parigine. Bambini che corrono, voci, persone allegre. Un paradiso dove la malinconia e’ vietata.

Una volta salita quella scalinata e dimenticato il piccante luogo a luci rosse, basta che io giri l’angolo per ritrovarmi come di incanto in un quadro di Monet. Sembra aver dipinto anche me lì in mezzo, nella Piazza degli artisti. Mi sento a casa. Per i colori, per le voci, per i suoni che si odono, per quelle note che sembrano scivolare tra le dita di chi sfiora i tasti alla fisarmonica nella speranza di riaccimulare qualcosa. Lo fa sorridendo e sorridendo si allontana anche se nessuno in quel cappellino mettera’ un centesimo. Pare dire non importa, andra’ meglio la prossima volta.

Come nel piu’ classico dei quadri, trovo posto su una panchina, raggiunta casualmente seguendo un intensa scia di profumo di crepes. In mano ho…

> > segue > >

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.