giovedì 27 Gennaio 2022
4.4 C
Venezia

Il miracolo dello schiavo di Tintoretto – Gallerie dell’Accademia, Venezia.

HomeArte e CulturaIl miracolo dello schiavo di Tintoretto – Gallerie dell’Accademia, Venezia.

Jacopo Robusti, soprannominato Tintoretto (Venezia, 1519 – 1594) per il mestiere del padre che era un tintore di tessuti, dipinse Il miracolo dello schiavo (Il miracolo di San Marco), un’opera di grandi dimensioni conservata alle Gallerie dell’Accademia di Venezia. Firmato in basso a destra, risulta essere uno dei dipinti più emblematici, poiché in esso si rispecchiano le grandi qualità dell’artista, costituite dall’impiego di effetti scenografici a dir poco rivoluzionari.

Il pittore e scrittore Carlo Ridolfi (1594 – 1658), che scrisse una biografia sulla vita di Tintoretto, raccontò che il pittore iniziò il suo apprendistato nella bottega di Tiziano con il quale ebbe un rapporto conflittuale. Pare che il maestro lo avesse allontanato, poiché notando le qualità artistiche dell’allievo, temesse di essere superato. In effetti quando Tintoretto realizzò Il miracolo dello schiavo, ne stava approfittando del fatto che Tiziano non era in Italia, ma si trovava alla corte di Augusta per ritrarre Carlo V.

La tela in principio venne eseguita per la confraternita di carità Scuola Grande di San Marco e raffigura un miracolo del patrono di Venezia San Marco, che giunge allo scopo di salvare uno schiavo che sta per essere martirizzato da un signore di Provenza per aver venerato a Venezia le reliquie del santo. È dall’alto che San Marco, sorreggendo sottobraccio il libro da evangelista, interviene per distruggere gli strumenti di tortura, impedendo così agli aguzzini tedeschi e turchi di fratturare le gambe e accecare il pover’uomo.

La Loggetta sansoviniana collocata a sinistra ci suggerisce che la scena è ambientata nella piazza veneziana, luogo in cui i “foresti” (stranieri) erano una presenza costante per via del transito delle merci. Tintoretto lega il miracolo ai turchi e fa indossare ai personaggi il turbante.

Lo storico dell’arte, saggista ed esperto Augusto Gentili, un docente che insegnò nell’università Ca’ Foscari di Venezia, afferma che, secondo la tradizione iconografica, quando un santo è raffigurato a figura intera coi piedi in terra significa che il miracolo riguarda un episodio accaduto mentre il santo era in vita, bensì se appare in volo, come in questo caso, l’azione del santo è avvenuta dopo la sua morte.

Tintoretto si ispirò probabilmente vedendo un rilievo in bronzo intitolato Miracolo dello schiavo (1541-1544) (Fig.2) di Jacopo Sansovino situato nella seconda tribuna della basilica di San Marco, dove il santo venne rappresentato nella medesima postura. Nel dipinto di Tintoretto si nota che nessuno sta volgendo lo sguardo verso il santo e questo perché durante la sua comparsa si è reso invisibile agli occhi degli astanti.

La posa del santo è l’elemento più importante del dipinto, poiché tutta la prospettiva è orientata sulla sua mano, il gesto diventa la chiave dell’azione. Inconsciamente l’osservatore, travolto dalla dinamicità, si trova catapultato nella scena. L’uso della convergenza su un gesto fu proprio un’invenzione di Tintoretto che apportò dunque uno sconvolgimento artistico eccezionale, ottenendo risultati di grande intensità drammatica nei contrasti di luce e colore. La convergenza fu collocata in alto del quadro per dare un effetto di prospettiva ribaltata, in cui il piano dell’immagine non è dritto, ma inclinato. Tintoretto quindi eseguì opere scenografiche che si contraddistinguono per la pittura rapida, gli effetti luminosi e realistici. Grande estimatore di Michelangelo, meditò sulle sue opere per creare figure possenti in pose audaci.

Fig. 2 Jacopo Sansovino ''Miracolo dello schiavo'' [1541-1544]. Venezia San Marco, seconda tribuna. Foto da Art e Dossier, Gentili A., Tintoretto – I temi religiosi
Fig. 2 Jacopo Sansovino ”Miracolo dello schiavo” [1541-1544]. Venezia San Marco, seconda tribuna. Foto da Art e Dossier, Gentili A., Tintoretto – I temi religiosi

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Manuela Moschin
Manuela Moschin, scrittrice. E' laureata in Storia dell’Arte - Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali, conseguita presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Curatrice del Blog librarte.eu, dedicato all’arte e alla letteratura.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.