lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

IL CORONAVIRUS INDISCIPLINATO di Lucia Doz

HomeConcorso Letterario La Voce di VeneziaIL CORONAVIRUS INDISCIPLINATO di Lucia Doz

C’era una volta un tempo in cui gli uomini non potevano più parlare se non con una mascherina sulla bocca e non potevano toccarsi, se non muniti di guanti e non ci si poteva avvicinare a meno di un metro.
Era assai strano comunicare in quel modo; la gente non poteva sorridere e se lo avesse fatto non lo si poteva vedere, tutti si guardavano con sospetto e paura, dovevano mettersi in fila, fare la coda per ogni cosa ed era assolutamente vietato passeggiare, giocare, anche andare a scuola o fare le cose più normali del mondo!
Ma che mondo era?
Tutto era incominciato da un piccolo virus, cugino di altri piccoli virus, chiamati coronavirus, ma come in tutte le famiglie che si rispettano, il piccolo virus, ribelle di natura e assai curioso, volle prendere la sua strada e conoscere l’affascinante e misterioso corpo umano.
Fu invitato a riflettere su questa decisione, la stagione invernale era sul finire e la temperatura si sarebbe alzata gradualmente, cosa non salutare.
Doveva affrettarsi.

Lui una casa l’aveva già, un simpatico pipistrello in cui viveva tranquillamente , di comune accordo, ma la curiosità era grande e un giorno, nel baccano incredibile dei mercati rionali cinesi, fece il grande salto.
Cominciò a balzare di corpo in corpo, con una velocità incredibile che lo rendeva euforico nella sua folle corsa.
E gli uomini morivano come mosche e non riuscivano a vederlo, a riconoscerlo ed erano costretti a stare lontani tra loro per impedirne la trasmissione.
Il piccolo coronavirus, cugino ribelle della famiglia dei coronavirus , poteva vivere solo se trovava una casa accogliente, ospitale, piuttosto malandata, che non avrebbe fatto resistenza al suo ingresso.
Oh no, i giovani non facevano per lui! Troppo scanzonati, troppo smaliziati, troppo sportivi, in piena salute, insomma troppo giovani…
Quelli di mezza età, anche un po’ avanzata, erano più guardinghi e sospettosi, in grado di conoscere le sue fragilità, i suoi punti deboli, magari li attaccava ma questi se lo portavano in giro senza grandi conseguenze personali ed erano degli ottimi tassisti.
Ma gli anziani, quelli sì, erano perfetti, ce n’erano tanti…

Voleva continuare nella sua opera di devastazione e non ci stava a modificarsi per venire incontro all’uomo. Perché mai avrebbe dovuto diventare un banale raffreddore come i suoi cugini?
Ora che era così famoso e riconosciuto pandemico, ci teneva a tenere alta la bandiera.
La tristezza ormai aveva colpito gran parte delle persone e i loro cuori congelati non sapevano più esprimere i gesti dell’amore, dell’amicizia, della condivisione.
I nonni non potevano accarezzare i bambini e i bambini si sentivano sempre più soli ed infelici, non più baci, abbracci, carezze, né una stretta di mano , né un sorriso..
La natura guardava sconsolata all’equilibrio perduto. Non doveva andare così. Sì, l’uomo aveva agito in maniera sconsiderata, irragionevole ma non poteva permettere che ci fosse una lotta all’ultimo sangue nei suoi regni, creando devastazione e smarrimento.
Da dove si poteva cominciare?
Madre natura si rivolse al suo regno vegetale e disse : “trovate la soluzione”.

Allora il bosco cominciò a mormorare sottovoce e il vento, che spirava tra i rami, portò i sussurri di albero in albero, di bosco in bosco e di foresta in foresta ; le parole crescevano ad ogni passaggio, si gonfiavano della saggezza accumulata da ogni albero in secoli di vita e diventavano man mano una nuova lingua, ricca di parole nuove per una nuova umanità.
Ma il piccolo coronavirus continuava baldanzoso nella sua opera.
Così Madre natura, che era anche sua madre, spazientita e irritata dal suo comportamento irresponsabile, lo prese per la collottola e disse “BASTA! non hai più ragione d’essere, o ti accontenti di qualche starnuto e trovi una tollerante convivenza con l’uomo o ti elimino.
Una nuova energia sta ripulendo i cieli e la terra e la saggezza , sussurrata da tutti gli alberi del mondo, ha ritrovato il cuore dell’uomo ed è un cuore giovane, pulito, nuovo.”
Così il piccolo coronavirus, rimproverato aspramente da Madre natura e portato a riflettere sulle sue intemperanze, rientrò in famiglia con atteggiamento più conciliante e remissivo.
Alla fine poteva anche accontentarsi di essere un banale raffreddore…

 

— 0 —

 
» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?