1.9 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

I social: nessuno ha più tempo di persona

Home Cesare Colonnese e il Calderino I social: nessuno ha più tempo di persona
sponsor

Probabilmente e’ il concetto di amicizia che nel tempo e’ mutato. Un tempo gli amici diventavano tali perche’ ci si frequentava, ci si confrontava, ci si conosceva, si trascorreva del tempo insieme, si aveva il desiderio di condividere.
Un tempo fare un’amicizia era una conquista e prima di scrivere il nome di un amico in agenda, quel titolo se lo doveva guadagnare. Mai si sarebbe cancellato un amico dalla agendina, nemmeno se fosse passato a miglior vita.

sponsor

Probabilmente si aveva piu’ rispetto per quel rapporto nato un poco a poco. Quel rapporto di amicizia, con molte probabilita’ sarebbe durato anni e forse tutta la vita.

commercial

Insomma,quel che voglio dire e’ che con la stessa facilita’ con cui si richiede l’amicizia sul social network, beh si, con la stessa facilita’non ci si guarda piu’ in faccia e non ci si saluta piu’.

Questo lato non bello del social network non solo non mi piace, ma mi dispiace. Alla mia agenda preferisco aggiungere amici, piuttosto che toglierli. Ecco da dove spunta il concetto di amicizia con la a maiuscola.
gente indaffarata
Facciamocene una ragione. E’la velocita’ della vita virtuale, il mondo e’ diverso, diversi sono i mezzi di approcio, il modo di rapportarsi. E noi ci adeguiamo o almeno cerchiamo di farlo, pur qualche volta non essendone capaci e sbagliando.

Sui social network, molti si danno un tono diverso e si costruiscono una personalita’ nuova. Principe, Doge, Conte, Contessa, Dogaressa, Papa, Papessa.
La Bocconi ha ospitato tanta di quella gente che chissa’ quante succursali aveva. Han tutti la laurea. Due. Tre.
Nessuno vuole essere uno qualunque, pochi si accontentano del loro vero nome e cognome. Piu’ nomi ti metti, piu’ ti senti importante. Come se bastasse un titolo davanti a un nome per rendere in gamba una persona. Conte Cesare Andrea Valerio Luchino Ruggero Colonnese.

Se non dovesse bastare puoi creare una pagina e fare in modo che ci aderisca piu’ gente possibile. Non ha importanza quale sia l’argomento della pagina, basta che parli, parli e parli.

Senza ombra di dubbio,esistono pagine e gruppi interessanti e meritevoli che espongono temi importanti e lottano per giuste cause. E’ il lato bello e utile del social network. Farne uso per lavorare.

E qualcuno lo fa. Anche troppo.

Accede a fb alle otto, non appena entra in ufficio e si disconnette alle sedici, quando il lavoro e’ finito. Poi da casa non si connette piu’ perche’la moglie non vuole, si connette solo negli orari di lavoro. Tanto,ha lo stipendio fisso e sicuro.

Deve stare dieci ore al giorno a disposizione della pagina, perche’ deve interagire con quelli che scrivono o star li a fare da carabiniere ed eliminare tutti i post che non gli stanno bene o che ritiene offensivi. Qualcuno si e’ immedesimato al punto che si crede un giornalista.

Insomma, in altre parole.
Il social e’ bello, purche’ non diventi una mania. E noi Italiani siamo tra quelli che popolano piu’ il social.
Albe e tramonti, tramonti e albe…! Intanto i giorni passano, poi i mesi, poi gli anni. E noi sempre piu’ spesso inchiodati alla poltrona e sempre meno spesso insieme agli Amici.

Il vecchio telegramma: “Ti siamo vicini in questo triste momento” e’ stato sostuituito da un semplice e di poche parole: “Rip”. Sembra una marca di biscotti salati.

Peccato, perche’ in certi drammatici momenti della vita, una persona sente il calore anche attraverso un pezzo di carta, un telegramma che giunge alla porta di casa, quando il dolore attenaglia le tue giornate e nessuno suona il campanello. Il suono, il postino, lo scritto: “Ci stringiamo a voi nel vostro immenso dolore.”
Una frase fatta sì, eppure faceva bene al cuore di chi in quel momento soffriva.
Poter sentire vicino Amici o conoscenti, sapere che qualcuno si era preso la briga di mandarti un pensiero, non era poca cosa.
Il Rip,ha un altra valenza.

Sembra volersela cavare senza far fatica,in tutta comodita’.
Tutto e’ diventato veloce. Sembra non esserci tempo. I post si susseguono, i video si accatastano, i lutti si confondono tra un Rip e l’ultimo video divertente di cartoni animati. In un solo istante passi da questo a quello. E dimentichi tutto. Sia il lutto che il video.

Scorri veloce gli ultimi post e immancabilmente ci sono i piatti del giorno di coloro che pare mangino ogni giorno caviale e code di rospo.
In quel momento ti chiedi se sei tu l’unico morto di fame del mondo dato che il tuo menu’ sara’ pasta, wurstel e insalata.
Mastichi e cominci a pensare che forse manco loro se si mantengono da soli mangiano code di rospo tutti i giorni, e ti sorge il dubbio che magari fotografano le tavole dei ristoranti quando ci passan vicino.

Scorrendo ancora poco sotto vi e’ scritto il post di Luciano: ” Nel mio intimo c’e’ Chilly”.

Ti soffermi un istante e il dito scivola sul mi piace.
Poi ti penti di aver cliccato mi piace a una simile scemenza e allora riclicchi su non mi piace piu’. Ma ti penti di nuovo,perche’ormai tutti avran visto che avevi cliccato mi piace.
Tanto vale, pensi, che lo clicchi di nuovo e che sia finita.
Allora riclicchi mi piace e così diventi complice di uno dei post piu’ cretini che Luciano abbia scritto nella sua vita.

cesare colonnese columnist la voce di venezia

Cesare Colonnese

01/05/2015

Riproduzione vietata

< < indietro < <

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...
sponsor

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
commercial

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio. Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire...

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.