Gino Paoli dà dimissioni dalla Siae. Il nuovo presidente “Siae sotto tiro da tutte le parti”

ultimo aggiornamento: 25/02/2015 ore 10:11

250

Gino Paoli dà dimissioni dalla Siae

Gino Paoli dà dimissioni dalla Siae e la presidenza passa al primo dei non eletti, il giornalista e sceneggiatore Andrea Purgatori.

Gino Paoli dà dimissioni dalla Siae. Con una lettera scritta di suo pugno l’artista genovese ha espresso il suo pensiero: “In questi giorni ho assistito purtroppo a prevedibili, per quanto sommarie, strumentalizzazioni, che considero profondamente ingiuste».
Poi: «Ho volutamente aspettato qualche giorno a parlarvi per non entrare nella foga di queste stesse strumentalizzazioni». E alla fine: «Rassegno le mie dimissioni, irrevocabili». firmato Gino Paoli.

La Siae, Società italiana degli autori ed editori che cura gli interessi di autori e compositori, perde così il suo presidente coinvolto in un intrigo che parla di due milioni di euro illecitamente nascosti al fisco trasferendoli all’estero.


E se Gino Paoli dà dimissioni dalla Siae, il nuovo presidente per subentro dovrebbe essere il giornalista e sceneggiatore Andrea Purgatori, all’epoca primo dei non eletti al consiglio di gestione Siae (un voto meno di Paoli).

«Questa storia ci ha scioccato tutti – ha commentato lo stesso Purgatori – . Gino Paoli è un uomo troppo intelligente per non capire che sarebbe stato impossibile mantenere la presidenza e difendersi dalle accuse, anche perché sul piano dell’immagine la Siae è già sotto tiro da tutte le parti».

Monica Manin


25/02/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here