6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Franco Birolo, il tabaccaio che uccise il ladro: assolto in appello

HomeNotizie NazionaliFranco Birolo, il tabaccaio che uccise il ladro: assolto in appello
la notizia dopo la pubblicità

In primo grado era stato condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere e ad un risarcimento di oltre 325 mila euro alla famiglia del ladro. Il vescovo di Chioggia disse all'epoca: quello che non era riuscito forse a rubare il ladro da vivo glielo ha dato il giudice, completando il furto alla famiglia, un bel vitalizio ottenuto per i suoi familiari, con l'incidente accadutogli nel suo 'lavoro di ladro'!"

Tabaccaio condannato per aver sparato al ladro, minacce al giudice

Franco Birolo, per tutti, è il tabaccaio di Civè di Correzzola (Padova) che uccise ladro, in uno dei primi casi di ‘legittima difesa’ all’interno delle mura domestiche’. Il suo caso fece molto scalpore: in difesa del tabaccaio si schierò anche il vescovo di Chioggia originando una discussione che ebbe posizioni contrapposte, mentre arrivò anche la notizia che a causa di minacce fu assegnata una scorta al giudice che espresse la prima condanna del tabaccaio.

Ora Franco Birolo però potrebbe essere fuori dal tunnel giudiziario. In primo grado era stato infatti condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere e ad un risarcimento danni di oltre 325 mila euro, ma ora il giudizio è stato ribaltato dai giudici della Corte d’appello di Venezia.

Franco Birolo è stato infatti oggi assolto dall’accusa di aver sparato e ucciso il 25 aprile del 2012 Igor Ursu, un ladro moldavo sorpreso a rubare nel suo negozio.

Poco più di un anno fa Birolo, 51 anni, difeso dall’avv. Luigino Martellato, era comparso davanti al gup Beatrice Bergamasco che aveva condannato la reazione del negoziante all’intrusione del malvivente nel suo esercizio commerciante. Davanti al ladro, Birolo non aveva esitato a reagire, uccidendolo con un colpo di pistola regolarmente detenuta.

La condanna in primo grado era arrivata nonostante il pm Benedetto Roberti avesse chiesto l’assoluzione. Bersagliata da minacce anche attraverso i social network, il gup Bergamasco era stata posta sotto sorveglianza. Contro la sua decisione si erano schierate molte formazioni politiche, dalla Lega Nord a Forza Italia.

A sollevarsi a suo favore era giunta anche la voce del vescovo di Chioggia, mons. Adriano Tessarollo. “Mi permetta un’ironia, signora giudice: quello che non era riuscito forse a rubare il ladro da vivo – aveva scritto il prelato nelle pagine del settimanale diocesano Nuova Scintilla – glielo ha dato il giudice, completando il furto alla famiglia, un bel vitalizio ottenuto per i suoi familiari, con l’incidente accadutogli nel suo ‘lavoro di ladro’!”.

Oltre la condanna, il vescovo aveva criticato anche la decisione di dare un risarcimento alla madre e alla sorella del ladro. “Se la legge e chi la rappresenta hanno il compito di educare all’uso proporzionato della forza nella legittima difesa – aveva aggiunto il vescovo – non bisogna neanche correre il rischio di trasmettere un messaggio del genere: ‘violenti, scassinatori e ladri, continuate tranquillamente la vostra criminale attività, tanto qui siete tutelati per legge, perché nessuno deve farvi del male mentre siete nell’esercizio del vostro ‘lavoro'”.

Parole pesanti che erano costate a Tessarollo le critiche dell’Associazione nazionale magistrati. “Rappresentanti istituzionali non dovrebbero dare giudizi sull’attività di altri organi, come quello giudiziario – aveva sostenuto Lorenzo Miazzi, referente per il Veneto dell’Anm – senza avere la completa conoscenza dei fatti”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Evidentemente anche “Lorenzo Miazzi, referente per il Veneto dell’Anm”, non aveva “la completa conoscenza dei fatti”, vista l’assoluzione di oggi… che condivido, soprattutto per la parte del risarcimento. Faccio notare che lo Stato risarcisce con 5000 euro una violenza sessuale da persona nullatenente… i parenti avevano trovato il modo di farsi la pensione alla faccia della Fornero…
    La mia solidarietà a Birolo, che peraltro da notizie lette altrove è stato comunque rovinato, 5 anni sono lunghi, ed ha chiuso l’attività, credo

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...