venerdì 28 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Fase 2 da lunedì, ma cambia tutto da regione a regione

HomeRegione VenetoFase 2 da lunedì, ma cambia tutto da regione a regione

Fase 2 da lunedì, ma cambia tutto da regione a regione

Fase 2 da lunedì: è ormai alle porte la ripartenza (lenta e controllata), ma abbiamo le idee chiare?

Difficile, dato che tra fughe in avanti, prudenti riaperture e marce indietro non c’è un’unica Italia che si prepara ad affrontare, lunedì prossimo, l’avvio della Fase 2, ma ce ne sono molte, e molto cambia da regione a regione.

I governatori sono tutt’altro che allineati e ognuno redige ordinanze ad hoc per il proprio territorio. La ragazza nella foto indica l’attenzione, ad esempio, su un tema niente affatto banale: la riapertura delle spiagge.

In LOMBARDIA, riaprono i parchi, seppure con il divieto di assembramento, di utilizzo delle aree gioco e delle attrezzature sportive e l’obbligo del rispetto della distanza sociale.
Saranno 900 mila le persone che torneranno al lavoro.

Il governatore della LIGURIA Giovanni Toti sta pensando di consentire “di andare in barca in un numero limitato di persone, di poter lasciare il Comune” per fare acquisti o “spostarsi in macchina per andare a fare sport”.
Rimanda invece all’11 maggio eventuali aperture di parrucchieri, estetisti e ristoranti.
Genova riapre parchi, spiagge e passeggiate al mare.

Da lunedì obbligatorio in PIEMONTE l’uso della mascherina “in tutti i luoghi chiusi con accesso di pubblico”.
Sui mezzi pubblici, che saranno attivi al 50%, saranno distribuite gratuitamente per chi sarà senza.
Via libera al cibo d’asporto, ma non a Torino, dove sarà possibile dal 9 maggio.
Ripartono anche studi professionali e le attività di toelettatura per animali domestici.

In VALLE D’AOSTA, invece, una nuova ordinanza punta ad alleggerire le restrizioni soprattutto per i professionisti della montagna.

Con la Fase 2 in VENETO tornano al lavoro 1,2 milioni di persone.
L’ordinanza firmata da Zaia è in linea con il Dpcm, anche se per il governatore “si può riaprire tutto”.
Banco di prova sarà il trasporto pubblico.

A Venezia scatterà la sperimentazione dei vaporetti su “prenotazione”.

Negli ospedali tamponi obbligatori per chi si ricovera e per chi deve sottoporsi ad intervento.

Le novità principali in TRENTINO ALTO ADIGE sono gli spostamenti in tutta la regione, sia per trentini che altoatesini – non solo entro i confini provinciali quindi – e lo sport individuale, bici compresa, senza mascherina, ma solo in Trentino.

In FRIULI VENEZIA GIULIA è allo studio la possibilità di riprendere le visite agli anziani nelle case di riposo, mentre in EMILIA-ROMAGNA da lunedì scatta l’obbligo della mascherina – sia nei locali pubblici, sia all’aperto – e rimane il divieto di accesso alle spiagge anche per chi abita al mare.
Via libera invece alle biblioteche per il prestito dei libri, anche se alcuni Comuni, a cominciare da Bologna, le terranno chiuse.

Ok anche all’accesso alle seconde case, purché nell’ambito della stessa provincia, da soli e in giornata.

Ripresa produttiva per grandi industrie o per le imprese non esportatrici in TOSCANA, dove ci sarà anche la riapertura ‘controllata’ di parchi e cimiteri.

A Firenze riapre il Duomo per la preghiera personale, e alcuni parchi come le Cascine.
Su bus e tramvia si dovranno indossare i guanti.

Nel LAZIO orari prolungati dei mezzi pubblici e dei supermarket, take away e smart working sono le certezze.
Allo studio future regole per bar e ristoranti e, attesissime, quelle sugli stabilimenti balneari, dove si propone il numero chiuso, e i parrucchieri.

In tutti i luoghi aperti al pubblico al chiuso ci sarà l’obbligo della mascherina.
Riaprono anche i set cinematografici, ma saranno blindati.

Da lunedì riaprono le spiagge nelle MARCHE, ma solo per passeggiare e fare attività motoria. Libero accesso anche in parchi e aree verdi che resteranno comunque chiuse ad Ancona fino al 7 maggio.
Nel capoluogo resta anche il divieto di accesso alle spiagge fino al 18 maggio.

Il governatore della CAMPANIA De Luca dà il via libera al cibo d’asporto, alle passeggiate senza limiti di orario e alla possibilità di correre.
Consentite anche le attività di manutenzione e rimessaggio e anche la consegna delle barche.

In PUGLIA via libera alla pesca amatoriale e alla riapertura degli esercizi di toelettatura degli animali: sarà possibile anche raggiungere le seconde case, ma solo per fare manutenzione, così come saranno autorizzati gli spostamenti nella regione per la riparazione delle imbarcazioni da diporto.

Dal 30 aprile sono aperti in CALABRIA bar e ristoranti, in un braccio di ferro con il governo che ha annunciato una diffida.
Ma il presidente del Consiglio regionale, Domenico Tallini, avverte Roma: “rinunci alla prova di forza, all’esibizione muscolare, persegua la strada del dialogo e della leale collaborazione”.

In SICILIA via libera al ritorno nelle seconde case, a condizione che non si faccia da spola con quella di residenza. Le società sportive sono autorizzate a iniziare attività amatoriali di corsa, tennis, pesca, ciclismo, vela, golf ed equitazione. Divieto di all’accesso nell’Isola almeno fino al 17 maggio.

Il governatore della SARDEGNA Christian Solinas dà il via libera alle messe e agli allenamenti individuali dei calciatori, purché svolti a porte chiuse in centri all’aria aperta.

Dall’11 maggio, poi, potranno riaprire anche parrucchieri e negozi di abbigliamento L’UMBRIA, l’ABRUZZO e il MOLISE, infine, seguiranno sostanzialmente le indicazioni del Dpcm, così come la BASILICATA che dispone comunque l’isolamento domiciliare e il tampone obbligatorio per chi torna da fuori.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.