domenica 16 Gennaio 2022
2.4 C
Venezia

Edicole di Venezia, categoria in via di estinzione. Sparisce anche quella alla Giacinto Gallina

HomeVenezia che si spegneEdicole di Venezia, categoria in via di estinzione. Sparisce anche quella alla Giacinto Gallina

edicola-giacinto-gallina-smantellata-a-venezia-nostra-640.jpg

Edicole di Venezia, categoria in via di estinzione. Sparisce quella in calle larga Giacinto Gallina a Cannaregio, vicina all’omonima scuola primaria, a pochi metri dall’ospedale Civile di Venezia.
Non è l’unica purtroppo, a Venezia in questi anni si sta infatti assistendo ad una “moria” di edicole, anche storiche. E chi sopravvive deve appoggiarsi alla vendita di altri prodotti, giocattoli e souvenir.
In questo caso il chiosco verde, tipico delle edicole veneziane, è stato smontato e portato via dagli operai nei giorni scorsi, il 19 ottobre.
Una struttura storica, tanto che alcuni residenti della zona ne ricordano la presenza, narrata dai nonni, fin dalla prima guerra mondiale. Lo smantellamento segna la parola fine per il punto vendita di giornali che era chiuso da tempo e che aveva visto proprietari veneziani e, negli ultimi anni, gestori stranieri.
Era passata dal legno all’acciaio tra il 2002 e il 2003, sotto la proprietà di Marco Bianchini, veneziano che l’ha tenuta dal 1999 fino al 2005 prima di venderla ad altri proprietari di Burano. E prima ancora di Bianchini,

la proprietaria era una veneziana che l’ha gestita per circa 50 anni e che tutti i residenti conoscevano come “La signora Maria”.
Erano altri tempi, ricorda Bianchini, i giornali vendevano bene anche se la vita dell’edicolante non era semplice: alzatacce all’alba, intemperie e acqua alta, qualche vandalismo notturno.
La vicinanza con l’ospedale Civile faceva sì che all’epoca si potessero portare i giornali nei reparti per venderli ai pazienti.
Cambiare la struttura degli anni ’50 e trasformare la storica edicola verde dal legno all’acciaio, ricorda Bianchini, era costato ben

50 mila euro: una spesa all’epoca sostenuta per metà dal proprietario dell’edicola e per metà dal Comune di Venezia, proprio per l’importanza che rivestivano le edicole con il loro servizio di vendita dei quotidiani.
“E’ una grande tristezza vedere lo smantellamento della mia ex edicola” commenta Bianchini che oggi vive a Mogliano (Treviso). Il calo delle vendite di giornali e riviste e l’aumento dei souvenir, commenta l’ex edicolante, riguarda l’avvento di internet ma soprattutto il calo dei residenti nel centro storico veneziano.
Il chiosco in calle Larga Giacinto Gallina è stato rimossa definitivamente e portato via, ma nel centro storico veneziano sono più d’una le edicole chiuse, ad esempio

quella vicino ai pontili Actv ai Giardini di Castello, dove l’ultimo gestore, di origini straniere, quest’anno non ha nemmeno mai riaperto.
Altre invece restano chiuse per diversi anni, come ad esempio il chiosco in Barbaria de le Tole, davanti alle ex ufficio delle Poste, che oggi si mostra completamente coperto di graffiti e di cui residenti e negozianti ricordano l’ultima apertura un paio d’anni fa. Lo stesso per l’edicola alla fine di via Garibaldi, chiusa da anni prima che il forte vento dell’estate 2017 sradicasse la struttura e la facesse rotolare per strada, fino al ponte.
Giorgia Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Ormai i giornali cartacei sono in via di estinzione. Gli edicolanti non capiscono una parola di italiano, chiedi una rivista e te ne danno un’altra.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...