giovedì 27 Gennaio 2022
4.4 C
Venezia

Donna si invaghisce e invia tutti i suoi soldi ad un misterioso ingegnere. Erano 5 stranieri a Vicenza

HomeLa StoriaDonna si invaghisce e invia tutti i suoi soldi ad un misterioso ingegnere. Erano 5 stranieri a Vicenza

La pandemia ha aumentato la solitudine e Facebook, complice, tesse la tela di un odioso imbroglio che coinvolge una donna di cinquantasei anni di Veroli, vittima di un raggiro che le è costato, oltre all’umiliazione, dodicimila euro.
Il fatto risale allo scorso febbraio e a tramare la frode sono cinque uomini: quattro nigeriani poco più che ventenni e un ghanese di 52 anni, che si scoprirà poi, vivono nel vicentino.

La donna si fa coinvolgere da un tale che dice di chiamarsi Michael Amalia, le foto che le invia mostrano un bell’uomo, elegante: dice di essere un facoltoso ingegnere petrolifero e che una nave lo sta portando in giro per il mondo, per ragioni di lavoro.

Dopo qualche mese, il principe dice alla principessa che presto si conosceranno e che lui ha intenzione di stabilire con lei, un rapporto solido e duraturo. Il sogno trova conferma nel cuore della donna, che gli crede, ha bisogno di credergli e di non spegnere quella fiammella che sosteneva le sue attese sentimentali.

Come resistere all’illusione?
E venne il giorno che le parole escono dal dialogo amoroso e s’impigliano sulla parola “denaro”. Le dice che doveva ricevere una somma ingente dall’Inghilterra ma che non si fidava di tenerli nella nave, quindi li avrebbe spediti a lei, per meglio proteggerli. Un’altra attestazione di stima che rinforza la fiducia della donna nel suo virtuale eroe.

Ahi! I pacchi, le spedizioni, quanti inghippi! Il signor Amalia informa la cinquantaseienne che il pacco con il denaro è stato bloccato alla dogana di Fiumicino e che per sbloccarlo, erano necessari 870 euro che lei gli spedisce subito su carta Postepay. Non s’insospettisce nemmeno quando le chiede altri soldi, che a più riprese lei gli invia attraverso bonifici, e su conti correnti diversi, fino a raggiungere la cifra di 12.000 euro, che corrisponde a tutto quel che aveva risparmiato.

Il finto ingegnere petrolifero, avrebbe continuato a ingannare la donna, se non fosse intervenuto il di lei cugino, che valutando le caratteristiche della vicenda, ha subito capito che si trattava di una truffa, di una trappola ai danni di chi aveva offerto fiducia e amore.

Un risveglio amaro e una denuncia alla Polizia postale di Frosinone, hanno dato un volto e un perché ai raggiri subiti. Tutti e cinque i malviventi complici, vivono nel vicentino e già erano noti alle forze dell’ordine per furti, falsificazioni di documenti. I conti correnti sequestrati dalla polizia erano vuoti.

Il vuoto più grande sta nel cuore della signora di Veroli, indegnamente offeso da chi ha potuto usare un sentimento innocente e vero, manipolarlo con perfidia e spietatezza, di cui dovranno dar conto davanti a un giudice.

La polizia postale non cessa mai di dare consigli su come difendersi da questo tipo di reato: i suggerimenti sono sempre quelli di essere cauti con le persone che non si conoscono fisicamente, di chiedere un parere a un amico nel caso si abbia il sospetto di chattare con un falso profilo, di non fidarsi di chi chiede denaro con insistenza, perché al di là del monitor ci può essere chiunque». E soprattutto rivolgersi alla polizia. Un modo pratico e veloce è chiaramente quello di rivolgersi al commissariato di ps on line (www. commissariatodips.it) per avere le prime indicazioni su cosa fare o anche andare in qualsiasi ufficio di polizia. Senza vergognarsi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. naturalmente trattandosi di una donna, la truffata ha tutta la solidarietà del mondo. Discorso diverso per il truffato che è andato pure in Africa per conoscere la sua presunta nuova compagna, trattandosi di un maschio i giornali hanno pubblicato nome, cognome, foto e indirizzo mettendolo alla berlina. La truffata è da proteggere, il truffato è da perculare

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità

Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie. Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità. 1) Quando si parla di ambiente,...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...