lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

Denunciata truffatrice telefonica. Carabinieri Mestre: “Attenzione, ecco come fanno”

HomeMestre e terrafermaDenunciata truffatrice telefonica. Carabinieri Mestre: "Attenzione, ecco come fanno"

Denunciata truffatrice telefonica. I Carabinieri di Mestre avvertono: “Questa era un’ ‘imbonitrice seriale’, attenzione al metodo”.
La donna è stata individuata e denunciata ieri. La malvivente, utilizzando elaborate tecniche e simulando l’appartenenza ad una agenzia che operava in collaborazione con la Regione Veneto, faceva sottoscrivere inconsapevolmente alle vittime contratti per la fornitura di energia elettrica.
In questo caso particolare, la promessa – a fronte della firma da parte dell’anziano – era della restituzione del canone Rai, come intervento assistenziale proprio con il falso patrocinio dell’Ente con sede a Palazzo Balbi.
I militari della Stazione Carabinieri di Favaro Veneto, raccolta la segnalazione del residente classe 1945, hanno svelato il meccanismo frodatore messo in atto dalla donna: S.E.M. le sue iniziali, 35enne residente nel padovano ma di origini lombarde.
La truffatrice è stata colta sul fatto mentre si allontanava dall’appartamento dell’uomo con il nuovissimo contratto da lui firmato in calce.

Gli accertamenti sono partiti dal racconto della vittima che era stato contattato al telefono dalla imbonitrice, e si sono sviluppati attraverso riscontri documentali ed una serie di verifiche incrociate.
I Carabinieri, arrivati alla certezza del reato, hanno fatto scattare la trappola cogliendo sul fatto la donna.
Come prove a carico sono stati documentati il colloquio a casa dell’anziano e la documentazione contrattuale, fatta passare per il fantomatico modulo di richiesta del rimborso del canone televisivo.
Osa si sospetta che la donna possa essere autrice “seriale” di analoghe truffe su tutto il territorio regionale.
La naturalezza nel mettere in opera il raggiro carpendo per gradi la fiducia del prescelto, infatti, è concludente di una confidenza e di un modus operandi ormai collaudato.

I militari raccomandano che, qualora ci si dovesse trovare davanti ad una vicenda simile, occorre avvisare tempestivamente i Carabinieri per garantire non solo l’intervento repressivo immediato, ma soprattutto la possibilità che i soggetti non possano reiterarlo nel territorio.

I consigli per contrastare lo specifico fenomeno sono i seguenti:
– evitare di credere a rimborsi “facili”, basandosi solamente sulla fiducia personale in qualunque modo carpita, in particolare di imposte nazionali difficilmente “rimborsabili”;
– verificare sempre la bontà dei “titoli” offerti come garanzia, quali l’appartenenza ad agenzia per conto di soggetti istituzionali;
– in caso si sospetti, anche velati, di essere vittima di un tentativo di truffa, chiamare comunque il 112 (Numero Unico di Emergenza), anche per un semplice confronto sui fatti o un consiglio: i Carabinieri possono essere sul posto in pochi minuti e smascherare il raggiro.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...