COMMENTA QUESTO FATTO
 

Tenta di dare fuoco alla ex di 22 anni e lei lo perdona: 'Non è stato lui'

Accusato di avere cosparso di benzina e avere dato fuoco alla sua ex donna, trova la più
strenua difesa nella vittima stessa che, ricoverata in ospedale, urla: ‘non è stato lui, hanno fermato un innocente’.

Eppure per la Procura di Messina non ci sono dubbi è stato l’ex di 25 anni, Alessio M., ad aggredire Ylenia, 22 anni, perché non riusciva ad accettare che lei lo avesse lasciato e si rifiutava di riallacciare la loro relazione.

Il giovane più volte aveva cercato inutilmente di convincerla a rimettersi insieme. Fino all’alba di ieri mattina quando, nell’ appartamento dove i due giovani avevano convissuto, nel popoloso rione Bordonaro di Messina, avrebbe messo in atto, secondo la ricostruzione della Procura, una terribile vendetta: l’avrebbe gettata a terra ed in pochi istanti l’avrebbe cosparsa di liquido infiammabile, verosimilmente benzina che aveva portato con sé, dandole poi fuoco con un accendino e fuggendo subito dopo.

Una fortuna, sottolineano dalla Procura, che lei sia rimasta viva: “è scampata alla morte soltanto perché, pur gravemente ustionata, è riuscita a liberarsi dei vestiti in fiamme e a chiedere soccorso”, e grazie anche “al pronto intervento dei vicini di casa e del 118”.

La giovane è ricoverata, con la prognosi riservata per ustioni nel 13% del corpo, ma non in pericolo di vita, nel Policlinico universitario e dalla stanza del reparto urla l’innocenza del suo ex fidanzato. Ha chiesto di essere sentita dalla polizia e alla squadra mobile ha detto: “non so chi è stato, ma non è stato lui”. Ma investigatori e magistrati non le credono. Perché, spiegano, tutti gli indizi emersi dalle indagini, che non si sono avvalse della dichiarazioni della vittima, portano a lui.

Dalla Procura di Messina si osserva che “la ricostruzione dei fatti è stata possibile grazie al minuzioso lavoro della polizia che in tempi brevissimi ha proceduto all’escussione di parenti, medici e vicini di casa compresi, e al sopralluogo nella casa della vittima, effettuato dalla Polizia Scientifica, raccogliendo numerosi elementi”.

E la ‘difesa’ dell’indagato da parte della vittima è considerata figlia della diffusione della notizia, che avrebbe spaventato e confuso la ragazza. Del resto, si rileva, lei non aveva mai presentato alcuna denuncia per eventuali fatti pregressi.

Il 25enne, sottolineano dalla Questura, sentendosi braccato si è costituito accompagnato dal suo legale. Di fronte al sostituto procuratore Antonella Fradà, che con il procuratore aggiunto Giovannella Scaminaci coordina l’inchiesta, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Attualmente è in stato di fermo con l’accusa di tentativo d’omicidio premeditato, ed è detenuto in custodia nella casa circondariale di Gazzi in attesa della decisione del Gip sulla richiesta di convalida.

Davanti alla camera sterile la mamma di Ylenia, Anna Giorgio, non riesce a darsi pace e ‘smentisce’ in qualche modo la tesi a ‘difesa’: “Ho parlato con mia figlia, mi ha detto che non si aspettava un gesto del genere. Neanche io. Certo c’erano state incomprensioni, litigi, ma niente può giustificare un atto così bestiale. I primi tempi in cui si erano conosciuti – ricostruisce – Ylenia e Alessio erano felici. Mia figlia mi ha detto ‘ho conosciuto un bravo ragazzo’. Poi invece si è rivelato geloso e possessivo. E’ stato per questo motivo che Ylenia ha deciso di troncare la relazione”.

Ylenia è descritta da parenti e amici come una ragazza solare e molto allegra. Uno stato d’animo che si era incrinato negli ultimi mesi, dopo i continui litigi con Alessio e la decisione di interrompere quella relazione così travagliata. “Lui continuava a tempestarla di telefonate – racconta un vicino di casa – a volte la implorava, altre la minacciava per tornare insieme, ma Ylenia ha resistito”. Fino all’alba di ieri.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here