Coronavirus nel veneziano in miglioramento. Scoperti 5 casi all’ospedale di Noale

ultimo aggiornamento: 01/05/2020 ore 15:04

10699

ospedale di noale venezia

Coronavirus nel veneziano: continua la tendenza al miglioramento che, a questo punto, si configura con un certo grado di stabilità. Con eccezioni di situazioni particolari che nei giorni scorsi hanno visto, ad esempio, peculiarità estemporanee in qualche casa di riposo, oppure quella recente del Policlinico San marco, oppure quella descritta ieri dalla Cgil.

L’ospedale di Noale, si apprende oggi, per la prima volta ha infatti notificato 5 nuovi casi di positività nel reparto di lungodegenza. I cinque pazienti anziani sono trasferiti all’ospedale di Dolo, centro Covid di riferimento, ed ora si cercherà di capire l’origine del nuovo micro-focolaio.

Anomalia odierna nella tendenza al miglioramento è anche l’aumento dei casi trattati in ‘domiciliazione’: +75 casi segnalati oggi di nuove persone curate a casa.

DECEDUTI NEL VENEZIANO

Danilo Perini, 83 anni, di Chioggia, è deceduto all’Ospedale di Dolo.

All’Ospedale di Dolo è inoltre deceduta un’altra persona di cui non sono state fornite le generalità.

Iride Lanza, 85 anni, di Chioggia, ospite di una casa di riposo di Chioggia, è deceduta mercoledì a Dolo ma non ne era ancora stata data notizia.

I NUMERI DEL VENEZIANO

Casi positivi totali dall’inizio della pandemia a Venezia e provincia: 2459
Casi positivi totali dall’inizio della pandemia a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +28

Casi attualmente positivi a Venezia e provincia: 757
Casi attualmente positivi a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: -27

Deceduti totali a Venezia e provincia: 218
Deceduti totali a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +2

Guariti totali (negativizzati virologici) a Venezia e provincia: 1488
Guariti totali a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +55

Casi attuali in isolamento domiciliare a Venezia e provincia: 904
Casi attuali in isolamento domiciliare a Venezia e provincia in più o in meno rispetto al giorno precedente: +75

 
 
RICOVERI NEL VENEZIANO

Ospedale dell’Angelo di Mestre
Ricoverati in reparti non intensivi: 13
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: -1
Ricoverati in reparti di malattia intensiva: 3
Ricoverati in reparti di malattia intensiva in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati negativizzati: 10
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): 0
Deceduti: 38
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Dimessi: 76
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1

Ospedale Civile di Venezia
Ricoverati in reparti non intensivi: 4
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: -1
Ricoverati in reparti di malattia intensiva: 0
Ricoverati in reparti di malattia intensiva in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati negativizzati: 4
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): -1
Deceduti: 14
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Dimessi: 27
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1

Ospedale di Mirano
Ricoverati in reparti non intensivi: 1
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati in reparti di malattia intensiva: 0
Ricoverati in reparti di malattia intensiva in più o in meno rispetto al giorno precedente: -1
Ricoverati negativizzati: 1
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): 0
Deceduti: 9
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Dimessi: 9
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0

Ospedale di Dolo
Ricoverati in reparti non intensivi: 78
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +4
Ricoverati in reparti di malattia intensiva: 9
Ricoverati in reparti di malattia intensiva in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati negativizzati: 19
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): -2
Deceduti: 73
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: +2
Dimessi: 90
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0

Ospedale di Chioggia
Ricoverati in reparti non intensivi: 1
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati negativizzati: 0
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): -1
Deceduti: 5
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0

Ospedale Villa Salus Mestre
Ricoverati in reparti non intensivi: 34
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1
Ricoverati negativizzati: 6
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): -1
Deceduti: 8
Deceduti in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Dimessi: 86
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1

Ospedale di Jesolo
Ricoverati in reparti non intensivi: 29
Ricoverati in reparti non intensivi in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati in reparti di malattia intensiva: 4
Ricoverati in reparti di malattia intensiva in più o in meno rispetto al giorno precedente: 0
Ricoverati negativizzati: 15
Ricoverati negativizzati in più o in meno rispetto al giorno precedente (*): 0
Deceduti: 25
Deceduti in più rispetto al giorno precedente: 0
Dimessi: 73
Dimessi in più o in meno rispetto al giorno precedente: +1

(*) Secondo la definizione dell’epidemiologo Pierluigi Lopalco, docente di Igiene all’università di Pisa, è ipotizzato che il Sars-Cov2 si comporti come gli altri virus e dunque un soggetto che sia stato infettato rimanga, una volta guarito, in qualche modo protetto sviluppando una forma di immunità. Sui tempi di durata dell’immunizzazione, al momento, non vi è certezza scientifica. Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano, ha spiegato che alcune patologie infettive danno immunità a vita, altre, come la Sars, hanno una copertura di circa un anno.
(**) Dal 17 aprile la Regione del Veneto comunica un solo aggiornamento quotidiano anziché due come in precedenza. Dal 28 aprile i bollettini tornano ad essere due, uno delle 8 del mattino e uno delle 17. Ciò potrebbe causare modeste discrepanze a causa del confronto con altre notizie più o meno aggiornate.
(***) Il bollettino ufficiale di riferimento è di mercoledì 29 aprile.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here