lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Coronavirus: escort nigeriana “scaricata” in pronto soccorso. Il compagno fugge invece di fare i test

HomeCoronavirusCoronavirus: escort nigeriana "scaricata" in pronto soccorso. Il compagno fugge invece di fare i test

Coronavirus Fase 2, medici di urgenza: pronto Soccorso a rischio caos

Escort nigeriana risulta positiva e viene “scaricata” in pronto soccorso dell’ospedale dal compagno appena sente che avrebbe dovuto restare in quarantena a casa anche lui.

Intanto, la Ulls 8 di Vicenza attiva la ricerca dei contatti. La donna è attualmente ricoverata presso il reparto di Malattie infettive dell’ospedale San Bortolo.

La donna, una nigeriana di 23 anni, residente a Trento, è stata accompagnata nel nosocomio berico da un giovane straniero (protettore?), pare dell’Europa dell’Est, che dopo aver lasciato agli infermieri del pronto soccorso le sue generalità (che facilmente potrebbero rivelarsi false), si è dileguato quando ha saputo che era affetta da Covid-19, e che anche lui, per sicurezza, avrebbe dovuto mettersi in isolamento a casa.

Di certo c’è che la giovane sta mostrando una forte chiusura a rivelare i suoi contatti, per ovvi motivi, nonostante si ritenga che possano essere molti.
La ragazza non dice nulla, non apre bocca. Invece sarebbe ritenuto proprio fondamentale individuare e testare le persone che sono venute a contatto con lei per soffocare un ennesimo focolaio alla nascita.

VENEZIA LIDO
Un veneziano di 40 anni è ricoverato all’ospedale di Dolo. L’uomo sarebbe oggi in gravi condizioni e in prognosi riservata. IL quarantenne, residente in zona Alberoni, è appena tornato da un viaggio in Serbia.
Per lui era cominciato il percorso domiciliare ai primi sintomi della malattia, dopo la scoperta della positività, ma il precipitarsi delle sue condizioni ha convinto i medici che era diventato indispensabile il ricovero.
Anche in questo caso è stato subito attivata la ricerca dei contatti e lo screening per le persone a lui vicine che sarebbero tutte residenti attorno alla zona degli Alberoni.
Al momento non sono state scoperte altre positività quindi non si può parlare di alcun focolaio a Lido.

PADOVA
Sono arrivati a 32 i casi dei nuovi focolai di Padova.

SITUAZIONE GENERALE
I nuovi positivi per il Covid (bollettino di lunedì sera ore 18) sono 56 in Lombardia, 42 in Emilia Romagna, 42 in Veneto, 12 in Liguria e 14 nel Lazio.
Le altre regioni hanno incrementi a una sola cifra, tranne Marche, Puglia, Valle d’Aosta, Umbria, Sardegna, Calabria, Molise, Basilicata e provincia autonoma di Bolzano che non registrano alcun nuovo caso.
I pazienti in terapia intensiva sono 47, due in meno rispetto a ieri, i ricoverati con sintomi sono 745 (+2), quelli in isolamento domiciliare sono 11.648 (-36).

MOVIDA
Finisce ancora sotto accusa la ‘movida‘, al centro del dibattito estivo e, soprattutto, al centro dell’attenzione delle forze dell’ordine.
Nel Ravennate, sale il numero dei locali raggiunti – in questi giorni – da un provvedimento di chiusura della struttura. Le contestazioni riguardano la notte tra sabato e domenica quando le forze dell’ordine hanno rilevato assembramenti all’interno dei locali.
Baristi senza mascherina è l’altra infrazione ‘classica’.

In Emilia-Romagna a destare preoccupazione anche un rave-party, andato in scena sull’Appennino bolognese e, in particolare, il caso di una 17enne modenese risultata positiva al coronavirus mentre si trovava in vacanza con alcuni amici a Riccione: due ragazzi, nella località turistica con la giovane, sono risultati positivi al Sars-Cov-2.

Tutti e tre sono stati riportati a Modena con una ambulanza attrezzata e si trovano in isolamento domiciliare, mentre quaranta persone sono state messe in quarantena. La compagnia della ragazza aveva trascorso quei giorni in spiaggia e passato una serata in una nota discoteca di Misano Adriatico.

In una nota l’Ausl Romagna, ha spiegato che, “alla luce dell’attività di contact tracing messa in atto la situazione può considerarsi circoscritta e sotto controllo”.

Quanto al rave-party, nel Bolognese, il raduno a base di musica elettronica è stato scoperto dai Carabinieri qualche giorno fa, all’alba, lungo l’argine del torrente Savena a Loiano. I militari hanno identificato i partecipanti sorpresi a ballare indifferenti alle norme di cautela e distanziamento sociale: decine di giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni, provenienti da varie zone d’Italia.

Cinque di loro, organizzatori del rave, sono stati denunciati: manifestazione musicale non autorizzata.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...