Coronavirus a Venezia controtendenza, ma crescono ricoveri

ultimo aggiornamento: 13/08/2020 ore 11:50

1035

Coronavirus veneziano: 4 decessi. Morto pescatore chioggiotto, aveva 67 anni

Coronavirus a Venezia controtendenza rispetto alla situazione generale. Nel veneziano si registrano infatti “solo” due nuovi casi nelle ultime ore. Sono così 207 gli “attualmente positivi”.
Lo stesso ottimismo non può essere applicato sul numero dei ricoveri dato che ora arriva a 9 a Dolo, con uno a Mestre e uno a Venezia.
Nessun nuovo decesso dopo i due di ieri.
Crescono, infine, i soggetti posti in isolamento domiciliare: 826. Erano 792 nella rilevazione precedente.

Grande preoccupazione ora è rivolta a tutti coloro che rientreranno dalle vacanze. Un grande numero di connazionali, per esempio, non ha rinunciato alla Grecia pur sapendo che partivano trovando una situazione di emergenza.
La Grecia ha registrato 262 nuove infezioni da Covid-19, la cifra più alta dall’inizio della pandemia che conferma una tendenza in costante aumento in agosto.
Il numero di pazienti in terapia intensiva è quasi raddoppiato, con 24 segnalati oggi rispetto ai 13 della scorsa settimana.


Le autorità hanno attribuito il picco dei contagi alla violazione delle regole di distanziamento sociale nei ristoranti, nei bar e nelle riunioni pubbliche.
Il ministro della Salute Vassilis Kikilias ha detto che l’età media delle persone contagiate ad agosto è scesa a 36 anni. “Può succedere anche se sei giovane e pensi di essere invulnerabile”, ha twittato Kikilias.

Il governo greco ha annunciato lunedì scorso un coprifuoco notturno per ristoranti e bar in alcune delle sue principali destinazioni turistiche. Sono state inoltre annunciate nuove restrizioni all’ingresso nel paese per gli arrivi dai Balcani e per i passeggeri dei voli provenienti da diversi paesi dell’Ue.

I ristoranti e i bar restano chiusi da mezzanotte alle 07:00 in una dozzina di località, comprese le famose isole di Mykonos, Santorini, Corfù, Rodi e Creta. Anche le città di Salonicco, Larissa, Volos e Katerini sono interessate, così come la penisola di Halkidiki, popolare tra i visitatori dei Balcani.


Inoltre, tutti i passeggeri sui voli da Belgio, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Spagna e Svezia in arrivo dal 17 agosto devono fornire un test Covid-19 negativo ottenuto fino a 72 ore prima dell’ingresso in Grecia, così come tutti gli arrivi al confine terrestre.

La scorsa settimana l’agenzia per la protezione civile ha reso le maschere obbligatorie in tutte le aree pubbliche al chiuso. Tra le altre misure annunciate lunedì c’è stata la decisione di eliminare la principale fiera commerciale della Grecia, in programma a settembre a Salonicco. Il governo ha escluso un lockdown generale dopo aver riaperto gradualmente l’economia a maggio e aver iniziato ad accettare arrivi stranieri a giugno per salvare parte della stagione turistica, vitale per l’economia. Solo il 10 per cento dei contagi in Grecia può essere ricondotto ad arrivi stranieri.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here