Cinema Barch-in, all’Arsenale il Drive-In veneziano

ultimo aggiornamento: 24/07/2020 ore 06:42

1578

Cinema Barch-in, all'Arsenale il Drive-In veneziano

Sbarca a Venezia, dal 28 luglio al 1 agosto, il primo cinema drive-in italiano in barca.

Cinema Barch-In è la proposta culturale per offrire alla città lagunare un luogo di ritrovo “sicuro” dove condividere cinema, arte e spettacolo.


Per cinque serate, nel suggestivo Bacino dell’Arsenale, antico cantiere navale della Serenissima, grazie al supporto del Comune di Venezia, della società Vela e della Marina Militare, le barche degli spettatori potranno ormeggiarsi per assistere alle proiezioni di film e documentari.

Barch-In sarà un evento gratuito. Il programma è stato presentato oggi a Ca’ Farsetti dal Comune di Venezia, all’interno del progetto Le Città in Festa, dal collettivo cinema Barch-In, da FEMS du Cinéma, associazione organizzatrice dell’evento, e Vela, in collaborazione con Campari, Università Ca’ Foscari, Unione degli Universitari, Quarta Parete, Science Gallery Venice, Distretto Veneziano della Ricerca e Innovazione, Venice Fashion Week, Cineclub Venezia, Cinit – Cineforum Italiano, We are here Venice, Frullatorio e il network Venezia da Vivere.

I film ripercorrono il tema del rapporto tra l’uomo, l’acqua e l’arte marinaresca, avvicinandosi e allontanandosi dall’epicentro “Venezia” con una scelta tra film più intimi e ricercati, documentari, cult e blockbuster. Ogni film sarà introdotto da una presentazione con ospiti speciali e momenti di intrattenimento, tra cui anche la chiusura della Venice Fashion Week Digital, l’evento che promuove la Venezia della creatività tra artigianato e nuovi talenti della moda.


Come in un vero cinema drive-in, ci sarà la possibilità di ordinare aperitivo Campari e cena direttamente dalla barca, grazie alla cucina del ristorante del Casinò di Venezia, mentre la consegna a bordo verrà curata da Cocai Express, startup veneziana di food delivery nata durante la quarantena. Il menù, preordinabile online, contiene delle proposte di cena a tema, una reinterpretazione del fast food americano con uno tocco di venezianità.

barch-in cinema arsenale di venezia planimetria up 680
La planimetria del “Drive-In” all’Arsenale di Venezia

La registrazione della propria presenza, come da regolamento Covid, e la prenotazione del posto barca sarà obbligatoria per tutti i partecipanti. Sul sito www.barch-in.it si potrà registrare la propria barca per partecipare alle serate.

Per coloro che sono invece sprovvisti d’imbarcazione propria, è stata prevista la possibilità di salire a bordo, sempre rispettando il distanziamento sociale, di imbarcazioni messe a disposizione da Brusato Trasporti, Classic Boat Venice, Associazione Vela Al Terzo, Circolo Velico Casanova, Remiera Casteo e Associazione Soralai.

L’iniziativa è stata introdotta da Fabrizio D’Oria, Direttore Comunicazione, Eventi e MICE di Vela Spa, che, dando la parola ai diversi soggetti organizzatori, ha voluto sottolineare l’impegno su base volontaria degli ideatori.
“Abbiamo voluto offrire alla città un evento gratuito, inclusivo e sicuro per tornare a godersi l’esperienza del cinema in compagnia” dichiara Nicola Scopelliti, ideatore del progetto assieme al collettivo cinema Barch-In. “Quello che vedrete in Arsenale è il frutto di un lavoro congiunto delle istituzioni e di tante realtà locali che hanno tutte contribuito alla realizzazione di questo progetto.”

cinema brach-in drive in arsenale di venezia presentazione up 680
La presentazione di “Barch-In”

“L’iniziativa Barch-in rientra perfettamente nel solco dei propositi dell’Amministrazione comunale che punta ad incoraggiare nuove forze della società civile veneziana a diventare protagoniste della vita della città, facendo proposte costruttive“ afferma Simone Venturini, Assessore alla Coesione Sociale del Comune di Venezia “E’ stato pertanto accolto con entusiasmo – e subito sostenuto – questo progetto innovativo che va ad arricchire il ricco calendario previsto per l’estate veneziana, proponendo un divertimento responsabile e in sicurezza e rinsaldando il proficuo rapporto di collaborazione con la Marina Militare nell’area dell’Arsenale. Sono certo che le immagini del cinema sull’acqua faranno il giro della stampa internazionale, e saranno per noi motivo di orgoglio. Ringrazio qui anche il consigliere delegato alle Relazioni con il Pubblico del Comune di Venezia Paolino D’Anna, che si è fatto portavoce in Comune della proposta”.

“Oltre ad organizzare gli eventi tradizionali veneziani e altre manifestazioni su indicazione dell’Amministrazione comunale” afferma Piero Rosa Salva, Amministratore Unico di Vela Spa “l’impegno di Vela consiste anche nel ruolo di facilitatore in occasioni come quella che presentiamo oggi, cui abbiamo aderito con entusiasmo, costruendo un ponte tra diversi soggetti istituzionali, sponsor e iniziative di privati e/o associazioni”.

“L’idea di organizzare alcune serate estive di cinema all’aperto sull’acqua in Arsenale, nella cornice unica della darsena Novissima” dichiara il Contrammiraglio Andrea Romani, Comandante dell’Istituto di Studi Militari Marittimi e del Presidio Marina Militare di Venezia“ ci è sembrata una proposta interessante e originale. Così, quando l’Amministrazione Comunale ha proposto alla Marina Militare di supportare il progetto, abbiamo deciso di mettere a disposizione gli specchi acquei della nostra base navale per questa bella iniziativa che esprime l’auspicio e la volontà di ripartenza della città, in un momento certamente non facile.”

“Con Barch-in ancora una volta la città si riappropria della sua millenaria simbiosi quotidiana con l’acqua nell’incredibile scenario dell’Arsenale” aggiunge il consigliere delegato alla Tutela delle Tradizioni del Comune di Venezia, Giovanni Giusto “Le cinque serate di cinema all’aperto rappresentano una naturale interpretazione della vita in questa città e si inseriscono nella più generale volontà di valorizzare la laguna per una fruizione a 360°, dal lavoro allo sport, dal tempo libero all’intrattenimento”.

“Siamo lieti di essere partner di Barch-In, una manifestazione culturale fortemente innovativa che propone l’esperienza del cinema all’aperto nella città che, da sempre, è il punto di riferimento per il cinema a livello internazionale – dichiara Clarice Pinto, Senior Marketing Director Campari Group – Creata da un gruppo di giovani veneziani, Barch-In rispecchia caratteristiche che da sempre fanno parte del DNA di Campari: il coraggio di sperimentare nuovi linguaggi attraverso la creatività e l’importanza di valorizzare l’eccellenza del cinema contemporaneo, creando nuovi modi per la sua fruizione e massima espressione”.

Il progetto è interamente realizzato grazie al supporto di tantissimi volontari ed associazioni che hanno deciso di supportare questo piccolo/grande sogno di molti veneziani. Un ringraziamento speciale va al Comune di Venezia e alla Marina Militare per la messa a disposizione del compendio dell’Arsenale, senza il quale questo progetto non si sarebbe mai potuto realizzare in una cornice così spettacolare.

Barch-In è un evento realizzato da FEMS du Cinéma e da Vela, con il patrocinio della Regione Veneto e de Le Città in Festa, con il supporto di Campari, in collaborazione con Università Ca’ Foscari, Unione degli Universitari, Quarta Parete, Science Gallery Venice, Distretto Veneziano della Ricerca e Innovazione, Ca’ Foscari Short Film Festival, Cineclub Venezia, Cinit – Cineforum italiano, We are here Venice, Frullatorio e Wannaboo Video Productions. Sponsor dell’evento sono Campari, Prosecco DOC, Rosa Salva e Bacarando.

Media Partner sono Venezia da Vivere, Venice Fashion Week e Venezia Unica.

Partner tecnici sono l’image, Target Due, Cocai Express, Brusato Trasporti, Boscolo Bielo, Diporto Velico Veneziano, Classic Boat Venice, Venezia Certosa Marina, IPA Industria Porcellane, Circolo Velico Casanova, Associazione Vela al Terzo, Remiera Casteo, Associazione Soralai, Compagnia della Vela, Ó Group.

Campari e il cinema
Simbolo dell’aperitivo italiano per eccellenza, Campari è da tre anni main sponsor della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica – La Biennale di Venezia.
Da sempre, Campari sceglie il mezzo cinematografico come veicolo di comunicazione per raccontare, in modo avveniristico e aspirazionale, l’essenza di un marchio che ha sancito la nascita del mito dell’aperitivo italiano nel mondo. Un connubio, quello tra Campari e il grande schermo, che trova la massima espressione nelle numerose collaborazioni con registi e attori di fama internazionale, attraverso campagne innovative che hanno scritto la storia della comunicazione di marca.
Un percorso artistico che prende il via nel 1984, quando Federico Fellini girò per Campari “Ragazza in treno”: un vero e proprio corto cinematografico che vede il celebre regista cimentarsi per la prima volta nella realizzazione di uno spot per un marchio privato.
Il sodalizio tra Campari e registi pluripremiati prosegue nel tempo e, tra le numerose collaborazioni, possono essere citate quelle con Tarsem Singh, autore della “Trilogia” negli anni Novanta, e Joel Schumacher con “L’attesa” (2011), fino ad arrivare a Paolo Sorrentino che ha firmato l’attuale campagna di comunicazione “Creation”.
Non solo registi ma anche talenti hollywoodiani del calibro di Uma Thurman, Penelope Cruz o Benicio del Toro hanno affiancato il loro nome a quello del brand in qualità di protagonisti di diverse edizioni del Calendario Campari.
Infine, Campari Red Diaries, l’ultimo progetto che utilizza il cortometraggio per portare in scena il concetto che “ogni cocktail racconta una storia”, può vantare le regie di Paolo Sorrentino, Stefano Sollima e Matteo Garrone e l’interpretazione di attori quali Clive Owen, Zoe Saldana, Ana de Armas e Adriano Giannini.

In attesa del tramonto le serate saranno precedute da un Aperiporto, curato da Campari, che proporrà i sui iconici cocktail Americano, Negroni e Campari Spritz. Una selezione musicale curata da “GialloMan” e da “Sax Off On Venice”, accompagnerà la fase di ormeggio delle barche degli spettatori.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here