8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Case di riposo di nuovo a rischio con la ripresa del Covid

HomeAnzianiCase di riposo di nuovo a rischio con la ripresa del Covid
la notizia dopo la pubblicità

Gli anziani con le loro fragilità, i vecchi che vivono nelle case di Riposo, nelle Residenze, come oggi si preferisce chiamarle, il prezzo della pandemia l’hanno pagato tutto, anche con la vita.
L’hanno pagato in termini di salute e di dolore causato dalla lontananza dai loro cari. Fino a un mese fa, dopo il lungo periodo d’isolamento, uno spiraglio di vita, un alito di speranza ha consentito ai parenti, di far visita agli ospiti, di uscire con loro.
Con le dovute turnazioni e cautele e i previsti distanziamenti, si è aperto un auspicio, alimentato dai dati sulla pandemia che sembravano incoraggianti e in grado di nutrire la speranza di chi, tutti i giorni, spera di rivedere i figli, i nipoti, anche da lontano, per conservare nella mente e nel cuore quei volti amati.

Quelle visite erano e sono l’unico farmaco che lenisce la solitudine di una vita anziana, che vive con altri vecchi che soffrono e spesso muoiono per nostalgia, rimpianto e sindrome da abbandono.
Ora si spera che quelle occasioni, che sono come l’acqua per gli assetati, non rischino di essere interrotte a causa di una nuova e generalizzata ondata di contagi che potrebbe influire negativamente, di rimando, sulla salute degli ospiti delle Residenze.

Una grande cautela dunque, guiderà ora le scelte dei sanitari, del personale, delle famiglie, dei responsabili delle Rsa in primis, affinché la situazione continui a essere monitorata e i contagi, evitati.

A sostegno della prevenzione, le persone anziane sono state sottoposte, con il consenso dei familiari, alla terza dose vaccinale di sostegno, fondamentale per la difesa della loro salute, come raccomanda il direttore dei servizi socio sanitari Massimo Zuin, per evitare quel che è accaduto nella Casa di Riposo Santa Maria del Rosario di Mestre, dove l’infezione ha colpito, pur con sintomi lievi, sette anziani e due operatori, tutti vaccinati dai primi mesi dell’anno.
Gli aumenti continui dei casi sono di un certo rilievo, tale che non consente distrazioni, eppure in provincia di Venezia ci sono 50 mila persone che potrebbero prenotare la terza dose di vaccino contro il Covid, ma che non l’hanno ancora fatto.

Per ora nelle Rsa la terza dose vaccinale è stata somministrata a 1.965 ospiti su 2412, corrispondenti all’82% di chi era nei tempi previsti e la poteva ricevere e al 61,3% sul totale degli ospiti che sono 3.209.

Il vaccino è il fondamentale presidio di salute per gli anziani ospiti, sostengono i dirigenti dell’Usl3: ” La campagna vaccinale ha permesso alle Residenze e ai nostri anziani ricoverati e ai dipendenti, di uscire dall’incubo di un’epidemia pervasiva e purtroppo in grado di causare molti lutti. Oggi la somministrazione della terza dose intende proseguire quell’azione, con la stessa garanzia di efficacia”.

Nelle tre strutture del Centro Nazaret a Zelarino, dell’Antica Scuola dei Battuti in Via Spalti a Mestre e del Centro Relaxxi di Noale, tra gli altri, si sono avviate, da Ottobre le prime somministrazioni.

Gli ospiti delle 31 strutture del territorio dell’Ulss 3 – vengono sottoposti al vaccino grazie all’azione coordinata dell’Ulss 3 Serenissima e delle Direzioni dei Centri Servizi Anziani. “Sofferenza, lutti, disagi, isolamento: la vaccinazione – rileva il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima, Edgardo Contato – ci permette di non dover affrontare le sofferenze che il virus ha portato in passato dentro le strutture che accolgono gli anziani. Per questo è necessario che tutti, anche i familiari, collaborino per rendere agili e veloci le operazioni di somministrazione della terza dose”.

Con i dovuti accorgimenti, ad oggi, continuano le visite ai parenti. E anche le uscite, come previsto dall’ordinanza del Ministero alla Salute del maggio scorso, sempre garantendo il tracciamento delle persone con cui l’anziano viene a contatto.

Il presidente dell’Ipav Luigi Polesel, alla dirigenza dei cinque Centri servizi per persone non autosufficienti (831 posti letto e oltre 700 lavoratori), invita alla massima collaborazione le famiglie, il personale che ha sempre lavorato con grande umanità e disponibilità verso gli ospiti, ad agire in modo tale da permettere a chi vive in una Casa di riposo di non ammalarsi e di poter godere della presenza dei familiari, indispensabile al loro mondo degli affetti e per lenire la solitudine.

E’ certo, però, che se i rialzi continueranno con il brusco trend di risalita, sarà necessaria una revisione, come confermano a “mezza bocca” operatori di “rsa“.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...