Brignoli eroe del Benevento, primo punto ai danni di Gattuso

ultimo aggiornamento: 05/12/2017 ore 20:00

140

Brignoli eroe del Benevento, primo punto ai danni di Gattuso

Dopo ben 14 partite si è interrotta la serie di risultati negativi che affliggeva la squadra e ne abbassava il morale. L’eroe della città è Alberto Brignoli, professione portiere, che ha segnato di testa il 2-2 al Milan al minuto 95, in quella zona recupero che ormai era diventata nota per essere quella in cui le Streghe erano solite subirlo il gol, e di conseguenza perdere la partita. Era successo ad esempio con il Sassuolo, gol di Peluso oltre tempo massimo, e con il Cagliari. Stavolta il Benevento stringe i denti e combatte su ogni pallone fino all’ultimo secondo e trova il più inaspettato dei pareggi.

Gattuso, prima partita da allenatore del Milan, ritrova De Zerbi a distanza di mesi da quella finale play-off tra Pisa e Foggia, in cui il Pisa guidato da Ringhio ha conquistato la B. Ci furono screzi allora, oggi sembra tutto in ordine grazie anche ad un saluto amichevole che i due si scambiano nel pre-partita. Il Milan cambia poco rispetto alla gestione Montella: 3-4-3 con Bonaventura esterno d’attacco e Montolivo-Kessiè in mezzo. Nel Benevento gioca Puscas in prestito dall’Inter insieme a D’Alessandro e a Parigini davanti, con Memushaj titolare a centrocampo. Nelle prime battute la partita è tutto sommato equilibrata con pochi veri affondi. Il Benevento riesce a crearsi un’occasione d’oro con un colpo di testa di Parigini che, incredibilmente, manda a lato con la porta spalancata.

Il Milan risponde e trova il gol dell’1-0 grazie ad una percussione di forza di Kessiè, che di fisico resiste al pressing e mette in mezzo un pallone morbido; Bonaventura appoggia per Kalinic, anticipato da Brignoli, e sulla ribattuta proprio l’ex Atalanta matte in gol. Il pareggio del Benevento arriva su calcio d’angolo, con Letizia che tira al volo e Puscas che insacca sulla respinta di Donnarumma. La gioia dura però solo pochi minuti per i campani. I rossoneri infatti ritrovano la grinta e riescono a mettere a segno il 2-1 grazie a Kalinic, che si sblocca dopo oltre 400 minuti senza gol. Il nuovo svantaggio rende più sicuro il Milan che ora rischia meno, ma si riapre tutto con l’espulsione di Romagnoli per doppia ammonizione. Con i rossoneri in 10 il Benevento spinge con tutto quello che ha e al 95’ trova il 2-2 con Brignoli che sale per il calcio d’angolo finale.

La salvezza è ancora solo una chimera per una squadra che è stata sfortunatissima ma le cui qualità sembrano comunque inadatte a restare nella serie maggiore italiana. Detto questo, nulla è mai detto nel calcio e le Streghe potrebbero ritrovare coraggio grazie a prestazioni di cuore come questa. Il Milan è sempre più in crisi e sarà compito (arduo) di Gattuso di ritrovare un gioco e la personalità che questa squadra ha smarrito.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here