martedì 25 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

Bollette che aumentano: si potranno pagare in 10 rate

Homeaumenti bolletteBollette che aumentano: si potranno pagare in 10 rate

Bollette in 10 rate per diluire ancora gli aumenti che, nonostante gli sforzi, comunque penalizzeranno le famiglie. E poi ancora il ritorno del bonus tv, accompagnato dal decoder consegnato a casa agli anziani con redditi bassi che non possono cambiare il televisore.
Dopo lunga attesa il governo deposita al Senato il suo “maxi-emendamento” alla manovra, un pacchetto omnibus che va dall’intesa sul taglio delle tasse alle nuove misure contro i rincari di luce e gas e abbraccia gli argomenti più vari, dai fondi per la scuola a quelli per gli incendi fino al nuovo intervento salva-Comuni, che nasconde il rischio di un aumento delle tasse locali per ripianare i conti delle grandi città.

I lavori a palazzo Madama, di fatto, non sono mai iniziati: la trattativa tra maggioranza e governo sulle modifiche alla legge di Bilancio si è svolta finora tutta tra riunioni più o meno formali, nell’attesa dell’emendamento del governo.
I gruppi si sarebbero impegnati a presentare meno richieste di correzione possibile, visto che il pacchetto è frutto delle lunghe negoziazioni di queste settimane.
Ma inizia a serpeggiare malumore tra i senatori perché all’ultimo sono spuntate non solo le delocalizzazioni, che dovrebbero entrare come ulteriore proposta del governo, ma anche la stabilizzazione dei magistrati onorari, su cui l’Italia rischia una procedura di infrazione europea. Questi ultimi emendamenti non sono ancora stati depositati, così come mancano ancora all’appello diverse questioni spinose a partire dal Superbonus: i partiti restano in pressing soprattutto per eliminare il tetto Isee sulle villette che però ha costi alti negli anni a venire.

L’intesa sul 110% porta con sé anche gli altri bonus, da quello per i mobili al bonus facciate, che ancora aspettano risposta. Le votazioni non dovrebbero iniziare prima di domenica pomeriggio con l’intenzione dichiarata di aprire una seduta fiume fino al mandato al relatore.
La manovra votata tutta in una notte sarebbe un inedito ma per chiudere almeno al Senato prima di Natale si impone oramai di stringere al massimo i tempi.
Intanto il governo presenta il dettaglio degli 8 miliardi per il taglio delle tasse: il prelievo sulle persone fisiche sarà a 4 aliquote (23%, 25%, 35%, 43%), e vengono riscritte anche le detrazioni, con una clausola salva-bonus Irpef per i redditi bassi.
C’è la cancellazione dell’Irap per 835mila autonomi (che vale circa 1,2 miliardi a regime).
E arriva, compreso nel pacchetto Irpef, anche lo sconto dello 0,8% dei contributi per i redditi fino a 35mila euro.

Per le famiglie ci sarà un ulteriore sollievo, temporaneo, sulle bollette, che potranno essere spalmate in 10 rate grazie a 1 miliardo che l’Arera potrà riversare alle imprese come anticipi.
Il governo come promesso si fa carico poi della riscrittura del Patent box, portando l’incentivo sui brevetti dal 90% al 110% (esclusi i marchi) ed eliminando il cumulo con il credito d’imposta per ricerca e sviluppo.
Stanziati anche nuovi fondi per la scuola, con 100 milioni che serviranno alla proroga di 7.800 contratti a termine per il personale Ata assunto durante il Covid, e altri 60 milioni per la valorizzazione degli insegnanti.
Arriva la proroga fino a marzo anche per i militari del programma Strade sicure e 50 milioni in più alla struttura del commissario per “i servizi logistici”.
Le città metropolitane in pre-dissesto (tra cui Napoli, Palermo, Torino e Reggio Calabria) riceveranno un contributo da 2,7 miliardi per salvare i bilanci ma in cambio dovranno siglare un patto per il ripiano del disavanzo basato su spending review, migliore riscossione e, se necessario sull’aumento delle addizionali Irpef o delle tasse di imbarco portuali e aeroportuali.
Arriva anche la società ad hoc per il giubileo del 2025 e la definizione dei poteri per il commissario (già individuato nel sindaco di Roma Roberto Gualtieri).

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Federico Baldan
Laureato magistrale in Lingua e Letteratura Inglese e Postcoloniale a Ca' Foscari. Esperto di sport, videogiochi, fumetti.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...