Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
5.5C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeOspedaliBatterio ospedaliero killer: altri due decessi dopo i due casi in Veneto

Batterio ospedaliero killer: altri due decessi dopo i due casi in Veneto

Batterio ospedaliero killer: altri due decessi dopo i due casi in Veneto

Due nuovi casi di pazienti morti per infezione accertata da Micobatterio Chimaera, il cosiddetto batterio killer, dopo quelli segnalati in Veneto, sono stati accertati in Emilia Romagna.

Per altri ulteriori due decessi sospetti sono in corso verifiche, mentre per circa 100 cartelle su 134, l’indagine deve partire.

Il risultato è emerso dai controlli avviati dall’Emilia Romagna in seguito alla richiesta del Ministero della Salute che ha chiesto alle Regioni i dati su eventuali casi di infezione e sollecitato anche un approfondimento delle informazioni raccolte a partire dal 2016 dall’Istituto superiore di Sanità.
Mentre l’Ospedale Salus si difende: “legame con decessi da valutare”.

“Siamo di fronte ad un evento raro, causato probabilmente da un lotto di macchinari prodotti dalla stessa azienda. L’allerta, naturalmente, da parte nostra è massima”, ha affermato l’assessore per la salute dell’Emilia-Romagna, Sergio Venturi, annunciando l’avvio di un’indagine della Regione sul Micobatterio chimera.

“Abbiamo due casi di decesso causato dall’infezione di quel batterio, avvenuti al Salus Hospital di Reggio Emilia, segnalati al ministero quest’estate”, spiega Venturi. “Si tratta di eventi molto rari – aggiunge – che fanno pensare che tutto sia legato a un lotto particolare di macchinari prodotti dalla stessa azienda”.

Si tratta di macchine cuore-polmone che consentono la circolazione extracorporea durante particolari interventi di cardiochirurgia.

La Regione sta preparando un’informativa che invierà a tutti i pazienti operati nelle cardiochirurgie che hanno richiesto l’utilizzo della macchina cuore-polmone.

“Vogliamo informarli sulle infezioni e che qualora avvertissero quei sintomi per periodi prolungati si devono rivolgere al medico di base”, sottolinea Venturi.

In Veneto una denuncia è stata presentata nei giorni scorsi dai parenti di Paolo Demo, un anestesista vicentino di 66 anni morto il 2 novembre scorso in seguito a un’infezione causata dal microbatterio Chimaera.

Secondo la famiglia del medico, a provocare il decesso sarebbe stato il batterio contratto durante un intervento chirurgico al cuore per la sostituzione della valvola aortica a cui Demo si era sottoposto nel 2016.

La responsabilità, sostiene l’esposto, sarebbe da attribuire all’uso di un macchinario per la circolazione extracorporea in uso nelle sale operatorie di cardiochirurgia.

L’azienda produttrice della strumentazione si è difesa sostenendo di aver già avvertito nel 2015 gli ospedali del problema, consigliando l’adozione di una accurata sanificazione.

L’ospedale rende noto, invece, che “all’epoca dei fatti l’esistenza e la probabilità di esposizione al micobatterio tramite l’utilizzo di questi macchinari non poteva essere conosciuta in quanto la conoscenza di tale problematica è avvenuta per il mondo medico italiano successivamente ai fatti citati”.

Anche alla luce dalla nota dell’Asl citata dal Salus e datata luglio 2018, l’ospedale ribadisce che “il presunto legame fra alcuni dei decessi e le infezioni tramite il macchinario di riscaldamento extracorporeo è attualmente ancora in fase di valutazione”.

Il sospetto dei familiari, anche sulla scorta di un memoriale lasciato da Demo, resta che l’ospedale, pur sapendo del rischio connesso all’utilizzo del macchinario, non abbia preso provvedimenti in tempo utile.

“I rigorosi processi di sterilizzazione degli ambienti, del personale preposto per tutto il periodo di impiego dei macchinari e dei macchinari stessi in uso nelle sale operatorie di Salus Hospital sono sempre stati eseguiti con estrema accuratezza di tutti i protocolli previsti. E tutti i certificati di analisi sono sempre risultati negativi al batterio”, spiega ancora il presidio.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...