Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
10.1C
Venezia
domenica 07 Marzo 2021
HomeMestre e terrafermaBaby Gang di Marghera spedita al carcere minorile

Baby Gang di Marghera spedita al carcere minorile

Baby Gang di Marghera spedita al carcere minorile

La Baby gang della rapina di Marghera si può dire smantellata. Li hanno individuati e arrestati.

Sono “loro” i tre ragazzi di Marghera gli autori di una cruenta rapina che ha avuto come vittime una donna di oltre cinquant’anni e il suo compagno disabile di sessantaquattro.

Si tratta di tre minorenni : hanno adocchiato la coppia sul tram, sono scesi con loro, l’hanno seguita fino alla loro abitazione in via Correnti. In due hanno bloccato la coppia nell’androne di casa ( il terzo era fuori nel suo ruolo di palo), malmenando e spingendo la donna a terra che cercava di resistere, e rubando quel che c’era nella sua borsetta: carte di credito e qualche decina di euro.

I tre ragazzi, già conosciuti in quella zona di Marghera, sono stati individuati dalla polizia e per decisione della Procura sono stati trasferiti al carcere minorile di Treviso.

L’odiosa vicenda, ripropone la violenza che i giovanissimi riescono a perpetrare nei confronti di vittime prese di mira, soprattutto bengalesi, accerchiati e picchiati senza pietà, con la modalità del branco, che numerosi esperti e educatori non sanno come leggere e interpretare.

La Squadra Mobile è da anni impegnata nell’individuazione delle Baby gang, che agiscono con preoccupante incoscienza rispetto la natura e la conseguenza dei loro atti. Ogni volta- come spiegano Angela Lauretta e Barbara Re, responsabili della Squadra – tentiamo un approccio persuasivo, teso a responsabilizzare i ragazzi, a far capire loro la gravità di quel che fanno, bisognerebbe che le famiglie, la scuola intervenissero. In caso contrario, la situazione peggiorerà di giorno in giorno e questi ragazzi così giovani mettono in gioco e in forse il loro domani.

Trovarsi in carcere a 15, 17 anni, non solo è terribile, ma non è “unicamente” di questo, di cui i ragazzi che agiscono violentemente hanno bisogno. La cosiddetta comunità educativa potrebbe entrare a tutto titolo in queste esistenze, avendone le competenze, per favorire uno sbocco da una realtà davvero inquietante, offrendo strumenti di prevenzione ai ragazzi e alle loro famiglie per meglio vivere e capire al vita.

Redazione

17/04/2016

(cod babyga)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito...

Jesolo, fotografo della discoteca nei guai: ragazze finivano escort

Jesolo, un fotografo 64enne, è finito nei guai per un'indagine sulla prostituzione. Secondo le accuse sarebbe un caso di adescamento al fine di reclutare...

C’è secca, dall’Adige spunta un’automobile con dentro un cadavere

C'era un cadavere all'interno della carcassa di un'automobile riemersa venerdì pomeriggio dal fiume Adige, parzialmente in secca, a Boara Polesine, nel rodigino. La vettura...
spot

Accuse violenza sessuale a Filippo Roncato, in rete molti contro la 15enne

Accuse di violenza sessuale a Filippo Roncato: il popolo del web (e degli amici del giovane) si scatena. A prescindere dal risultato delle indagini che...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che...

Coronavirus, altri 4 morti. I casi di Venezia e Mestre

Coronavirus, un percorso che, al momento, non si arresta: altre 4 vittime. Ora sono sette i morti in Italia per coronavirus, tutti anziani o con...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Portabagagli abusivi di Piazzale Roma identificati ma irrintracciabili

Ponte di Calatrava, turisti con le valigie in mano, ed ecco a disposizione un gruppo assiduo di persone, che si offrono di portare i...

Dimagrire con il bisturi a Mestre si può, all' Ospedale dell' Angelo

Si chiama chirurgia bariatrica (dal greco: peso, grasso) ed è una specialità recente, che ha avuto un rapido sviluppo negli ultimi...

Francesca Zaccariotto sindaco di Venezia? Perchè no, con le Primarie

Francesca Zaccariotto dalla data del suo insediamento come presidente della Provincia di Venezia è attenta e impegnata nelle vicende veneziane, è intervenuta sul degrado,...
spot

Brugnaro spegne le Ztl di Mestre: “Stop oppressione commerciale”

La Giunta Bugnaro ha deciso, stop alle telecamere e alle Ztl in centro a Mestre da venerdì 14 aprile fino al 31 luglio prossimo....

Coronarivus, due ricoverati all’ospedale di Venezia

Coronarivus, la situazione per bocca del governatore del Veneto, Luca Zaia, alle ore 11.20 di questa mattina, domenica 23 febbraio: "La cattiva notizia è...

Nebbia a Venezia, in laguna salvati passeggeri di 2 barche

Nebbia e foschia hanno causato disagi la scorsa notte nella laguna veneziana. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire per salvare gli occupanti di...