5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
19.5 C
Venezia
sabato 15 Maggio 2021

Attacco hacker i pirati usano i vostri frigoriferi, baby monitor, cancelli automatici

HomeNotizie NazionaliAttacco hacker i pirati usano i vostri frigoriferi, baby monitor, cancelli automatici

Attacco hacker i pirati usano i vostri frigoriferi, baby monitor, cancelli automatici

Guardate la foto. Potrebbe essere il vostro nemico. O potrebbe diventarlo. Se un giorno si anima e vi spaventa non è possessione: siamo arrivati alla versione 2.0 della pirateria informatica.
Immaginate che gli hacker possano entrare nel vostro microonde, nel vostro riscaldamento, nel vostro antifurto, o in qualsiasi dispositivo abbiate collegato alla rete per farlo funzionare. A loro basta che sia connesso.
Per farlo impazzire? Non solo, per prenderne il controllo ed usarlo ‘da remoto’.
Per quali scopi? Vandalismi oppure, peggio, come avvenuto qualche giorno fa, per usarli come ‘ponte’ per andare a fare attacchi informatici ad aziende.
Incredibile, vero?

Dobbiamo renderci conto che non siamo più nel campo della fantascienza: il maxi cyber-attacco che si è abbattuto sulla costa orientale, con ripercussioni in tutto il Paese e strascichi a livello globale, fa tremare. Le nuove ‘armi’ usate per portarlo a termine, sono baby monitor (i trasmittenti per controllare i neonati) le stampanti, ed altri dispositivi domestici comandati ad insaputa dei proprietari.

I tre attacchi che hanno colpito Dyn, la società specializzata nella conversione dei nomi dei siti in indirizzi IP, sono stati eseguiti con Mirai, un programma di facile uso che consente anche ad hacker non professionisti di prendere il controllo dei dispositivi online e usarli per cyber-attacchi.

Virus contenuti in email phishing, quelle truffa per cercare di ottenere informazioni personali, sono state usate per infettare il computer o la rete internet di una singola abitazione, assumendo il controllo di tutti i dispositivi a questa collegati, dalle telecamere ai baby monitor.

I dispositivi di cui è stato assunto il comando hanno poi creato una ‘rete robot’, o botnet, per inviare milioni di messaggi alla vittima prescelta, in questo caso Dyn, inondandola di segnali fino a mandarla in tilt.

“Si è trattato di un attacco molto intelligente”, ha detto Kyle York, chief startegy officer di Dyn. “Ogni volta che provavamo a mitigare gli effetti, loro aumentavano l’intensità”, ha aggiunto, precisando che il sistema Dyn, una piccola società con 500 dipendenti, è stato travolto da milioni di messaggi e segnali provenienti da tutto il mondo, che hanno confuso il sistema facendolo crollare.

Le milioni di sollecitazioni, infatti, non hanno consentito al sistema di capire quali fossero le richieste vere e quelle false.

Il codice per Mirai è stato pubblicato sul ‘dark web’, dove si trovano i siti per gli hacker, agli inizi del mese, spingendo subito gli esperti a ritenere che un attacco sarebbe stato imminente. E così è stato.

Le autorità indagano e al momento non si sbilanciano sui possibili responsabili, anche se secondo alcune fonti citate dalla stampa americana è difficile che si possa essere trattato di un attacco sponsorizzato da uno stato straniero.

Dubbi anche sul fatto che siano stati i sostenitori di Wikileaks, che lo hanno rivendicato online come ritorsione per la ‘disconnessione’ di Julian Assange dal web decisa dell’Ecuador. “Wikileaks continua a operare. Chiediamo ai nostri sostenitori di fermare gli attacchi a internet. Avete fatto capire il vostro punto”, ha affermato la stessa Wikileaks su Twitter.

Paolo Pradolin | 23/10/2016 | (Photo: repertorio: Witchcraft (1964)) | [cod calciove]

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor