21.9 C
Venezia
giovedì 23 Settembre 2021

Arrestato marocchino a Jesolo responsabile di decine di furti

HomeStranieri violentiArrestato marocchino a Jesolo responsabile di decine di furti

La Polizia di Stato di Venezia, grazie all’attività del Commissariato di Jesolo, ha denunciato un cittadino marocchino, B. A., nato nel 1980, sedicente residente a Vigevano (PV) ma di fatto senza fissa dimora ed irregolare sul territorio nazionale, per furto, ricettazione e porto d’armi.
L’uomo è stato individuato durante un controllo presso un edificio in costruzione di Jesolo in via Roma Destra, effettuato poiché era emerso il sospetto che l’immobile fosse utilizzato come ricovero di fortuna da parte di soggetti dediti ad attività illecite.
Sul posto, infatti, l’uomo aveva organizzato una sorta di bivacco di fortuna, accumulando una notevole quantità di borse, zaini, asciugamani, indumenti di varia foggia e misura ed altri effetti personali, molti dei quali femminili.

Lo straniero è stato quindi accompagnato presso il Commissariato di Jesolo, assieme a tutto il materiale sospetto.
Grazie ad un paziente lavoro di verifica e riscontro su quanto rinvenuto, è stato possibile risalire e collegare alcuni effetti personali ad una decina di denunce per furti avvenuti sull’ arenile jesolano nell’ultimo periodo.
Contattati i denuncianti, molti degli interessati si sono presentati in Commissariato, riconoscendo i propri beni, tra cui borse, asciugamani, costumi da bagno, ciabatte, scarpe, un orologio, occhiali, vari effetti personali.
Tutti gli oggetti sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

Il soggetto, già noto alle Forze dell’Ordine per varie segnalazioni di polizia, tra le quali alcune specifiche per furto e ricettazione, era inoltre in possesso di una somma contante di quasi duemila euro, in banconote di vario taglio, che è stata sequestrata in quanto ritenuta provento di attività illecita.

Analogamente sono stati sequestrati due coltelli.
L’uomo è stato quindi tempestivamente segnalato all’ Autorità Giudiziaria di Venezia per i reati di furto, ricettazione, porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Nei suoi confronti sono state avviate, inoltre, le procedure amministrative connesse alla sua posizione di irregolarità sul territorio nazionale.

Vedi anche:

Spaccio di droga nell’appartamento dell’Ater di Castello (Venezia)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor