13.9 C
Venezia
giovedì 23 Settembre 2021

Appello di 29 cittadini veneziani su Ius Soli, precisazioni

HomeLettereAppello di 29 cittadini veneziani su Ius Soli, precisazioni

Riceviamo e pubblichiamo.

Spett.le Redazione,

con riferimento all’appello di 29 cittadini veneziani al Segretario nazionale del PD, da voi pubblicato il 27 dicembre, reputo necessarie alcune precisazioni.

Tutto il Partito Democratico veneziano condivide l’amarezza per la mancata approvazione della legge sullo Ius Soli, una legge di civiltà della quale il nostro Paese ha assoluta necessità. Non va però dimenticato che è stato proprio il PD a presentare la proposta di legge e a farla approvare alla Camera, dove esisteva una maggioranza che la sosteneva. Al Senato, purtroppo, non ci sono i numeri e tutti sappiamo bene che se una proposta di legge viene bocciata è molto difficile poi poterla riproporre.

Gli assenti avrebbero fatto certo meglio ad essere in aula, ma è opportuno sottolineare che le assenze nelle fila del PD non sono affatto state determinanti: con o senza i nostri 29 senatori il numero legale non ci sarebbe stato. Va sottolineato che anche tra le altre forze politiche favorevoli alla legge si sono registrate significative assenze.

Certe prese di posizione al riguardo sono strumentali e fuori luogo. Mi rendo conto che la grande delusione, che è anche la mia, per la mancata approvazione delle legge possa determinare una lettura non corretta in chi mette tanta passione e impegno nel suo agire in politica e nella società, ma non dobbiamo farci fuorviare da una narrazione distorta: in questi 5 anni, nonostante condizioni oggettivamente difficili, sono stati fatti enormi passi avanti sul tema dei diritti civili: penso, solo per fare alcuni esempi, alle leggi sulle unioni civili, sul biotestamento, sul ‘dopo di noi’, sul reato di tortura.

Il PD veneziano auspica che la legge sullo Ius Soli sia approvata al più presto, ma perché ciò avvenga dovremo lavorare con tutto il nostro impegno affinché ci possa essere in Parlamento una maggioranza sensibile al tema dei diritti civili.

Infine una nota doverosa: risulta quantomeno sconcertante che a firmare tale appello al Segretario del PD non siano solo rappresentanti nelle istituzioni, iscritti e simpatizzanti del nostro partito, ma anche militanti di altre forze politiche ed addirittura attivisti del Movimento 5 Stelle, che di questa legge è stato tenace oppositore.

È opportuno, infatti, non dimenticare che chi ha combattuto contro l’approvazione di questa legge ha un nome e un cognome: Movimento 5 Stelle, Lega e Forza Italia in prima fila.

Giorgio Dodi
Segretario Comunale Partito Democratico di Venezia

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

6 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Firmatari 5 stelle mi sembra sia solo io. Come ho scritto su FB, ho firmato perché l’appello era trasversale. D’altronde i parlamentari si erano astenuti alla Camera ed aveva già annunciato che non avrebbero partecipato alla votazione al Senato, non per contrarietà al principio ma soprattutto ald ettato della legge. La questione è europea senza dubbio ma i quattro paesi del gruppo di Visegrad non la voteranno mai e quindi siamo punto e a capo.

  2. Possibile che voi del Pd non abbiate altro in testa che cambiare l’identità del popolo??? Molti o quasi tutti i clandestini che fate arrivare sono delinquenti. La maggior parte dei delitti (in tutti i sensi) sono opera loro. Non penso che Venezia necessiti di delinquenza in più di quella che ha!!! Per cortesia cercate di cambiare le vostre priorità e lavorate per il.popolo veneziano, che di certo non vuole cambiare il suo modo d’essere per dare spazio agli invasori. Il popolo ITALIANO NON LI VUOLE O MEGLIO, VORREBBE AIUTARE CHI VERAMENTE SCAPPA DALLA GUERRA, NON BELLIMBUSTI SENZA ARTE NE’ PARTE CHE VOGLIONO SOLTANTO DELINQUERE E VIVERE SULLE SPALLE NOSTRE. CI AVETE TOLTO TUTTI I DIRITTI, PROPRIO VOI DEL PD. COME FATE A NON CAPIRE LE PRIORITÀ DEL POPOLO ITALIANO?

  3. Mi augurerei che il PD VENEZIANO, si interessasse si più di come vanno le cose in città E PORTASSE LE VITTORIE per i VENEZIANI E PER GLI ITALIANI DIMENTICATI:
    – I DISOCCUPATI DEL COMUNE DI VENEZIA;
    – GLI ASILI E LE RETTE;
    – I TRASPORTI, (vedi protesta del Villaggio Laguna);
    – IL CENSIMENTO DELLE CASE POPOLARI (vediamo quante sono chiuse e quante in pessimo stato affittate fuori normativa di legge, sicurezza incendi e via di questo passo), dichiarazioni ISEE con livelli molto bassi e calcolate sempre sul LORDO, con i furbetti che continueranno nonostante tutto ad essere ancora più FURBI! Ristrutturazione degli immobili in centro storico per non esiliare gli abitanti del CENTRO STORICO!
    – IL RACKET dell’ ELEMOSIONA, un nero (definire di colore è indefinito) appostato ad ogni angolo di Venezia e Terraferma, indagare a chi sono intestati i contratti dei cellulari in loro possesso.
    – RAPINE (mi insospettiscono gli appostamenti, ovvio che si pensa male;
    – RACKET del grano in Piazza S. Marco, se n’è accorto il mondo intero e le forze dell’ordine NO, e si danno le multe ai monopattini dei bambini;
    – RIFIUTI nessuna alternativa al porto a porta, con i diversi stili di vita e di lavoro, se tu veneziano non puoi essere in casa al mattino, TE LE MAGNI!
    Questo è ciò che mi viene in mente per il momento, per Venezia e per gli ITALIANI di cose ne avete da pensare e da risolvere. DARE la cittadinanza alla nascita significa togliere rogne al GOVERNO ITALIANO, più che a regalare diritti, tanto i diritti non sono mai rispettati. COME E’ IGNOBILE regalare il permesso di soggiorno per RIFUGIATO POLITICO a chi non è rifugiato politico (cronaca insegna).
    – EQUIPARARE IL CITTADINO COMUNITARIO al CITTADINO EXTRACOMUNITARIO in fatto di diritti alla sanità ed altri, facilitando l’emigrazione nei PAESI COMUNITARI e non OSTACOLANDOLA;
    – BLOCCARE I FLUSSI MIGRATORI VERSO L’ITALIA E L’EUROPA proprio per consentire i DIRITTI che si regalano, evitando di buttarli per la STRADA..posto per tutto L’AFRICA in ITALIA non c’è ne’. Alquanto di SOSPETTO che a raggiungere L’Italia siano in grande prevalenza GIOVANI MASCHI e poche famiglie.
    Questo è quello che mi viene in mente di botto.
    Per quanto di voti visto che il PD è più interessato ai problemi che ritengo secondari che a quelli che affliggono gli ITALIANI, cercatevi i voti tra i nuovi Italiani.
    Buon Anno Nuovo!

  4. Rispondo a Dodi, essendo una firmataria del documento.

    Punto 1 –
    Sappiamo, certo, che i 29 non sarebbero stati sufficienti a far passare la legge.
    Il nostro documento è stato firmato ‘dopo’ la notizia del mancato numero legale.
    Quindi è chiaro che chi ha firmato, ha capito che pur con le 29 presenze PD , non si sarebbe raggiunto l’auspicato numero.
    Per quanto mi riguarda, ho sentito la necessità di esprimere la mia indignazione.
    L’assenza di quei 29 è per me indicativa di “leggerezza”, ovvero, mancanza di impegno che deve essere in qualche modo sottolineata e “sanzionata”;

    Punto2 –
    Firmatari esterni al PD (come la sottoscritta):
    Si può essere simpatizzanti del Pd con cui si condividono idealmente i principi, ovvero, futuri possibili elettori.
    In ogni caso, con una sensibilità di sinistra rimasta profondamente delusa che ha richiesto di esprimersi in qualche modo;

    Punto 3 –
    Firmatari 5stelle
    Forse presa di posizione autonoma rispetto al partito di appartenenza?
    Comunque, sicuramente adesione personale, forse non del tutto coerente, purtuttavia ripeto ‘personale’

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor