7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

A spasso per Mestre invece che ai domiciliari. Membro baby gang con reati infiniti finisce in carcere

HomeMestre e terrafermaA spasso per Mestre invece che ai domiciliari. Membro baby gang con reati infiniti finisce in carcere
la notizia dopo la pubblicità

A spasso per Mestre invece che ai domiciliari. Membro baby gang con reati infiniti finisce in carcere

I Carabinieri della Tenenza di Mira hanno arrestato nuovamente un ragazzo 18nne.

P.E., nato a Cuba ma residente da tempo a Mira, già ammanettato a dicembre in flagranza per gravi reati di Estorsione, Rapina, Lesioni personali e Spaccio di Stupefacenti, era indicato come un componente attivo della tristemente nota “baby gang” che imperversava nel centro di Venezia e Mestre.

L’attività d’indagine dello scorso anno aveva permesso di stroncare l’attività del giovane che, per motivi legati proprio ad un debito per l’acquisto dello stupefacente, aveva avanzato, accompagnandole con ripetuti episodi di intimidazioni, percosse e minacce, continue richieste di denaro ad un ragazzino, venendo infine riconosciuto come componente attivo della cosiddetta “baby gang” assurta agli “onori” delle cronache nei mesi passati.

La ‘baby gang’ era diventata nota e temuta per le scorribande sia a Venezia che nella terraferma per continui atti di prevaricazione – specie sulle fasce più deboli della società – risse e per piccoli episodi di spaccio.

Per ultimo, il giovanissimo è stato segnalato come soggetto attivo nello spaccio anche nel trevigiano, nella zona di Castelfranco Veneto, e infine come autore, insieme ad altri poi denunciati dagli stessi Carabinieri di Mira, del lancio di sassi dal cavalcavia oltre a furti vari.

Considerato lo spessore criminale sia pur in giovanissima età e l’allarme sociale suscitato, i carabinieri tenevano sotto controllo il ragazzo, poi scarcerato ed ammesso alla pena alternativa degli arresti domiciliari.

Proprio l’azione di controllo permetteva di scoprirlo di nuovo in comportamento trasgressivo, quando la pattuglia dei Carabinieri di Mira in transito a Mestre lo notava aggirarsi per le vie cittadine in piena violazione della prescrizione del Giudice.

Oltre all’arresto in flagranza di evasione, contestualmente è stato notificato anche un Ordine di Carcerazione emesso per la medesima ragione e proprio per le pregresse segnalazioni dei Carabinieri.

Risulta evidente che il giovane non vuole saperne di riconoscere alcun tipo di Autorità e non ha la percezione dei gravi fatti commessi, così ora dovrà meditare sui suoi gesti in carcere dove è stato accompagnato a disposizione del Magistrato.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...